Facebook YouTube Biografia Scrivimi

7.6.2018 Siracusa “Agòn 2018” “L’omicidio aggravato o la follia non punibile”

L’omicidio aggravato o la follia non punibile” è il tema dell’edizione 2018 di “Agòn”, la rappresentazione teatrale di un vero e proprio “processo” che ha visto quest’anno sul banco degli imputati il personaggio di Eracle (interpretato dall’attrice Mariagiulia Colace). Nella tragedia di Euripide, Eracle è accusato di aver assassinato la moglie Megara e i suoi figli, dopo averli liberati dal Tiranno Lico. Al culmine della sua gloria, il protagonista diventa dunque oggetto della peggiore catastrofe per sua stessa mano, l’uccisione della moglie e dei figli.

Antonio Di Pietro, già sostituto procuratore del pool di Mani Pulite, ha sostenuto le tesi dell’accusa, mentre Giuseppe Fanfani, presidente della nona commissione del Consiglio Superiore della Magistratura, ha rappresentato la difesa. La giuria popolare è stata chiamata a esprimere il proprio verdetto, in attesa della sentenza ufficiale emanata dal presidente della giuria Giovanni Canzio, primo presidente emerito della Corte Suprema di Cassazione.

Ecco i link di youtube :

Introduzione: https://youtu.be/v2o69-D_F20

La lettura delle imputazioni: https://youtu.be/ZeBwfQSulmo

L’accusa : https://youtu.be/yqZayQm9hho

La difesa: https://youtu.be/a-ZOoRiAeYg

Il verdetto popolare e la sentenza del giudice Canzio: https://youtu.be/g6fvjxbrASk

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/2JnTc9Y

Ennesima diffida a chi fa finta di non sapere

  L'altro giorno, dopo la mia presa di posizione con riferimento allo scorretto comportamento istituzionale del Ministro Salvini nei confronti del Capo dello Stato a cui ha chiesto di intervenire sui magistrati che avevano condannato la Lega a restituire il maltolto, si è scatenata sul web una serie di contumelie nei miei confronti alludendo al fatto che anche contro di me ci furono a suo tempo delle accuse di scorretto uso dei rimborsi elettorali. Io, però, a differenza di Salvini (e dei tanti diffamatori di professione che in tutti questi anni mi hanno offeso ingiustamente) , non ho mai accusato i i giudici di fare "sentenze politiche" ma mi sono sempre recato rispettosamente nelle aule di giustizia per fare valere le mie ragioni. Con riferimento specifico alla vicenda dei rimborsi elettorali, Allego qui di seguito i provvedimenti dell'Autorità giudiziaria penale, civile, contabile e amministrativa che ne hanno certificato la piena correttezza dei miei comportamenti ed hanno condannato coloro che mi hanno diffamato. Leggete e valutate Voi, senza farvi fuorviare dalle solite fake news! All. 1 - Sentenza Tribunale civile di Roma n. 5239-18 depositata il 12.03.18 All. 2 - Sentenza Tribunale civile di Roma n. 186-14 del 30.12.13 All. 3 - Ordinanza Archiviazione Giudice penale di Roma n. 29649-10PM e 21604-10GIP del 14-12-2010 All. 4 - Provvedimento archiviazione Corte dei Conti del 22.02.11 All. 5 - Deliberazione Uff. Presidenza Camera n. 265-05 del 26.07.05 All. 6 - Sentenza condanna Mario Di Domenico - Tribunale Roma n. 16740-15 (Diffamazione ai danni di Di Pietro) All. 7 - Sentenza condanna Elio Veltri - Corte di Appello Milano n. 1716-12 (Diffamazione ai danni di Di Pietro) Antonio Di Pietro Montenero, 9 luglio 2018

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/2N04eVa

Uno strappo e troppe amnesie……

Cari  amici, pubblico il 'corsivo del giorno' di Luigi Ferrarella apparso oggi su 'Il Corriere della Sera' dal titolo Uno strappo e troppe amnesie

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/2KUT9o0

Antonio Di Pietro: “Il condono è una truffa contro i contribuenti onesti”

Antonio Di Pietro: “Il condono proposto da Salvini? E’ una truffa”. L’ex magistrato categorico. Ecco cosa ha detto su Radio Cusano Campus nel corso di ECG, il format condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.  ANTONIO DI PIETRO SUL CONDONO IPOTIZZATO DA SALVINI “Questa è una di quelle che che da cittadino e da contribuente non posso accettare. E’ un assurdo che ogni volta che arriva un nuovo governo fa un condono fiscale chiamandolo con un nome diverso. Si chiama truffa, raggiro. Voglio proprio vedere come il Movimento Cinque Stelle, dopo aver tanto combattuto l’evasione fiscale, accetterà questo compromesso per trovare quattro soldi. Sarà uno snodo cruciale di questa legislatura capire come sarà combattuta l’evasione fiscale. In modo serio o in modo fittizio. Non possono rimetterci sempre gli onesti che pagano le tasse”. DAL CONDONO AL CASO ESPLOSO IN MERITO AL NUOVO STADIO DELLA ROMA “Distinguiamo l’aspetto penale dalla responsabilità etica e politica. Sul piano penale a me pare che ci sia molto poco al di là di qualche fatto specifico. Non siamo davanti a una nuova mani pulite. Questo sul piano processuale. Prima di esprimere un giudizio di sostenibilità di queste accuse vorrei leggerle, anche perché la corruzione è come il matrimonio, ci vuole un beneficio, non semplici promesse, e serve anche l’atto contrario agli obblighi di ufficio. Sul piano processuale vedo poche cose. Sul piano politico, invece, vedo un mare di quaquaraqua, che per scimmiottare quel che era la tangentopoli di una volta, fatta con professionalità criminale, vanno a raccogliere gli spiccioli per strada. Questo dimostra lo scadimento etico-morale. Però attenzione a criminalizzare prima del tempo. Sul piano investigativo c’è una forte evoluzione. Ai nostri tempi il ruolo del pm e della polizia era il ruolo del becchino, prima ci scappava il morto e poi si capiva chi l’aveva ammazzato. Ora molte inchieste sono preventive, ma vanno alla ricerca del morto, vedono se c’è o meno il morto. Questo è giusto, ma non deve recare pregiudizi nei confronti di persone che magari sono innocenti”. DI MAIO E I DONATORI DELL’ASSOCIAZIONE ROUSSEAU “E’ una presa per i fondelli. Non c’è trasparenza. Servono nomi ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/2KdXNNy

Contratto Lega-M5S. Alcune cose sono interessanti

Cari amici, pubblico l'intervista che ho rilasciato a Radio Cusano Campus dal titolo ''Contratto Lega-M5S. Alcune cose sono interessanti'

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/2rZ9UWu

Berlusconi e la riabilitazione: E’ semplicemente un condannato che ha scontato la pena      

Ma di quale riabilitazione parliamo? Berlusconi è stato condannato in via definitiva e, dopo aver scontato la pena (al netto di quella per il quale ha usufruito del condono), la clemenza dello Stato lo 'rimette in campo', offrendogli una nuova possibilità. Antonio Di Pietro non ci sta a far passare la versione di un Cav reso immacolato e purificato dalla decisione del Tribunale di sorveglianza di Milano che, cosa evidentemente più attesa dal presidente di Fi, gli ha anche restituito il diritto di candidarsi alle elezioni. "Io mi limito a valutare il caso in senso processuale: viene riabilitato chi è stato dichiarato colpevole, perché ha subito una condanna con una sentenza penale passata in giudicato e che, dopo aver scontato la pena, usufruisce del beneficio e della possibilità di poter ‘ricominciare da capo’. Ma quelli che per conto di Berlusconi hanno chiesto la riabilitazione, sono dovuti partire dal presupposto che Berlusconi è stato condannato in via definitiva. Quindi non trasformiamo un pregiudicato acclarato in un eroe". "Berlusconi non è una persona condannata ingiustamente o che è stata vittima di un errore giudiziario e che di conseguenza viene ‘risarcita’ per un torto subito, ma è una persona che, dopo essere stata condannata e aver scontato la pena che gli è stata definitivamente inflitta, ottiene dallo Stato la possibilità di ricominciare da capo a 80 anni e passa e nella speranza che non faccia più danni". La riabilitazione, voglio ricordare "non abolisce la condanna" che gli è stata inflitta dalla Corte di appello di Milano nel 2013 e confermata dalla Cassazione per frode fiscale nel processo sui diritti televisivi di Mediaset. Semplicemente permette ad un condannato, dopo aver scontato la pena e dopo aver trascorso ulteriori 3 anni senza essere stato di nuovo condannato. Di essere riabilitato! "Abusare del termine 'riabilitazione' in questi termini è fuorviante. La Legge Severino ha prodotto i suoi effetti", tanto è vero che Berlusconi ha perso il diritto di ricandidarsi alle elezioni. "Io la sentenza, ovviamente, non l'ho letta ma mi pare che si tratti di una valutazione discrezionale e che di conseguenza può essere oggetto di impugnazione da parte della Procura ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/2jPsmNU

23.03.2018 ore 23.00 – La confessione – Canale 9

Cari amici, sarò ospite di Peter Gomez nella puntata di stasera di La Confessione, ospite Antonio Di Pietro

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/2G5eIjh


Antonio Di Pietro | Promuovi anche tu la tua Pagina