Facebook Twitter YouTube Biografia NewsLetter Scrivimi

20.04.2015 ORE 12.00 – UNIVERSITÀ BOCCONI – Aula Magna Gobbi

manipulite

 

E’ possibile partecipare gratuitamente solo previa registrazione al seguente link:

https://eventbrite.it/event/16552375601/

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/1FSQ67G

1992 La Serie, Antonio Di Pietro: “Meno male che l’hanno chiamata così, perché di Mani Pulite ho visto poco”

n-DIPIETRO-large570 (1)Cari amici, pubblico, qui di seguito, l'intervista che ho rilasciato ad Andrea Purgatori, L'Huffington Post: 1992 La Serie, Antonio Di Pietro: "Meno male che l'hanno chiamata così, perché di Mani Pulite ho visto poco" Andrea Purgatori, L'Huffington Post Pubblicato: 25/03/2015 13:10  “Sulla Milano da bere, niente da dire. Era così. Su come se la sono bevuta e come ce li siamo bevuti, ne riparliamo alla prossima puntata”. Ad Antonio Di Pietro “1992” è piaciuto e si è pure divertito a tornare indietro nel tempo, a quel tempo. “Come la vogliamo definire questa serie? Impegnata? Ma hanno fatto bene a dargli quel titolo, perché di Mani Pulite ancora ho visto poco”. Mario Chiesa, quello è inconfondibile. “Sì, ma sia chiaro che ci servì come grimaldello per scassinare la cassaforte ed entrare dentro. Perché i nomi degli altri li avevamo già trovati in un sacco di inchieste. Vado a memoria: Lombardia Informatica, Oltrepò Pavese, Carceri d’Oro, Alluvione Valtellina…”. Era così Di Pietro, scorbutico, sigaro in bocca, testa dura? “Beh, in questa prima udienza… (ride) lapsus, ma ci sta… in questa prima serata ho visto troppo poco per dare un giudizio sul mio ruolo. Ci sono parecchie storie intrecciate. Certo, chi c’era allora capisce tutto. Chi è il rampante di Publitalia e chi ci sta dentro quelle scarpe… perché di Berlusconi solo le scarpe si vedono. Ma ai giovani di oggi bisognerebbe fargli uno spiegotto”. C’è quel passaggio del processo per direttissima a Mario Chiesa, per cui lei lasciò decadere i termini in modo da continuare l’inchiesta. Giusto? “Le cose andarono proprio così, tranne che per un particolare. Gli sceneggiatori hanno descritto un procuratore capo Borrelli che si voleva liberare del fascicolo e un Di Pietro che si oppose facendo finta di essersi dimenticato dei 15 giorni previsti dal codice per la direttissima. In realtà, in quelle due settimane io ero andato talmente avanti con l’indagine che il processo per direttissima sarebbe stato inopportuno. Io ero già entrato col punteruolo dentro al sistema della Milano da bere che si beveva le istituzioni, la mazzetta fu quello che ci mancava per beccarli con le mani nella ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/1EG461m

Un mondo di complicità, ricatti, omissioni. Politica e aziende si coprono a vicenda

Cari amici, pubblico, qui di seguito, l'intervista che ho rilasciato a Piero Colaprico, pubblicata su Repubblica del 18.3.2015 : Antonio Di Pietro: "Un mondo di complicità, ricatti, omissioni. Politica e aziende si coprono a vicenda" Quando nel 2006 tornò ai Lavori pubblici, l'ex pm estromise Incalza dal ministero: "Il suo nome mi era noto già dai tempi di Mani pulite, è potente perché lega gli interessi delle Coop rosse e di Cl" di PIERO COLAPRICO MILANO - Com'è possibile, Antonio Di Pietro, che lei arrivi al ministero dei Lavori Pubblici, nel 2006, e scacci su due piedi Ercole Incalza, oggi polo negativo dell'inchiesta fiorentina? Difficile credere che lei abbia visto dove altri erano ciechi... "Ero già stato ministro dei Lavori pubblici nel 1996, quando vi tornai trovai questa "struttura tecnica di missione", creata ad hoc per togliere il potere ai provveditorati alle opere pubbliche, coordinata da Incalza. Restituii le funzioni operative a chi di lavori pubblici capisce, e cioè ai provveditori. E siccome la struttura è di controllo, ci misi a capo un maresciallo, poi diventato capitano, Salvatore Scaletta, con cui lavoravo nel 1992, ai tempi di "Mani pulite". A Incalza non solo tolsi il coordinamento, ma lo misi fuori dal ministero ". Però poi Incalza è tornato... "Al di là delle responsabilità penali, Incalza, che frequentava gli uffici dei ministeri dai tempi del socialista Signorile, aveva una storia giudiziaria importante. Era amministratore della Tav, nel 1993, e aveva a che fare con le aziende che già nel 1992 erano state inquisite da noi del pool Mani pulite. Nei vari sequestri di documenti emergeva che gli imprenditori arrestati parlavano di lui. Per competenza mandammo il fascicolo a Roma. Mi pare che qualche pubblico ministero che non ha fatto niente poi è finito sotto processo a Perugia. Con ciò voglio dire che l'anomalia non è nel mio comportamento". Quale "anomalia" rivuole Incalza al ministero? "Bisogna partire da un concetto, se no non si capisce dove sta il trucco. Dalle grandi imprese, che lavorano con gli appalti, non nascono solo ponti, viadotti e ferrovie, ma anche valigie di soldi per il finanziamento occulto alla politica. È chiaro? Allora, i casi ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/1xi0kOy

Tangenti su TAV ed EXPO: vi racconto io chi è Incalza

Cari amici, ancora una volta è dovuta intervenire la Magistratura per fermare 'i soliti noti' che la fanno da padroni con i nostri soldi. Questa volta è toccato (anzi è 'ritoccato') ad Ettore Incalza ed ai suoi compari. Siccome molti potrebbero non ricordare chi è Ettore Incalza e che cosa accadeva ed accade ancora al Ministero delle Infrastrutture vi invito a leggere l'intervista che ho rilasciato ad Alessandro De Angelis per l'Huffington Post che potete anche leggere qui di seguito: Tangenti su Tav ed Expo, intervista a Di Pietro: "Lupi si deve dimettere. Vi racconto io chi è Incalza" Pubblicato: 16/03/2015 17:13   “Eccerto che in un paese normale Lupi si dovrebbe dimettere”. Il telefono di Tonino Di Pietro, quando c’è un’ordinanza, bolle. Perché la toga, in fondo, non se l’è mai tolta. Legge le carte, si informa, ha fiuto. E lo scandalo che coinvolge il ministro Lupi è grosso: “Si, però non farmi parlare di Rolex al figlio e vestiti a lui, che devo prima leggere bene le carte”. Ma la responsabilità politica del ministro, secondo l'ex pm, c’è già tutta. Scusi Di Pietro, Lupi poteva non sapere? Risposta: “Eh no, il ministro mica può dire: non sapevo nulla e facciamo finta che nulla sia successo. Un ministro che non si accorge di quello che è successo, ammesso che non se ne fosse accorto, ha già una responsabilità enorme”. Tanto che lui, Di Pietro, quando mise un piede al ministero delle Infrastrutture, la prima cosa che fece fu quella di allontanare Ercole Incalza. Scusi Di Pietro, partiamo dall’inizio. Ci dice chi è davvero questo Incalza? Incalza è un manager già in voga nella Prima Repubblica che, a partire dalla gestione del ministro Signorile, ha passato la sua attività professionale, nel bene o nel male, al ministero dapprima come dirigente e poi come consulente. Nel bene o nel male.  Io ho avuto modo di prendere atto della esistenza del personaggio Incalza all’epoca di Mani Pulite svolgendo indagini nei confronti di imprenditori che tra i tanti appalti con l’amministrazione dello Stato avevano anche ottenuto alcuni appalti per la progettazione ed esecuzione della Tav. E che scoprì? Successe che, nell’ambito delle attività investigative e in particolare ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/1bcs3pW

Sulla mia candidatura a Sindaco di Milano

Cari amici, pubblico l'intervista rilasciata a Francesco Maesano per 'La Stampa'. Antonio Di Pietro

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/1Eh2Q4G

Berlusconi: legge cambiata, giustizia gabbata!

11 marzo 2015 Come al solito, anche con riferimento all'ultima decisione della Corte di Cassazione in merito al cosiddetto “caso Ruby”, una normale sentenza giudiziaria viene utilizzata per ennesimo attacco ai magistrati di Milano, accusandoli ingiustamente di aver fatto un processo politico nei confronti dell’ex premier Silvio Berlusconi e chiedendo a gran voce di punire quei magistrati che hanno osato metterlo sotto accusa. In realtà non c’è stata alcuna azione penale né avventata, né strumentale ma necessaria e necessitata dal fatto che la pubblica accusa ha il dovere costituzionale dell’azione penale di fronte a una notizia di reato, accusa che peraltro era stata pure confermata dal Tribunale di primo grado. La Corte di Appello prima e la Cassazione dopo hanno ritenuto che i fatti contestati a Berlusconi non abbiano rilevanza penale. Sono anch’esse sentenze da rispettare in quanto il nostro sistema è appunto basato sul triplice grado di giudizio dove, però, l’esito dell’ultimo grado non deve criminalizzare il precedente solo perché ha deciso diversamente. Peraltro, nel rispetto di quanto deciso dalla Corte di Cassazione, vi è da rilevare che il primo e più grave reato contestato era quello di concussione, reato che è stato modificato all’epoca rispetto all’originaria previsione proprio dal governo Berlusconi e dalla sua maggioranza, eliminando la figura del reato di concussione per induzione. Evidentemente la Corte di Appello prima e la Cassazione ora hanno ritenuto che, nel caso di specie, non vi era stata minaccia o violenza, ma semmai solo induzione o intimo convincimento, dovuti sia al fatto che a telefonare a un funzionario della Questura fosse addirittura il presidente del Consiglio sia al fatto che era stata rispettata la prassi in uso in casi di affidamento di minori. Berlusconi è stato assolto anche con riferimento al reato di prostituzione minorile ed anche di ciò va doverosamente preso atto e rispettato. Rimane però una domanda appesa in aria che la sentenza della Cassazione sicuramente dovrà spiegarci per benino e cioè: ma se davvero Berlusconi non sapeva che Ruby fosse minorenne, per quale astrusa ragione ha subissato di telefonate la Questura di Milano per farla affidare alle cure dalla maggiorenne Nicole Minetti? ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/1MubqDq

A proposito della sentenza di assoluzione di Berlusconi……

(intervista da me rilasciata oggi, 11 marzo 2015, a Lucia Bigozzi per Intelligonews) “Il processo era ed è un atto dovuto sancito dalla Costituzione quando c’è una notizia di reato. Da parte dei magistrati non c’è stata alcuna azione penale avventata o strumentale”. Antonio Di Pietro, analizza sul piano tecnico-giuridico la sentenza di assoluzione nei confronti di Berlusconi richiamando in parallelo la vicenda di Mani Pulite. Nella conversazione con Intelligonews si toglie anche qualche sassolino – politico – dalle scarpe… Berlusconi assolto. Mutuando dal “dipietrese”: e ora chi paga? «Il processo era ed è un atto dovuto quando c’è una notizia di reato. E certamente la notizia di reato c’è, tanto è vero che nel primo grado di giudizio c’è stata la condanna; quindi non c’è stata un’azione penale né avventata, né strumentale ma necessaria e necessitata dal fatto che la pubblica accusa ha il dovere costituzionale dell’azione penale di fronte a una notizia di reato. Posto che la Corte di Appello prima e la Cassazione dopo hanno ritenuto che i fatti contestati a Berlusconi non avessero rilevanza penale, sono anch’esse sentenze da rispettare in quanto il nostro sistema è appunto basato sul triplice grado di giudizio dove, però, un grado non deve criminalizzare l’altro solo perché ha deciso diversamente. Questo sul piano tecnico». E nel merito, da ex magistrato qual è la sua valutazione? «Nel rispetto di quanto deciso dai giudici, vi è da rilevare che il reato contestato era quello di concussione; reato che è stato modificato rispetto all’originaria previsione in vigore ai tempi delle inchieste di Mani Pulite ed è stato modificato dall’allora governo Berlusconi e dalla sua maggioranza. In particolare, tutte le inchieste di Mani Pulite avevano come fondamento un aspetto specifico del reato di concussione, il cosiddetto reato di concussione per induzione. Questo tipo di concussione è stato abolito ed è rimasto solo quello per violenza o minaccia. E’ ovvio quindi che la Corte di Appello e la Cassazione non hanno potuto fare altro che prendere atto che nel caso di specie, non vi era stata minaccia o violenza, ma solo induzione ambientale, dovuta al fatto che a telefonare a ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/1Mtj94O


Antonio Di Pietro | Promuovi anche tu la tua Pagina