Italia dei Valori Facebook Twitter YouTube Biografia NewsLetter Scrivimi
Video

Basta favori alle banche

Facebook
Google
Twitter
80
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico
           Short Url: http://bit.ly/xADscm

Stamattina la Bce ha concesso alle banche europee un prestito di circa 520 miliardi di euro a tasso agevolatissimo dell’1%. E’ il secondo prestito di questi tipo nel giro di due mesi. Quello precedente, del 21 dicembre 2011, era stato di 489 miliardi di euro. Di questo malloppo quasi un quarto era andato alle banche italiane: 116 miliardi in tre anni.
Questi soldi sono stati prestati dalla Bce perché le banche italiane dovevano a loro volta prestarli alle aziende in difficoltà, ai giovani imprenditori che hanno una buona idea ma gli mancano i fondi per realizzarla, a chi vuole mettere su famiglia e ha bisogno di un mutuo. Dovevano servire al Paese e alla sua crescita, non ai finanzieri e alle loro speculazioni.
Invece è andata al contrario. I banchieri hanno intascato il prestito multimiliardario e poi, invece di riaprirli, hanno chiuso ancora di più i cordoni della borsa. Con quei miliardi si sono comprati i buoni del tesoro con un tasso d’interesse molto più alto di quello che devono pagare loro alla Bce. Hanno speculato alla grande e si sono riempiti le tasche a spese dello Stato, lasciando nella disperazione tutte quelle imprese e quelle famiglie che avevano bisogno di un prestito anche piccolo.

Ci sono aziende che, mentre le banche contavano i miliardi guadagnati speculando sul prestito europeo, hanno dovuto chiudere perché non gli sono stati concessi prestiti di 5 o 6mila euro!
Il governo Monti ha il preciso dovere di impedire che il giochino prosegua e anzi si ripeta con questo secondo prestito. Se le banche italiane vogliono accedere a quelle eccezionali agevolazioni devono assumere l’obbligo di usare i miliardi della Bce per far ripartire l’Italia e non per ricapitalizzarsi. Garantire che le banche che prendono i soldi per riaprire il credito poi lo riaprano davvero non è una vessazione. E’ il minimo che un governo serio possa e debba fare.

 


80 Commenti a “Basta favori alle banche”

  • avatar

    On. Di Pietro!

    Ma da quando in qua una BANCA PRIVATA che di europeo ha solo il nome, stampa denaro per rilanciare l´economia?
    Era ovvio sin dai primordi della crisi che per risolvere il problema del debito eccessivo (non per salvare i debitori, ma per salvare i creditori, cioe´le banche) che la BCE avrebbe provveduto a dare i fondi alle Banche perche´queste comperassero i titoli degli stati in modo da non farli fallire.
    E´quello che fa la FED e´quello che fa la Bank of England.

    I prestiti alla “Grecia” sono elargiti perche´la Grecia li possa restituire alla Deutsche Bank alla Commerz Bank, al credite Agricole e le altre banche private europee.
    Il debito passa dalle banche estere alle banche nazionali.
    Dopo di che si salvi chi puo´…se le banche falliscono chi ci rimette sono (guarda caso) i Greci, gli Italiani, gli Spagnoli.
    Insomma ci rimettono: i poveri diavoli tedeschi che tirano fuori i soldi per darli ai greci che li possano dare alla Deutsche bank, i poveri diavoli italiani che garantiscono il debito italiano col lavoro e le tasse e se non riescono a garantirlo perdono tutto assieme alle banche.
    Dal 2008 non si fa altro che posporre il momento in cui ci sara´il “collapse”.
    Si pospone perche´la patata bollente sia passata dai piu´forti ai piu´deboli.
    E uno si chiede: ma in definitiva, se si stampano cosi´tanti miliardi, alla fine i soldi dove finiscono?
    Io me lo sono chiesta, perche´se uno pensa che la Fed ha stampato ben 42 trilioni di dollari, qualcosa da dare alle aziende dovrebbe essere rimasto…
    Ma poi se uno osserva le quotazioni delle “commodities” su Bloomberg, vede che ad es. l´oro e´passato da 200 dollari l´oncia a 1789 dollari l´oncia.
    L´argento da 1,80 o giu´di li´a 33 dollari.
    Se si moltiplicano il costo di un´oncia per le tonnellate che ci sono in circolazione…forse si capisce dove una parte e´finita.
    E questa e´solo una minima parte.
    Terreni agricoli, auto di extralusso, dimore da milioni di euro….jet privati, Lamborghini, Ferrari…

    E lei si arrabbia perche´non fanno prestiti alle aziende…non li fanno perche´nei loro piani e´meglio che le aziende piccole spariscano, in fondo servono solo a far concorrenza alle multinazionali…e ad abbassare i profitti.
    E poi magari hanno il coraggio di offrire salari umani a chi lavora, danneggiando tutte le vittorie al ribasso di questi ultimi anni.
    La democrazia e´morta, i politici, come i cittadini sono solo piu´carne da macello.
    Quando i prepotenti hanno dalla loro parte la giustizia, l´esercito, la polizia, chi li ferma piu´?

  • avatar

    Russia; Putin su attacco sventato: da tempo vivo con questo tipo di minacce.
    Molto probabile che anche lui lo volevano far fuori con un modellino del duomo di San Basilio….
    —————————-
    Sbattono sulle prime pagine, giustamente, un finto cieco che ha rubato al fisco 400.000€ in 20 anni.
    Ben si guardano di riservare lo stesso trattamento, forse a maggior ragione, agli innumerevoli amici degli amici che rubano uno stipendio da 4 / 5 ma anche di 600.000€ L’ANNO, per dire banalità semplicemente stupefacenti, se non facendo anche fallire le aziende pubbliche che dovrebbero dirigere.

    Come omettono di specificare che se le scuole PRIVATE non devono pagare l’IMU (Una tassa è una tassa da qualsiasi punto di vista la si contempli) per qual motivo il proprietario di una abitazione PRIVATA che usa la stessa per la sola ragione di viverci, ben lungi dal volerci insegnare, né tantomeno condurvi mercimoni, questo tizio, invece, DEVE pagare. Ma forse sono io che non ho ben compreso a suo tempo gli insegnamenti sul come applicare la logica raziocinante dei maestri del mondo antico….

  • avatar

    INSEGNAMENTO PER GLI ESATTORI (GOVERNO ATTUALE) DI TASSE DAL VANGELI DI SAN MATTEO.
    ATTUALE ANCORA OGGI:

    “”San Matteo era anche chiamato Levi, in quanto pubblicano, era membro di una delle categorie più odiate dal popolo ebraico.

    In effetti a quell’epoca gli esattori delle tasse pagavano in anticipo all’erario romano le tasse del popolo e poi si rifacevano come usurai tartassando la gente.

    I sacerdoti, per rispettare il primo comandamento, vietavano al popolo ebraico di maneggiare le monete romane che portavano l’immagine dell’imperatore.

    I pubblicani erano quindi accusati di essere peccatori perché veneravano l’imperatore. Gesù passò vicino a Levi e gli disse semplicemente Seguimi (Marco 2,14).

    E Matteo, alzatosi, lo seguì.

    Immediatamente Matteo tenne un banchetto a cui invitò, oltre a Gesù, un gran numero di pubblicani e altri pubblici peccatori.

    Il riferimento a un riscossore di imposte a Cafarnao, di nome Levi, compare anche in Luca 5,27.

    Gesù lo scelse come membro del gruppo dei dodici apostoli e come tale appare nelle tre liste che hanno tramandato i tre vangeli sinottici: Matteo 10,3; Marco 3,18; Luca 6,15.

    Il suo nome appare anche in Atti 1,13, dove si menzionano gli apostoli che costituiscono la timorosa comunità sopravvissuta alla morte di Gesù.

    Il nome Matteo, con il quale Levi è pure chiamato, vuol dire Dono di Dio. Alcuni suppongono che abbia cambiato il nome come una forma tipica dell’epoca, per indicare il cambiamento di vita (cf. Simone, poi Pietro, o Saulo, poi Paolo).

  • avatar

    IERI UN IMPRENDITORE DI MESTRE SI E’ DATO FUOCO PERCHE’ LA BANCA GLI HA RIFIUTATO UN AFFIDAMENTO DI APPENA “4000 EURO”
    ORAMAI SIAMO AL SUICIDIO…
    LA CORTE COSTITUZIONALE “SBAGLIA” PERCHE’ PRESSATA DALLA POLITICA E COLLUSA CON I POTERI FORTI?!?!? LO HA DETTO “CELENTANO” E NOI SPERIAMO CHE SI SIA SBAGLIATO SOPRATTUTTO PER QUANTO CONCERNE L’INDIPENDENZA DELLA CONSULTA… COMUNQUE, NE AVREMO LA PROVA A BREVE, DIFATTI, QUEST’ULTIMA SI ESPRIMERA’ NEI PROSSIMI GIORNI SULL’INCOSTITUZIONALITA’, AVANZATA DA PIU’ GIUDICI DI MERITO CHE SI RIFACEVANO A PIU’ SENTENZE EMESSE DALLE SS.UU. DELLA SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE, DELL’ODIOSA NORMA SALVABANCHE (PRESCRIZIONE BREVE PER L’ANATOCISMO BANCARIO CHE RIDURREBBE SUL LASTRICO DECINE DI MIGLIAIA DI PERSONE PER CUI QUALCUNO PRONTO ANCHE A UN GESTO ESTREMO) INSERITA NOTTETEMPO DAL MINISTRO “TREMONTI” NEL DECRETO MILLEPROROGHE VOTATO DAL GOVERNO BERLUSCONI IL 26.02.2011. FACCIAMOCI SENTIRE PRONTI ALLA RIVOLTA AFFINCHE’ UN ORGANO CHE DOVREBBE ESSERE INDIPENDENTE E SUPER PARTES NON SI PIEGHI ALLA VOLONTA’ DI QUEL POTERE FINANZIARIO CHE CI HA RIDOTTO IN QUESTO STATO IGNORANDO E/O STRAVOLGENDO CODICI, LEGGI E PERSINO LA NOSTRA COSTITUZIONE!!! EVITIAMO L’ENNESIMA PORCATA, FACENDO SENTIRE LA NOSTRA ATTENZIONE DIVULGANDO IN RETE IL MESSAGGIO (NON SOLO SU FACEBOOK), AFFINCHE’ POSSANO SENTIRE SUL COLLO IL FIATO DI CHI NON MOLLA ED E’ PRONTO A TUTTO!!!

  • avatar

    Egr. Antonio,
    monti sta all’economia come il sangue alle rape. Scusa ma quello pensa solo ai c….. suoi mica i nostri che non arriviamo a fine mese. Mi sembra giusto da parte sua pensare di fottersene della maggioranza degli italiani, tanto lui mangia tutti i giorni, mica sà quanto costa un Kg. di pane, 1 lt. di latte, l’acqua, il gas per cucinare, tanto possiamo anche morire, l’importante è che lui e la cricca continuano a vivere. Gli vorrei parlare a 4 occhi.

  • avatar

    Le banche ricevono prestiti dalla bce all’1%…come li utilizzeranno?….” I soddi fannu soddi, e i pirocchi fannu pirocchi! “

  • avatar
  • avatar

    Ma come mai la bce, che presta soldi alle banche all’1%, non ha fatto lo stesso con la Grecia, e ha lasciato che il loro spread arrivasse a 2.500 punti? Ladri e figli di troia!

  • avatar

    ben detto

    mafie fa rima con banche

  • avatar

    Mille miliardi di euro in due mesi, che la BCE ha prestato gratuitamente (1%) alle banche europee.
    Di questi mille miliardi, il 25% è stato prestato alle banche italiane.
    Per la concessione del prestito, la BCE ha imposto allo Stato italiano, il ruolo di garante per le banche.
    In pratica, se le banche in questione non riusciranno a restituire le somme elargite, lo Stato italiano ne risponderà direttamente.

    L’unico vero effetto, che la prima trance del prestito ha prodotto, è stato il “pilotato” abbassamento dello spread.
    Infatti, una parte di quel prestito, è servito alle banche per acquistare titoli del nostro debito pubblico.
    Se anche la seconda trance proseguirà con le stesse modalità, neanche Catone il Censore potrà fare miracoli per l’Italia.

    Nel mese di dicembre 2011, scrissi in questo blog
    “il Governo Monti, più che lavorare per il bene degli italiani, sembra maggiormente impegnato ad aiutare i grandi investitori internazionali, nel liberarsi (il più possibile) dei nostri titoli di stato”.

    Draghi da una parte e Monti dall’altra, sembrano confermare quella mia sensazione.
    Spero sinceramente che i fatti, mi smentiranno totalmente.

  • avatar

    Questo e’ l’unico sito gestito dalla politica che denuncia i guasti di un sistema politico -finanziario corrotto denunciandone i meccanismi strumentali della collusione che ha messo in ginocchio e portera’ al totale fallimento dell’ iTALIA degli uomini onesti.
    Ora si comprende come Di Pietro risulti un uomo scomodo soprattutto a destra ma anche alla parte meno integerrima della sinistra.
    Gli auguro di avere la forza di continuare su questa strada.

  • avatar

    Che dire ancora, se gli imprenditori hanno
    avuto un’idea, sperando non sia il massimo dove possano arrivare,
    lasciamo se la sbrighino tra loro! nel senso,
    che hanno l’abilità (?) per farlo, non sono dei
    cervelletti…, non hanno spot milionari da mandare… oppure
    copie da vendere, sennò, domani te li ritrovi a suonare il
    violino… come se nulla fosse, mentre c’è gente che non sa
    dove trovare tutte le volte i soldi per
    conprare un etto di mortadella…, perchè sono al
    rosso…, quindi, pensare alla creascita econimica… grazie mille, saluti ( :

  • avatar

    Già. Il Potere che presta i soldi ad un altro Potere, quello delle Banche che hanno causato il casino.
    Il Potere, se finisce i soldi si autofinanzia.
    Come?
    Aumentando le Tasse ai cittadini. Non si autotassa, tassa gli altri. Il Potere non paga mai, riscuote.
    Tav. Costo 22 miliardi. Progetto di 25 anni fà. Doveva portare persone ad alta velocità. Hanno sbagliato le previsioni: le persone preferiscono l’aereo. Allora gli hanno cambiato nome: Tac (treno alta capacità) merci.
    Previsione sbagliata anche la seconda volta: la ferrovia esistente è sotto utilizzata del 50%. Traffico merci in continuo calo.
    Il buco in Val di Susa sarà finito tra 10 – 15 anni. Forse 20.
    C’è qualcuno che azzarda una previsione del volume merci tra 25 anni?
    Chiedere a Wanna Marchi.
    Il buco però, s’ha da fare. Merci o non merci.
    Chi ha pagato i Partiti per la commessa del buco? E quali sono i Partiti che hanno incassato?

  • avatar

    LA CRISI E’ ARTIFICIALE: E’ DOVUTA ALLE REGOLE DEL SISTEMA ECONOMICO

    A chi non interessa la teoria economica, o non ritiene opportuno dare per scontati gli studi economici tradizionali, con tutto l’establishment bancario, che vi orbita e ci campa alla grande, il pensiero che il sistema bancario, faccia da diga, ai prestiti agevolati della Bce, la dice lunga.

    Innanzitutto, dice che la Bce, crea di sana pianta, non Valore ma “Potere di spesa”. La differenza è che il Valore è qualcosa che emerge dall’incontro del Lavoratore, con la Materia prima, mediante una Tecnica di lavorazione, o produttiva; il Potere di spesa è un potere tout court, che si nasconde, dietro il “feticcio della moneta”; tant’è che gli ulteriori 530 miliardi di euro, dati dalla Bce, al sistema bancario, sono “informatici”: solo una quota minima, si materializzerà, con il cartaceo filigranato. Si tenga poi conto che il contante solo raramente lascia le banche e per brevi periodi! (Chi se ne va in giro con 500.000 euro in contanti ad acquistar case?)

    C’è qualcosa che suona stonato, in questo sistema, in cui si equiparano le “invenzioni monetarie” della Bce, all’attività concreta, del produrre beni e servizi. Senza lavoro, le materie prime, restano tali, e le tecnologie, magari solo dei brevetti, o delle competenze, magari sofisticatissime, ma non attuate. D’altro canto, il potere di spesa, creato ex novo, si può considerare di per se stesso, bypassando tutti i “rituali”, le convenzioni e le prassi. La stessa Politica, diventa ancella del sistema bancario, e finanziario, con i frutti amari della finanza speculativa, che annienta quella reale, annichilisce l’economia che alimenta la produzione di beni e servizi, il consumo, l’occupazione, la vita reale delle persone reali, in carne e ossa.

    La seconda cosa paradossale è che, il sistema bancario, è oggettivamente parassitario, se svolge un’azione di diga, rispetto al flusso di spesa potenziale nell’economia reale, che viene dal nuovo prestito all’1% di 530 miliardi (dopo i precedenti 489 miliardi di euro, già arenatosi nei cavò delle banche).

    Il senso comune è così’ stravolto, che sembra ovvio, che le banche facciano il bello e il cattivo tempo. Anche che evadano le tasse e poi scoperte paghino il maltolto senza far clamore nè esser processata la dirigenza per falso in bilancio! Ci si può fidare di chi nasconde miliardi di euro all’erario? Le banche non sono delle s.p.a.?

    Lascia perplessi la circostanza, ormai accettata, che le banche non svolgano più la loro funzione, cioè il credito, e pensino prioritariamente a se stesse, mettendo in scacco l’economia definita reale, ch’è poi l’unica vera economia, mentre il resto solo… “far soldi con i soldi”! Senti al bar commentare che le banche ovviamente non sono benefattrici ma lavorano per far soldi. E chi mette in dubbio che anche le banche lavorino per il proprio tornaconto, cioè degli azionisti. Ma secondo quali regole?

    Quale economia, si può reggere, sull’idea, che il lavoro, e la produzione, vengano in seconda istanza, dopo la rendita? C’è l’assurdità del far spezzatini del valore industriale del Paese per metterlo in svendita, e quindi, subito all’incasso in dividendi! L’altro sistema è quello di lasciare la parte attiva ai privati e quella passiva all’erario, alla collettività? Ma il popolo queste dinamiche non le percepisce proprio? Quando un ammalato è abbandonato a se stesso, in coma, legato ad una barella, al pronto soccorso, perché accade? E’ il caso? La malasanità? O perché non ci si ribella, anzi si votano le forze politiche, che servono le lobbyes bancarie?

    Sarebbe persino da ipotizzare, il prestito diretto della Bce, alle imprese, bypassando il sistema bancario, per rimettere in modo l’economia! In linea di principio, finanche la creazione ex novo, d’una altra moneta parallela all’euro, estranea al sistema bancario-finanziario, rimetterebbe in moto l’economia! La crisi è tenuta in piedi artificialmente se s’inventano mille miliardi dalla sera alla mattina per le banche ma non per chi lavora e produce! Serve ai buchi delle banche? Ma allora a che servono le banche? Solo a se stesse? Che funzione sociale hanno più?

    Tuttavia, si continua ad officiare, con i preti-economisti, secondo il rito di santa banca centrale, nel nome della moneta, amen!

    Si continua a ragionare della crisi, come se un meteorite, entrando nell’atmosfera terrestre, dallo spazio profondo, avesse centrato in pieno l’economia!

    La crisi invece è solo il precipitato ovvio delle vigenti regole della finanza!

    Il discorso, dovrebbe concentrarsi, sul sul ruolo della moneta, e del sistema bancario, e quindi, soprattutto, sulle Regole, che convertono i flussi monetari, in speculazione, piuttosto che in credito alla produzione!
    Dato che Monti non è meno intelligente di me (!), allora bisognerà chiedersi, del perché non dica mai nulla, esplicitamente, in proposito!

  • avatar

    CIRCOLO BANCARIO VIZIOSO

    Le banche italiane, prendono dalla Bce capitali miliardari, all’1%, e comprano titoli di stato, al 5% (o più), lucrando la differenza. Chi paga quest’interesse passivo, al sistema bancario? I cittadini italiani, con le tasse!

    Non bastasse, si fanno le manovre recessive, col governo Monti, e quindi, mentre le banche vanno su con i dividendi agli azionisti, drenando risorse dall’economia reale, e dalle famiglie italiane, l’economia reale viene ulteriormente prosciugata!

    Le banche non fanno più credito, ma speculazione, e nessuno glielo impedisce? Fanno affari con i “miliardi inventati” dalla Bce, dalla sera mattina, ai danni dei Cittadini? Si può accettare, che vadano così le cose, nel pieno di una crisi, che probabilmente, ci sta pure conducendo per mano, al prossimo conflitto globale?

    L’Equità sociale dov’è? La Democrazia ora come ora – anche in presenza della “porcellum” – che significa? Il Paese, può accettare passivamente, che il sistema bancario, smessa la sua funzione istituzione, si risolva nell’ennesimo parassita sistemico?

  • avatar

    caro Di Pietro,
    non è solo la speculazione delle banche ad allarmare, c’è molto di più e ti prego di verificare sulla rete gli interventi del seminario tenuto a Rimini dal 24 al 26 u.s. dall’MMT: scoprirai, se già non sai, che siamo di fronte a una evoluzione criminale di livello mondiale che non ha precedenti e che parte da lontano, il 1971, quando Nixon ovvero gli USA decisero la fine della conversione in oro del dollaro.
    Scoprirai anche che l’aver deciso di rinunciare al potere sovrano di stampare moneta che ciascuno Stato dell’UE ha dovuto assumere con la nascita dell’euro è la causa prima della depressione crescente che prenderà tutti gli stati europei, escluso solo l’Inghilterra che è fuori dall’euro.
    La prima a subire queste conseguenze è la Grecia.
    Resto a disposizione per farti sapere quanto è a me noto e, giusto per meglio capire, sappi che le magagne delle bande di B. a confronto, sono divieti di sosta.
    Saluti,
    pietro casula,

    P.S. non sto scherzando :!:

  • avatar

    Pippo Calì Ha scritto:

    Ma come mai la bce, che presta soldi alle banche all’1%, non ha fatto lo stesso con la Grecia, e ha lasciato che il loro spread arrivasse a 2.500 punti? Ladri e figli di troia!

    Semplice (mica tanto), perchè i Greci, quei soldi, non li avrebbero certo impiegati per mercanteggiare sui cosiddeti “debiti sovrani”. E già. Siccome la Bce non può acquistare direttamente titoli di Stato, escogita questo trucchetto: li fa acquistare dalle banche che, così, con una sola fava, prendono due piccioni, da un lato ottenendo lauti guadagni nell’acquisto di titoli che lucrano molto di più dell’1% che dovranno restituire alla BCE per il “prestito” (sic!) e, dall’altro lato, mettendosi in condizione di far fronte a non improbabili problemi di liquidità, sistemando peraltro i propri bilanci. Macchinoso, e tuttavia verosimile, questo trucchetto da “Bassa Finanza”. Perchè, a meno di non essere così ingenui da credere ancora alla Befana, possono raccontarci tutte le frottole che vogliono, ma non certo darcela a bere che la reale “motivazione” dei prestiti della BCE alle banche italiane sia quella di “finanziare lo sviluppo, sostenendo imprese e famiglie”. Se così fosse, il Prof. Monti ci dovrebbe spiegare come mai, ad oggi, non solo non sono aumentati i finanziamenti a imprese e famiglie, ma quando siano stati concessi, lo sono stati a costi altissimi, da usurai.

  • avatar

    ma perche’ ci si scandalizza, la bce ha prestato quei soldi e non ha messo nessun vincolo formale dove si diceva che ha sua volta le banche ne prestassero almeno una parte ai cittadini e alle imprese.quindi e’stato solo un pretesto camuffato per salvare le banche. Tutto quello che non e’ nero su bianco…..i latini insegnano.

  • avatar

    Quello che l’On. Di Pietro dice oggi io l’ho scritto ieri proprio sul suo blog. Ripeto che sono meravigliato (anzi non lo sono affatto visto come vanno le cose!) che nessun partito o movimento abbia denunciato quello che è successo. Ma c’è ancor più da stupirsi che non lo abbiano fatto chi ha il dovere di sorvegliare (Banca d’Italia in testa). Non sorprendiamoci se poi la gente esasperata scenderà in piazza con i bastoni, se la sono voluta! E’ l’ora di finirla con questa ed altri atteggiamenti insostenibili. Oggi vediamo in Parlamento tentennamenti sulla proposta di ridurre drasticamente gli stipendi ai boiardi di Stato. Quali tentennamenti? la riduzione deve essere fatta subito ed è ancora troppo quello che è stato lasciato a fronte delle capacità e dei risultati di certe cariche.

  • avatar

    E diciamoci le cose come stanno, dunque esistono le piattole, che come saprete sono dei piccoli bastardi parassiti dell’uomo e quale miglior confronto con le banche che in accordo con la politica , perchè inutile menar il can per l’aia, si fa’ gli vostri suoi con l’aggio succhiato dalle nostre vene. Ora parlare di banche con toni accesi e quasi convincenti, per chi legge il suo articolo, On Di Pietro mi sembra un po’ tardivo e come sempre mi puzza di campagna elettorale, convinta che questo governo tecnico e tattico, quando se ne andrà, voi politici tornerete alle vecchie menate di sempre , non siete credibili, nessuno di voi ha mai preso una seria posizione, al contrario pronti al ni.Ormai non si contano più le persone che si sono uccise perchè abbandonate dalle banche, l’ultimo si è ucciso per 4000 euro, oh 4000 eurooooo!!!!ma a voi che ve ne frega vivete di rimbalzo, da un argomento all’altro, non vi fermate, non ascoltate, non fate. E le piattole continuano ad infettare.

  • avatar

    Buonasera a tutti i naviganti, sono quanno cevò cevò; oddio lo sono adesso, che pria mi firmavo diversamente; ne ho usati tanti di nick fasulli, ma quello di cui vado più orgogliosa e stato “o.d.”; con quello mi sono divertita a ricordare ad amedeo moretti dei suoi problemi familiari; per la verità sono stata un po’ in ansia: temevo che il mio dispensator di nobiltà potesse denobilitarmi, ma per mia fortuna lo zatterier, impelagato coi suoi problemi di impantanamento nella palude, non fece caso a questa cosa (sapete bene com’è distratto quando si tratta delle magagne di noi “amici nauti”) anzi si complimentò con me innalzandomi al grado di valoroso nauta; chi più felice di me: esser gratificata dal guru, latineggiante per celar l’ignoranza sua, è il massimo per noi del porto.

    Ma parliamo d’altro, è chiaro che tutti dobbiamo dire grazie al nostro paladino della giustizia che ci segnala questi misfatti; certo se si adoperasse anche un po’ per impedirli sarebbe meglio; che questi, sia politici che banchieri pensano solo ai soldi; tutti tranne il nostro eroe della giustizia.

    Ma stasera vi voglio riportare anche un brano del romanzo che ha ispirato la nostra comunità del cevò cevò: s’intitola “le crocieriste”.

    ^^Qualcuno ce l’ha con noi, forse per invidia, forse per altro, o forse solo perchè siamo “crocieriste”.
    Noi della premiata ditta cevò cevò siamo in maggior parte nobildonne genovesi, pur non disdegnando nel nostro gruppo anche altre nobildonne, particolarmente napoletane; spesso ci accompagniamo ai marinai, e con loro facciamo delle splendide crociere; potrei dire che siamo felici se non fosse che di tanto in tanto, per via di alcuni che ci contestano, secerniamo tanta bile che ci fa schiattare dalla rabbia.
    Però tiriamo avanti lo stesso, e tra una crociera e l’altra spesso cambiamo identità; giusto per non dar sensazione di assuefazione ai nostri marinai che magari si illudono di trovarsi in crociera con sempre diverse nobildonne.
    Qualcuno magari ci criticherà, ma noi siamo proprio fatte così, e poco ce ne cale di quel che gli altri pensano. Noi siamo “crocieriste”, questa è la nostra missione, e tali sempre resteremo.^^

    PS X zatterier impantanato: possibile che io dopo aver toccato il fondo continui a scavare, ma tu che su questa strada mi hai da tempo preceduto, e ormai stai quasi al centro della terra, dove vuoi arrivare?
    All’antipodo?

  • avatar

    Ma il bello di tutta la faccenda e´che la BCE non da´denaro che e´in circolazione, ma lo STAMPA.
    Cioe´, la BCE un privato prende dei pezzi di carta (ora neppure piu´carta perche´si tratta di denaro digitale) ci scrive sopra la cifra che vuole e poi vande la carta alle banche….che non solo si impegnano a restituire la carta con denaro spremuto dai contribuenti, cioe´che il povero cristo ha dietro lavoro, piu´un tasso di interesse.
    Ma lo capiamo a che punto siamo??????
    Cioe´, se un operaio vuole 1000 euro deve lavorare un mese otto ore al giorno, la BCE semplicemente lo STAMPA….

  • avatar

    SPECULAZIONE DI BANCA

    Se le banche, fanno speculazione, sui titoli del debito pubblico, con i miliardi “inventati” (?) dalla Bce, in prestito, allora si tratta di un gioco fantasioso, e sporco (!), che si configura come parassitario, sulla pelle del popolo! Parassitario tout cort! Non un modo di dire! Davvero un campare addosso alla società civile!

    Come si può accettare, che le banche autorizzate dalla Bce – cos’altro è un prestito, con “moneta inventata”, dalla sera alla mattina? – con un potere di spesa, all’1% agevolato, comprino titoli del debito pubblico al 5% o più, invece che far credito, al sistema produttivo, egualmente a tassi agevolati, al fine di rimettere in moto l’economia (reale)?

    SI FANNO SOLO SOLDI CON I SOLDI?

    Ma che succede? Tutti stupidi? Tutti interessati? Quando li risolviamo i conflitti d’interessi? Quando si cambieranno le regole? Quando rimandiamo a casa i nominati? Quando saremo nuovamente un Paese democratico? Quando? Quando? Quando?

  • avatar

    Hanno sostituito catene e frustate, con pratiche finanziarie e minchiate in libertà!

  • avatar

    Lo spread oggi ha toccato i minimi storici.
    Monti e´l´artefice della “rinascita”…guarda caso oggi la BCE ha inventato altri “529.5 billion euros in funds. Italian banks borrowed a net 139 billion euros,”
    http://www.bloomberg.com/news/2012-02-29/monti-signals-europe-sovereign-debt-crisis-abating-as-bond-spreads-narrow.html

    ben 529,5 miliardi di euro, di cui 139 sono finiti alle banche italiane…
    Noi pagheremo “solo” il 4% piu´ovviamente i 139 miliardi e
    DOVREMMO RINGRAZIARE IL MESSIA?

    Ma quando mai ci sveglieremo?

  • avatar

    Dimenticavo di dire che quando l´Italia era una repubblica democratica la Banca dÍtalia che era la banca nazionale (e non privata come e´oggi) stampava le lire per lo stato, che non pagava interessi, cioe´, lo stato stampava i bond, li metteva all´asta, gli italiani li comperavano e ricevevano gli interessi sulla cifra prestata.

    Cosi´funzionava la circolazione della moneta.
    Poi hanno inventato la “riserva frazionaria”.
    Cioe´le banche private per ogni lira presa a prestito ne fabbricavano altre 9 che davano alla gente che le prendeva a prestito.
    Cosi´i soliti bastonati, pagavano gli interessi non sull´uno, ma sul dieci di cui nove erano inventate.

    Infatti le Banche nonostante abbiano sempre pagato stipendi milionari ai managers e bonus astronomici, hanno dei patrimoni illimitati.

    Solo oggi sono venuta a conoscenza di un´altra buona azione della Deutsche Bank.
    Nel 1989 dopo la riunificazione, ha comperato la piu grande banca della DDR per 49 milioni di marchi, quando SOLO il capitale immobiliare era stimato per piu´di un miliardo…

    E poi noi dovremo pagare le sovratasse per pagare il debito per risarcire le BANCHE!!!!

    Dovremmo fucilare tutti i dirigenti, mettere le bombe e ghigliottinare i responsabili.

  • avatar

    ANTONIO DI PIETRO Ha scritto:

    I banchieri hanno intascato il prestito multimiliardario e poi hanno chiuso ancora di più i cordoni della borsa.
    Con quei miliardi si sono comprati i buoni del tesoro con un tasso d’interesse molto più alto di quello che devono pagare loro alla Bce.

    INTESA SAN PAOLO> Ha scritto:

    Intesa Sanpaolo ha oggi posto in essere un’operazione di finanziamento con la Bce di durata triennale e importo pari a 24 miliardi di euro, a fronte dell’ottimizzazione della struttura del passivo del gruppo, degli impieghi a sostegno dell’economia e dell’investimento in titoli governativi italiani con duration media contenuta all’interno dei 3 anni.

    Io dico:

    Al momento le parti che hanno tratto vantaggio sono

    1- Lo Stato Italiano, con la diminuzione degli interessi da pagare alle prossime aste dei titoli di Stato;
    2- Le banche che ottengono sensibili margini di guadagno dalle operazioni di compra-vendita dei titoli.

    I due effetti possono indirettamente favorire specifiche categorie sociali (imprese e privati cittadini )

    Un vantaggio più diretto dovrebbe provenire alle medesime categorie da garanzie statali , almeno in parte, per i prestiti concessi dalle banche.

    A tale proposito essenziale sarà il ruolo del Parlamento e del governo per stabilire vincoli e regole di intervento per le banche.

    Pertanto, On. Di Pietro, sostenga il governo e lo aiuti a stabilire queste importanti e stringenti regole.

    SE NON ORA, QUANDO?

  • avatar

    Quando? Quando? Quando?………..perdona la volgarità della risposta, sempre ammesso che lo staff la lasci passare: ” Quannu a minchia fa l’ugniu.”……..non dovrebbe esserti difficile tradurlo.

  • avatar

    Mafia: Le banquier de Berlusconi arrêté! :!:

    http://mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=9089

    La banque de confiance du “Cavaliere” :idea:

    Une banque privée bien rayonnante: Siège a Lugano (Suisse), filiales, à Nassau (Bahamas), à Dubaï (Emirats arabes unis), sans oublier la Banca Arner Italia… L’Italie, un pays où Nicola Bravetti jouit d’une réputation en or! C’est bel et bien sa banque qui a gagné la confiance du “Cavaliere” en personne! Le président du Conseil italien, Silvio Berlusconi a en effet recours aux services de la Arner Bank, et ceci depuis une bonne quinzaine d’années. C’est ainsi que la banque Arner s’est retrouvée au beau milieu de toutes les procédures judiciaires pour faux en bilan concernant Fininvest et Mediaset, les deux sociétés leaders du groupe de Berlusconi.

    Il faut croire que le Cavaliere apprécie tellement les services de Nicola Bravetti, qu’il en a fait, en quelque sorte, le banquier de sa famille… C’est bien auprès du siège milanais de la Arner Bank que Marina et Piersilvio Berlusconi, la fille et le fils du président du Conseil italien, ont déposé et confié en gestion quelque trente-sept millions d’euros en provenance de leurs holdings personnels. Rien d’étonnant, car comme l’affiche fièrement l’institut financier: La Banca Arner Italia offre à sa clientèle de haut niveau des services de conseil pour la gestion de son patrimoine global financier et d’autre nature, en tenant compte de la spécificité du marché et d’éventuelles contraintes opérationnelles”. Rien à redire, Nicola Bravetti est un spécialiste. Seulement, voilà, il arrive parfois, que les “contraintes opérationnelles” n’ont pas été, toujours, scrupuleusement respectées.
    Voici le sommaire:
    • La banque de confiance du “Cavaliere”
    • Le banquier de renom, le mafieux notoire et l’avocat d’affaires
    • Le trésor du clan Ciancimino
    • Les meilleurs stratagèmes pour blanchir des millions d’euros
    • Le long périple de l’argent de la Mafia

    Articles de Raphaël Gardel publiés par Mondialisation.ca

    http://mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=9089

  • avatar

    CLAMOROSO!

    Perché Monti non ha voluto la Patrimoniale

  • avatar

    fine del processo del sabato

    dopo 150 pagine del blog, ho capito che

    il giudice nel momento di formulare la sentenza, di fronte ad un innocente accusato ingiustamente non avrebbe potuto sentenziare che:

    l’imputato è innocente

    in altro caso, essendo passato il termine ultimo per definire il giudizio, il giudice si è espresso definendo il processo:

    terminato per prescrizione del reato

  • avatar

    La crisi e Osama

    prima, qualche anno fa, c’è stata una crisi economica scaturita dalla storia catastrofica delle torri e del pentagono si è incolpato Bin Laden e per cercare lui si è sparato dappertutto, in Afganistan ed in Irak.

    adesso con la storia degli imbrogli delle banche e delle borse c’è una nuova crisi economica. A chi spareranno?

    11.11,2008

  • avatar

    una sentenza

    alla faccia di quelli che dicono che i giudici non sanno giudicare.

    gli stupidi farebbero bene a star zitti ed imparare a votare

  • avatar

    avevo chiesto di mettere dei colori vivaci

    è stata messa una rosella

  • avatar

    UNA STORIA SEMPLICE

    Bisognerà capire, prima o poi, che dire: “Il sistema bancario dà carta filigranata, prestata all’1% dalla Bce, cioè moneta stampata ex-novo dalla banca centrale, in cambio di titoli del debito pubblico al 5%, cioè lucrando il 4% in capo alle tasse dei cittadini, invece che svolgere la funzione creditizia all’economia reale” è la stessa cosa che dire: “La Bce autorizza il sistema bancario a lucrare il 4%, attraverso i titoli del debito pubblico, il 4% d’interesse passivo pagato dal popolo italiano, invece che svolgere la funzione creditizia all’economia reale”. E’ AMMISSIBILE?

    Bisognerà, comprendere, prima o poi, che c’è questo drenaggio di risorse dal sistema sociale, in modo del tutto parassitario, dall’economia reale, al sistema bancario, cioè alle banche s.p.a, al ceto sociale che detiene le azioni bancarie. Con la crisi quante svendite si sono attivate? equ- italia quanto ha messo all’asta? Quanti creditori dello Stato sono falliti perché hanno dovuto comprare a caro prezzo liquidità? Perché se invece si tratta di equ- italia scatta l’esecutività immediata, con interessi che tendono a mangiarsi il capitali, con la svendita all’asta, secondo prezzi non di mercato? <Siamo servi della gleba o delle banche?

    Bisognerà, altresì, comprendere che non esistono due economie, cioè quella finanziaria e quella reale, ma che alla prima dizione, non corrisponde l’astrazione, e alla seconda la concretezza materiale, bensì per finanza s’intende il far soldi con i soldi, mentre per economia reale, s’intende produrre beni e servizi, cioè valore aggiunto, mediante l’incontro del Lavoratore, con la Materia prima e una Tecnica di lavorazione.

    L’economia è una sola, quella del mondo del lavoro. Il far soldi con i soldi è una forma di parassitismo, se nell’ambito dell’economia del debito (dell’interesse), l’interesse, non funge più da tasso di conversione fra risparmio e finanziamento all’attività produttiva, ma rendita spropositata, che uccide il mondo della produzione. Chi può pensare di produrre se prestar soldi rende di più? Chi può pensar di produrre se far soldi con i soldi rende di più?

    La finanza tende a desertificare l’industria, mettendo all’incasso subitaneo dei dividendi, il mondo della produzione con le svendite di pezzi di storia e di competenza industriale, che hanno impiegato decenni, se non secoli, per giungere a maturazione.
    Un po’ quel che sta facendo la fiat finanziarizzandosi, come multinazionale cosmopolita, che s’avvale di lavoro generico e anomico, sradicandosi dall’alveo torinese, che l’ha generata. Perchè la fiat è nata a Torino e non a Dubai? La fiat senza Torino che cosa è? Nulla! La stessa ferrari si svaluterà a ruota, assieme ai salari dei suoi lavoratori. (Riflettete su come la stessa qualità d’uva, a seconda del contesto ambientale, produca vini molto differenti!)

  • avatar

    La Bce presta soldi al sistema bancario, o piuttosto, autorizza ulteriori drenaggi dall’economia reale, a favore della finanza, attraverso la trovata delle banche, che “finanziano” il debito pubblico?

    Sono gnorri alla Bce o è stupido/ignavo il “popolo sovrano”?

  • avatar

    @ Marinaio e a Quanno c’è vò, c’è vò.

    Carissimi, avvolte in certe situazioni, bisogna cogliere l’aspetto più divertente che poi sarebbe il danno minore. Come quello che sta vivendo il popolo italiano, che pur rendendosi conto d’essere preso per i fondelli, non gli rimane che abbozzare nella speranza che il tempo possa partorire la soluzione e non è detto che non sia più semplice di quanto si possa ipotizzare.

    Un’analogia come spesso l’uomo nel trovare i rimedi si orienti verso il complicato e non guarda quello che ha sotto il naso è dato dall’esempio di quel fatto avvenuto in questi giorni che riguardava un cavallo impantanato in una palude che lo stava inghiottendo mentre la sua padrona gli stava accanto per incoraggiarlo e cercare d’aiutarlo a venirne fuori. Dopo diversi tentativi senza successo dei vigili del fuoco e persino di un elicottero, quando si temeva il peggio, è bastato un contadino con il suo trattore a tirarlo fuori.

    Che cosa volete che vi dica, questo gran da fare, per quanto apprezzabilissimo, della Banca Centrale Europea nel cercare di arginare i danni e il governo Monti messo lì a fare più gli interessi delle banche e degli speculatori mentre l’economia della Nazione sta sprofondando lentamente nelle sabbie mobili, per similitudine mi fa venire in mente la faccenda del cavallo.

    Nel nostro caso occorrerebbe innanzitutto identificare chi fa le veci della palude in modo da trovare l’attrezzo giusto per tirarla fuori. Riuscire perora a pagare i debiti e rinnovarli è una toppa ma non la soluzione che consiste nell’incrementare la circolazione del denaro togliendo di mezzo tutti quei fattori che lo ostacolano, mentre vi sono quelli che avendo approfittato in modo spregiudicato della situazione, i quattrini se li tengono ben stretti nelle loro casseforti. Vi sono inoltre anche altre metastasi di cui bisognerebbe occuparsi seriamente e non in modo transitorio e con ciò non occorre fare la parte del Guru giacché ormai è diffuso nella pubblica opinione.

    Dopo quest’analisi, ma al divertimento non ci si rinuncia mai, specie nell’osservare la trasfigurazione sia in senso pluralistico che sessuale di taluni che nelle loro farneticazioni, s’inventano le situazioni più disparate pur di mantenersi a galla in quale liquido, lascio a voi immaginare.
    Vabbè, contento/i, lui/loro, contenti tutti.
    Un caro saluto.

  • avatar

    Buongiorno a tutti i naviganti. Deh, Osservatore Attento, repetita juvant, memento Socrate, e ti racconto pure ciò che un mio amico disse quando gli diedero dell’ignorante: all’interlocutor si rivolse dicendogli “ma si, hai ragione, tu sai tutto, sai anche di m!”. Cultura non ho ostentato, semmai nozioni, et soprattutto mai ho detto di essere il più intelligente tra i nauti che popolano questo tratto di mar, a differenza di qualcun altro che si crede di natura divina, o quantomeno nietzschiana, aber ubermensch bist nicht. Hoc praemisso, assai offensivo è il tuo post sul nauta OD e non solo: Carnevale ha lasciato il posto alla Quaresima, ma il senso del sacro tu non hai ergo acido solfidrico ancora lanci mediante fialette, et etiam la guardia ti lascia fare; poi ti lamenti della censura, fai la vittima, ma è troppo comodo pretendere di aver lo stesso trattamento di onesti nauti. A proposito di cultura, poi, sai benissimo che comunque sia l’antipodo non raggiungi anche se scavi, ma di reminescenze liceali non voglio parlare chè non è il caso. Meschino ti dimostri imitando pure il mio stil: ma anche qui non c’è nulla di strano. Però ogni villaggio ha uno scemo; onestamente il tuo caso non è, chè le tue cretinate sine dubio hanno lo scopo di creare una secca in codesto tratto di mare: diciamo allora con bontà francescana che ogni sito ha il suo troll la cui azion vuol essere perniciosa, però il repertorio non è infinito e, una volta che la zattera sporca di fango poichè nella melma si trova, è d’uopo escogitar altri mezzi,tra cui l’appropriarsi di nomi et stili altrui.
    Si vis pacem para bellum, sed sic stantibus rebus pax non est propinqua: vulpem pilum mutare, non mores. D’altronde, quando uno specchio non hai in casa così è: se ce l’avessi, d’altra parte, emuleresti sine dubio la famosa frase “spieglein, spieglein an der wand, wer ist die schonste im ganzen land?”, aber das ist recht nicht. Auguri

  • avatar

    Il popolo

    “La Bce presta soldi al sistema bancario … Sono gnorri alla Bce o è stupido/ignavo il “popolo sovrano”?”
    gennaro esposito marzo 1st, 2012 alle 05:02

    il popolo è da un po’ che sta sotto nano

  • avatar

    siamo a Marzo

    il mese della Primavera e della Donna

    tanti auguri a tutte le donne di ogni bene e felicità

  • avatar

    come và l’economia

    va male,
    tutti i neri che sono arrivati qui sono in cassa da parecchio tempo
    tanti di loro pensano di andare all’estero a cercare lavoro

    qualcuno sarà contento che se ne vanno: non ha mai sopportato che fossero arrivati qui

    alcuni di stessi che li usano nelle loro attività grandi e piccole e insieme ad altri danno il voto ad un tal partito che del cacciarli ne ha fatto la bandiera.

    quello stesso partito che ha condiviso il governo per anni con chi ha pubblicizzato l’immagine dell’Italia nel mondo.

    la sua immagine: case, viaggi, lusso, donne e festini

    e poi si vuole che un morto di fame non cerchi di arrivare qui?

    è scappato da casa dove veniva sfruttato come uno schiavo e si è ritrovato qui tra noi
    il guaio è che tra noi ci sono tanti che credono di stare meglio
    di essere liberi

  • avatar

    “Bisognerà, altresì, comprendere che non esistono due economie, cioè quella finanziaria e quella reale”

    L´unica economia e´quella reale, cioe´uno produce e l´altro consuma.
    Per semplificare lo scambio dei beni si e´inventata la moneta.
    Un bene vale x monete e viene corrisposto anziche´con un altro ben con x monete.
    La moneta in se´, soprattutto la cartacea non ha ALCUN VALORE INTRINSECO per cui ogni speculazione con l´uso di monete fine a se´non dovrebbe avere alcun valore.
    Perche´la moneta disgiunta dal valore reale (bene o lavoro) non ha valore.
    Cioe´il numero di monete circolante NON DOVREBBE SUPERARE il valore che queste rappresentano.

    Come e´possibile che un privato come le banche centrali possa stampare moneta ad libitum, stabilire tassi di interesse e usare la pura carta per comperare merci o immobili?

  • avatar

    Sta situazione è paradossale. Le associazioni delle piccole e medie imprese, industriali ecc. dovrebbero farsi sentire e manifestare per far sì che quando la BCE fa questi “regali” alle banche il prestito sia vincolato all’effettiva erogazione di credito verso le aziende… altrimenti picche.
    Dovrebbero alzare la voce e magari coordinarsi con le rispettive associazioni degli altri paesi dell’eurozona per avere più forza. La carenza di credito è un male abbastanza diffuso, anche se in italia le banche hanno il braccino corto come in nessun altro posto.

  • avatar

    @ Patrizia B.:
    Brava Patrizia!! Mi tiri sù il morale, qualche italiano con le palle c’è ancora.

  • avatar

    dopo tutte le informazioni
    che appaiono qui ogni giorno su come sia la realtà del funzionamento dell’economia, di chi i beni li produce e li mette a disposizione di tutti, e chi effettivamente viene in possesso di questi beni, e come o il modo con cui i pochi se ne appropriano,

    dopo aver saputo, come è possibile che questo continui ad accadere?

    che vi siano leggi fatte su misura per questi pochi e nessuno si frapponga a far cessare l’esasperato depauperamento del bene di tutti, la nazione?

    se non si vuole arrivare ad azioni esagerate si deve andare alle elezioni

  • avatar

    sapete come
    funziona la produzione di beni nell’industria?

    si, e sapete anche come si fanno i soldi con una grande società.

    tanti dicono: producendo e vendendo di più sconfiggendo la concorrenza
    è vero, ma non solo
    qualcuno dice: detenendo un maggior numero di azioni

    è importante stare all’ufficio vendite per controllarle, ma più importante, per far soldi, dirigere l’ufficio acquisti e controllare i fornitori

    lo sanno bene i nostri politici al governo
    solo i fornitori ti fanno guadagnare senza darlo a vedere

    ma lo sanno anche i banchieri
    per questo stanno in banca ed al governo

    si fa prima

  • avatar

    BENEFATTORI CON LA CRAVATTA

    La Bce è una benefattrice, e con la banca centrale europea, anche il sistema bancario italiano, che comprando titoli del debito pubblico italiano, s’impegnano a calmierare lo spread. Draghi aiuta Monti, al modico prezzo, della differenza fra il tasso dell’1% della Bce, e quello pagato dalla Stato, sui titoli del debito pubblico.

    Quasi quasi la funzione sociale del credito nel sistema economico non serve più! I soldi si fanno con i soldi! Che trovata geniale! Diventiamo tutti azionisti delle banche! Viviamo di dividendi! Ribattezziamoci Svizzera del Sud! Siamo già, come popolo, abili con l’evasione, perché allora non fare per lavoro, quel che già facciamo per diletto?

    Una volta ammessa questa santa circostanza, cioè che la Bce e il sistema bancario, sostengono il debito pubblico italiano, tuttavia non si percepisce il neo fondamentale, che cioè L’ECONOMIA DEL DEBITO, quella fondata sull’interesse che si mangia il capitale, abbia comunque fiato corto! Com’è che il debito sopravanzi sistematicamente l’economia reale?!? Italiani spreconi e spendaccioni? Non c’è invece qualcosa di stonato, nella circostanza endemica, che il debito diventi più grande del valore del PIL?, visto che la circostanza è globale, generale dell’economia?

    Ma forse è solo un modo mimetico per farci periodicamente la guerra, con la gentile intermediazione delle banche? perché storicamente, in associazione con le grandi crisi economiche, la contraddizione sistemica, con gli alibi più diversi, s’è sempre espressa nei conflitti bellici! Spostiamo dal sistema bancario alla costante antropologica: la guerra?

    Oggi si guarda all’Iran. La Cina pare solo una comprimaria. Appoggia l’Iran e la Siria, con la Russia di Putin: ma si dice, lo facciano solo per ragioni geopolitiche. Sarebbero, Cina e Russia, i loro governi s’intende, migliori del sanguinario e crudele governo siriano, e guerrafondaio iraniano. Ma considerati i cavò cinesi, ripieni di titoli e dollari del mondo, soprattutto degli USA, è al gigante asiatico che, giocoforza, bisogna guardare.

    La Cina già compra, alle svendite europee (cfr. Grecia), e nel Terzo mondo. Ha contante a dismisura. Non ha determinato, la Cina, nella propria economia, condizioni né costi del lavoro, compatibili con l’Occidente. La Cina già ci combatte con altri mezzi?

    Questa serie di fattori, come s’inanelleranno storicamente? Gli USA ora spostano, il baricentro del loro armamentario bellico, in Asia. Ma non è la Corea del Nord, né la necessità di tutelare il Giappone, in quell’area. Sanno che quando saranno insolventi, finirà malissimo, per tutti.

  • avatar

    governo normale

    “Garantire che le banche che prendono i soldi per riaprire il credito poi lo riaprano davvero non è una vessazione. E’ il minimo che un governo serio possa e debba fare.”
    A D P

    un governo normale non si deve indebitare cercando prestiti alle banche.

    le banche se non hanno soldi devono andare a chiederli al governo normale e pagare l’interesse al tasso di sconto in vigore.

    e tornare a farlo sarebbe ora
    ma con questi governi e questa legge elettorale non è possibile

  • avatar

    @giorgio peruffo

    purtroppo il mio di morale e´sotto i tacchi, perche´come dice Alberto, TUTTI sanno, ma quelli che contano e potrebbero fare qualcosa fanno finta di non sapere.

  • avatar

    On. DiPietro,

    lei che ha tanto a cuore i valori della democrazia e della giustizia dovrebbe chiedersi e CHIEDERE in parlamento che si riesamini la questione TAV.
    Perche´quando ci sono centinaia di migliaia di manifestanti in tutta Italia che hanno espresso in modi pacifici la loro disapprovazione, prima che questi modi pacifici si trasformino GIUSTAMENTE in modi cruenti: NON sarebbe utile chiedere agli Italiani un parere?

    Quando uno parla a voce normale e il suo interlocutore non lo sente, e´PRASSI COMUNE, che questo alzi la voce…
    Se le dimostrazioni pacifiche non sono ascoltate, i dimostranti ALZERANNO il tono della protesta, non per questo saranno da catalogare come terroristi.
    Ognuno attira l´attenzione come puo´.
    E´il politico che deve ASCOLTARE e quando non lo faccia ne deve portare le conseguenze

  • avatar

    “Brava Patrizia!!
    Mi tiri sù il morale, qualche italiano con le palle c’è ancora.”
    giorgio peruffo marzo 1st, 2012 alle 10:11

    per come e cosa scrive non sarà Patrizio?

  • avatar

    “cioè L’ECONOMIA DEL DEBITO, quella fondata sull’interesse che si mangia il capitale,”
    Hai centrato il punto.
    La fregatura piu´grossa dell´Euro non e´sta la sua ipervalutazione, ma il fatto che un paese sovrano come l´Italia rinunciasse al potere sovrano di stampare moneta.
    Gli USA con ben 42 trilioni di debito NON falliscono.
    Perche´STAMPANO dollari e con questi comprano il debito.
    ES.
    Io emetto titoli del mio debolo in moneta x.
    Ma io sono quella che la stampa.
    Se i miei titoli sono xper y io non fallisco, perche´sono sempre in grado di stampare l´ammontare che devo.
    In Italia quando i debiti erano insostenibili, cosa si faceva?
    Si svalutava la lira, cioe´si moltiplicavano le lire in circolazione, in misura tale da coprire l´ammontare del debito.
    A COSTO ZERO, escludendo ovviamente l´inflazione che poi´e´in realta´un costo.
    Ma quella era riequilibrata dalla scala mobile, cioe´gli stipendi seguivano la svalutazione.

    Siruazione odierna.
    Per pagare il debito l´Italia NON puo´stampare l´euro, l´operazione e´demanata alla BCE, che e´quella che decide QUANTA moneta stampare.
    Se se ne stampa in quantita´inferiore mancano i liquidi sul mercato.
    E´vero che non si ha grossa inflazione, ma l´economia soffre e i tassi di interesse sul debito crescono.
    La scala mobile e´stata abolita.
    Tutto questo cui prosit?
    Alle grandi corporazioni.
    Alla grande finanza.
    Le banche lucrano, le corporazioni creano una situazione di crisi, disoccupazione, fallimento delle piccole imprese (che sono i loro concorrenti).
    Conclusione; il lavoro costa meno i guadagni non sono soggetti a concorrenza, i politici per aumentare “l´occupazione” diminuiscono le tasse alle corporazioni.
    Morale:
    La massa si impoverisce, i “pochi” si arricchiscono.
    Siamo sempre allo stesso punto, ma una volta individuate le cause bisognerebbe fare qualcosa.
    Questo e´quello che dovrebbero fare i politici che si dichiarano “dalla parte del popolo”.

  • avatar

    Come sostengo da mesi e come e´sempre piu´chiaro, la cosa migliore che potrebbe succedere e´che tutti falliscano, che questa Europa fallisca, solo cosi´si puo´pensare a costruire un comunione tra i POPOLI europei, non guidata da burocrati, banchieri, finanzieri, monopolisti.
    Una EUROPA vera, non il paravento dell´ingordigia dei pochi che sfruttano la dabbenaggine dei piu´…(me compresa)

  • avatar

    @ Maria Rosa

    Patrimoniale Si Patrimoniale No

    Luca Cordero di Montezemolo propose la patrimoniale. Si scoprì poi che lui aveva intestato a se solo un vecchio casolare ed un terreno e che le sue aziende non sono quotate in borsa. In un modo o in un altro qualche super ricco la fa sempre franca…

  • avatar

    marinaio marzo 1st, 2012 alle 09:00

    spieglein, spieglein an der wand, wer ist die schonste im ganzen land?”

    Ergo:

    Spiegel, Spiegel ist mir! Ich freue mich und ich denke, ein Gott zu sein :!:

  • avatar

    LA VITA!

    Quando apprendo della morte di persone rilevanti, come quella odierna, improvvisa, di Lucio Dalla, penso alla mia di morte, a cui, onestamente, non penso proprio mai. credo che nessuno pensi mai alla propria morte ma solo a quella degli altri.

    Si pensa alla morte, quando muore qualcuno a cui teniamo, fosse anche, in virtù d’una proiezione psicologica, come nel caso mio, in cui Lucio Dalla è quello che meglio interpreta/va la mia sensibilità. E poi amo Bologna, città del cantautore, in cui sono rinato.

    Incomincio, però, al pensiero, anche ad arrabbiarmi, ricordando tutti quelli in barella, al pronto soccorso, che non hanno l’assistenza ottimale, per affrontare il dolore e la sofferenza.

    Se tutti ricevessero il soccorso migliore possibile, sarebbe solo il Destino ad esprimersi, e non… la malasanità?

    Troppo facile! Non questione di malasanità, ma del sistema sociale!, che privilegia i giochetti finanziari, invece che la Vita!

  • avatar

    Vi vogliamo oggi parlare di una commedia tragicomica (forse più farsa) che pur se può sembrare frivola, in effetti non lo è; in quanto tratta di un argomento delicatissimo che è quello della giustizia sul blog.
    Trattasi del fugace avvento di dipietrina sul blog.
    Per comodità dopo la prima menzione, citeremo i personaggi solo con l’iniziale.

    21 febbraio
    Corruzione: passiamo dalla telenovela al film d’azione

    Orbene, tutto comincia quando dipietrina, dopo un post del banano febbraio 21st, 2012 alle 20:49
    così commento febbraio 21st, 2012 alle 22:27

    Sorvoliamo sul finto e bonario rimbrotto dello zatteriere febbraio 22nd, 2012 alle 00:20
    e successiva risposta del b. febbraio 22nd, 2012 alle 10:26 (anche perchè vomitevoli; chi vuol rileggerli a suo rischio e pericolo)

    Veniamo invece alla cattiva risposta di aldecri febbraio 22nd, 2012 alle 12:54 (peraltro giustificata dall’obbrobrioso post del b.)

    22 febbraio
    Necessità corrente: dai referendum all’Italia di domani

    e ad un suo successivo post febbraio 22nd, 2012 alle 20:29
    al quale d. così rispose febbraio 23rd, 2012 alle 09:41

    ricevendo come controreplica febbraio 23rd, 2012 alle 15:29

    23 febbraio
    Liberalizzazioni fantasma e mille proroghe

    Dopo uno stupido commento della nobildonna quannocevocevò febbraio 23rd, 2012 alle 17:32
    ritorna lo z. prodigo di complimenti per d. ma sempre bonario e comprensivo per b. febbraio 23rd, 2012 alle 18:21

    23 febbraio
    Il governo che non c’è

    Sorvoliamo ancora sui post di a, e b. (che per l’occasione abbandonò il banano nel nick) ma li riportiamo ugualmente anche perchè interessanti
    aldecri
    febbraio 23rd, 2012 alle 20:06
    anselmo
    febbraio 23rd, 2012 alle 20:25

    e passiamo invece a d. che inveisce contro a. febbraio 24th, 2012 alle 11:15
    suscitando immediatamente le positive reazioni dello z. febbraio 24th, 2012 alle 12:00

    il quale riceve altrettanto positivo riscontro febbraio 24th, 2012 alle 13:00

    e prontamente risponde febbraio 24th, 2012 alle 13:39

    A questo punto subentra anche il pierniro (l’aspirator d’effluvi) che ringrazia d. per le belle parole febbraio 24th, 2012 alle 16:26

    25 febbraio
    Occupy Rai

    Adesso, pur mancando l’anello di congiunzione (post sparito di d.) si intuisce dalla risposta dello z. che come al solito, se lo si contrasta, perde tutto il suo aplomb e la sua francescanità e manda a vfc (lui dice buttati a mare, ma il senso è proprio quello) febbraio 26th, 2012 alle 11:09

    che Dubbioso aveva riservato a questi “”signori”” lo stesso trattamento che il b. aveva cercato di riservare ad al.; con l’unica differenza che a lui è riuscito in pieno di dimostrare la falsità e la poco onesta faziosità dei suddetti.
    Lo smacco è stato grande, come grande è stato D;
    puerile invece la reazione di b. febbraio 26th, 2012 alle 13:05

    Ed altrettanto quella di un certo nick mano fredda febbraio 26th, 2012 alle 13:08
    per non parlar di quella dello z. che si compiace della scomparsa del post di d. febbraio 26th, 2012 alle 13:39

    Da sottolineare il patto tra nick e lo zatteriere di segnalare i post, a loro giudizio, sconvenienti.
    Sorge spontanea una domanda: ma i post tutti, prima di venire pubblicati, non passano una censura?
    Ma allora questi due signori (si fa per dire) vorrebbero forse mettersi al di sopra del moderatore e censurare pure lui?
    Beh, il fatto che sia sparito il post di d, farebbe propendere per il si; per contro c’è che una svista può capitare a chiunque, anche allo stesso moderatore;
    ma da quel che scrivono questi signori (si fa sempre per dire) sembrerebbe che per loro dovrebbe essere prassi normale il loro placet o la loro censura.
    Saranno mica i figli di Di Pietro?
    Però mi piacerebbe leggerlo questo post fantasma che purtroppo mi è sfuggito; speriamo che l’autore lo abbia conservato e prima o dopo me lo faccia leggere;
    giusto per colmare la lacuna della farsa.

    A bientot.

  • avatar

    Dice che era un bell’uomo e veniva,
    veniva dal mare
    parlava un’altra lingua,
    pero’ sapeva amare
    e quel giorno lui prese a mia madre
    sopra un bel prato
    l’ora piu’ dolce prima di essere ammazzato

    Cosi’ lei resto’ sola nella stanza,
    la stanza sul porto
    con l’unico vestito ogni giorno piu’ corto
    e benche’ non sapesse il nome
    e neppure il paese
    mi aspetto’ come un dono d’amore fin dal primo mese

    Compiva 16 anni quel giorno la mia mamma
    le strofe di taverna,
    le canto’ a ninna nanna
    e stringendomi al petto che sapeva,
    sapeva di mare
    giocava a fare la donna con il bimbo da fasciare.

    E forse fu per gioco o forse per amore
    che mi volle chiamare come nostro Signore
    Della sua breve vita e’ il ricordo piu’ grosso
    e’ tutto in questo nome
    che io mi porto addosso

    E ancora adesso che gioco a carte
    e bevo vino
    per la gente del porto
    mi chiamo Gesu’ bambino

  • avatar

    Beh dei pirocchi troveranno il modo,a la Nouvelle Cousìne di condirci l’insalata,o farci sù un qualche altro strano piatto…IMMANGIABILE!!Meno male che quel ciula del Bossi,oramai,l’è alla cannetta del gas!!Che cò tutta la montagna di manfrinate che ce continua,sempre più,a sparare fuori…: CE N’ABBIAMO Dù PALLE COSì TUTTI QUANTI!!!!MAREMMA PROSCIUTTAIA!!Ma tirategli una bella bottta lì,così la pianta di scassarci le parti basse a…TUTTO IL POPOLO ITALIANO!!!!!MAREMMA RINGHIOSA E NERA!!!!!
    @ Pippo Calì:

  • avatar

    “Basta favori alle banche”!…
    °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
    A Tonino!…
    e… per conoscenza… a Gianni!…

    Tonino… sono totalmente d’accordo con questo tuo post! .-|||

  • avatar

    Di Pietro è ora che porti dentro il partito economisti pesanti, non mi stancherò mai di ripeterlo. Altrimenti passerà il tempo a parlare di Keynes con Diliberto che da docente universitario è riuscito a sbagliare alcuni passi della teoria economica. Fermo restando che al giorno d’oggi è praticamente l’introduzione all’economia politica. Prima porta economisti con i controcogli… dentro e prima avrà programmi economici validi.

    PS: se continua a dire di mantenere la RAI pubblica ancora non avete capito una mazza.

  • avatar

    COMUNICARE

    Quelli che scrivono in questo blog, commentando, dovrebbero fare, forse, una ricognizione sul significsto del termine solipsismo.

  • avatar

    secondo me se si butta Monti dentro un gesso lo risputa fuori,d’altra parte un governo tecnico di banchieri non poteva essere che a favore delle banche e dei grandi finanzieri..PERCHE’ NON LO FANNO CADERE? FORSE PERCHE’ SONO TUTTI FAVOREVOLI,A PARTE IL DOTT.DI PIETRO…siamo rovinati

  • avatar

    le banche centrali tra cui l’italia danno i soldi alla bce che li presta alle banche private al 1% che li prestano tramite titoli di di stato alle nazioni (compresa l’italia) al 5% nel nostro caso. neanche arsenio lupin sarebbe riuscito a organizzare una truffa del genere, paghiamo gli interessi sui nostri soldi.

  • avatar

    X ppbovio (scusandomi per il ritardo)

    Ciò che è noto, proprio perchè è noto, non è conosciuto.
    Nel processo della conoscenza, il modo comune di ingannare sè e gli altri è di presupporre qualcosa come noto e di accettarlo come tale.
    (G.F.Hegel)

    Caro bovio, faccio una premessa: io mi sforzo di essere il più semplice possibile nella scrittura e nel ragionamento, onde dar modo, a chi legge, di capirci il più possibile, e di trarne magari utilità per la sua coscienza politica e sociale quindi. Cerchi di fare altrettanto lei. Il mio, è un consiglio ovviamente. Veniamo a noi.
    Lei, somiglia a quell’osservatore, che distingue ogni singolo albero della foresta, ma ne perde di vista l’insieme. Ora, tutti gli economisti borghesi, non fanno altro, che concentrarsi nel ramo della circolazione, dello scambio, ma tralasciano “ideologicamente” di occuparsi del modo di produrre, e dei rapporti di produzione. Ma quando mai, questi economisti borghesi, hanno previsto una crisi? fino al giorno prima dello scoppio di una crisi, sono per l’elogio indefesso del capitalismo, del mercato, e delle sue proprietà autoregolatrici, ma poi dopo, a crisi scoppiata, iniziano con le più assurde critiche al sistema, critiche per lo più morali, come quella che fa nel post, il caro Tonino alle banche (e con questo, non voglio dire, che le banche siano candide come la neve).
    Lei, se vuole veramente capirci qualcosa di questo intricatissimo “imbroglio ideologico”, che è l’economia borghese, si deve studiare…indovini un po chi?…K.MARX!
    E’ a Marx, che deve rivolgersi, se vuole capire l’intimo funzionamento dell’ossatura capitalistica.

    Anche tralasciando la scoperta della legge dello sviluppo della storia umana e con essa la legge peculiare dello sviluppo del moderno modo di produzione capitalistico e della società borghese da esso generata, con una profondità d’analisi ineguagliata ha scoperto il plusvalore, gettando un fascio di luce nell’oscurità in cui brancolavano, in tutte le loro ricerche, tanto gli economisti borghesi che i critici socialisti; conseguentemente ha rivelato il meccanismo dell’accumulazione e la legge sulla caduta tendenziale del saggio di profitto.
    (segue)

  • avatar

    (segue)

    In merito al saggio di profitto: il valore di una merce, è dato dal lavoro in essa incorporato.Badi, SOLTANTO IL LAVORO UMANO PUO’ CREARE VALORE, e al tempo stesso conservare e sfruttare il valore già incluso nei macchinari (che se nessun lavoratore li facesse funzionare, non soltanto non creerebbero nuovo valore, ma perderebbero anche il valore che posseggono).
    E’ il lavoro umano a procurare i profitti al capitalista, fornendogli lavoro non pagato (Pluslavoro) ossia, lavoro supplementare rispetto a quello necessario per riprodurre la forza lavoro (cioè lavoro necessario). Quindi, questo pluslavoro, produce un valore supplementare, un PLUSVALORE cioè.
    Marx, definisce la forza lavoro, come “capitale variabile”, macchinari e mezzi di lavoro invece, come “capitale costante”.
    Ora, per mezzo del crescente uso di macchinari (capitale fisso quindi) più materie prime e ausiliarie vengono trasformate in prodotti nello stesso tempo, ossia con meno lavoro. Quindi la diminuzione relativa del capitale variabile (la forza lavoro) in rapporto al capitale costante, fa sì che a parità di condizioni il SAGGIO DI PROFITTO (il rapporto tra il Plusvalore, e il capitale complessivo investito nella produzione) diminuisca. E’ questa in sintesi (molto in sintesi) la legge della CADUTA TENDENZIALE DEL SAGGIO DI PROFITTO.
    Le controtendenze per contrastare questa legge (che agisce come legge di natura), sono: AUMENTO DEL GRADO DI SFRUTTAMENTO DEL LAVORO; COMPRESSIONE DEL SALARIO AL DI SOTTO DEL SUO VALORE; RIBASSO DEL PREZZO DEGLI ELEMENTI DEL CAPITALE COSTANTE; LA SOVRAPPOPOLAZIONE RELATIVA; IL COMMERCIO ESTERO; AUMENTO DEL CAPITALE PRODUTTIVO DI INTERESSE (le attività creditizie e finanziarie cioè).
    Ora, dovrebbe iniziare a capire, perchè, moltissimi industriali nostrani, sono riluttanti ad investire in innovazione tecnologica. Con tutta la manodopera a basso costo, e in eccedenza (SOVRAPPOPOLAZIONE RELATIVA) che hanno a disposizione, investono? non sono fessi.
    L’Europa può contare complessivamente su circa 700mln di abitanti (la metà della Cina, il 60% dell’India) e su una forza di circa 200mln di schiavi, peraltro in parte sindacalizzati e tutelati da leggi. Per limitarsi alla sola Cina, India e Indonesia, questi paesi possono contare sul 40% della popolazione mondiale e almeno 1,5mld di schiavi non sindacalizzati e non tutelati.
    L’Italia, in parte si salva paradossalmente, proprio perchè per molti industriali, conviene rimanere quì, visto il basso costo del lavoro medio
    Riesce a intravedere ora, la…LOTTA DI CLASSE che vige e vigerà fin quando perdurerà questo sistema di relazionamento che chiamiamo capitalismo?
    Si rende conto, dello spostamento produttivo che le forze borghesi stanno attuando li dove hanno convenienza a farlo, e ricattando contemporaneamente in questo modo, la forza lavoro ad un maggiore schiavismo in patria? (Confindustria docet).

    Cordiali saluti.

    P.S.
    Si legga il saggio introduttivo di Giacchè (50 paginette), ai scritti scelti di Marx sulla crisi (scritti inediti in Italia, e scritti per il N.Y Daily Tribune da Marx).
    Lo troverà…ILLUMINANTE!

    http://www.deriveapprodi.org/2009/09/il-capitalismo-e-la-crisi/

  • avatar

    Buon pomeriggio a tutti i naviganti. Caro PP Bovio, tecum sum nell’omaggio al grandissimo Lucio, sopraffino musicista e cantante, di cui sto ascoltando brani alla radio in questo momento: doveroso è ad Egli un omaggio sine dubio, peraltro amante del mare Ei dimostrò di esser attraverso canzoni bellissime. Ciao Lucio! Auguri

  • avatar

    Niro
    marzo 1st, 2012 alle 06:54
    @ Marinaio e a Quanno c’è vò, c’è vò.

    marinaio
    marzo 1st, 2012 alle 09:00

    Et voila, la coppia degli ignorantoni ritorna alla ribalta; in realtà, col bast-nano, dovrebbero formare un trio; ma accontentiamoci di questi due.
    Vediamo un po’:
    il pierniro delle barzellette oltre a propinarci il solito avvolte (ma non sarà che impacchettava regali in un grande magazzino e gli è rimasta la fissa dell’avvolgimento?) ci dimostra che non capisce neanche il senso del nick dell’amica sua; infatti scrive due volte “ce” con l’apostrofo e l’accento; mah, potenza della cultura.
    Lo zatteriere invece, magari nella fretta di scrivere, riesce a snaturare la frase-battuta omettendo un “di”; qualora non fosse stato per la fretta, diamogli una mano riportando la frase come dovrebbe essere scritta:
    “ma si, hai ragione, tu sai di tutto, sai anche di zatteriere”.
    Vedi o zatteriere, senza la preposizione “di”, il bisenso del verbo “sai” va a farsi benedire.
    Ricordati che martino, perse la cappa per un punto; supponendo che tu, maccheronlatino come sei, sappia cosa vuol dire; in caso contrario, puoi sempre fartelo spiegare dalla nobile professoressa.
    A proposito di reminiscenze liceali, o anche di scuola media, la tua maestra non ti ha mai bacchettato per i tuoi “ma però”?
    Capisco che oggi è tollerato, ma tu sei vecchio;
    cosa vorrebbe essere il tuo usarlo ed abusarlo sempre, una sorta di vendetta per tutte le bacchettate prese?

    Per concludere ti dico che se tu fossi veramente un uomo, anziché parlare a vanvera, supporteresti le tue stupide accuse con gli scritti; esattamente come faccio io con te; ma forse pretendo troppo da un povero zatteriere impantanato.

    Detto ciò, mi rifiuto di perdere altro tempo con te.

    PS La vittima la fai tu; io lotto per le mie ragioni, e sono nato combattente; quindi rassegnati, che la maglietta che tieni come vela sulla tua zattera è ormai tutta sdrucita; uso qualche parola nuova, così il vostro vate dell’avvolgimento, come ha più volte fatto in passato, potrà al più presto riciclarla; magari sgrammaticando come al solito.

  • avatar

    x Pierinissimo OA: deh, Adelcri, smacco un kuraz! Chè facilissimo esser ad insultar dietro una tastiera è sine dubio, e ciò già dissi in molte occasion; et etiam il fatto di ingannar chiunque come il tuo amico Dipietrina vilmente ha fatto facile è! Hoc praemisso, dico tibi: certo che di tempo ne perdi a ricercare i post nell’archivio; et il tempo pecunia est! Purtroppo però il CNR non contempla tale tipo di disciplina, sennò forse saresti a pontificar da una cattedra universitaria, nella disciplina “Diritto della navigazione banana”, et forse pure amico di bunga bunga,anche senatur, chissà! Sed Deo gratias così non è, in ogni caso colmo di bontà francescana dico qualcosa per il tuo ben, professor multinick di filosofia antidipietrista: la farsa non è rappresentata dal dialogo tra me ed Anselmo, che calorosamente saluto, ma dalla tua presenza in codesto sito, a tediare con le tue congetture i bravi e retti nauti che in questo tratto di mare transitano; pertanto, libera questo sito dalla tua ingombrante presenza e vai a fare un giro, a prendere una boccata d’aria, chè a forza di lanciare fialette demodè pure l’olfatto tuo vai a punir da te! Et le imprecisioni da te ostentate lunghe la dicon sulla tua supponenza: un bagno d’umiltà d’uopo è, ma l’insight non raggiungi, ergo infallibile sostituzion di tale bagno è un bel tuffo rinfrescante dove l’acqua è più blu! Repetita juvant, quindi: buttati a mare!
    Ciò detto et sine problema, saluto caramente i miei amici Niro, Anselmo et quoque l’autentico Quanno Ce Vo’ Ce Vo’: deh, caro nauta, in deutch cum grano salis una cosa significativa dal punto di vista psicanalitico detto hai sine dubio, et tecum sum. Auguri

  • avatar

    Era una cosa che avevo già immaginato, ma mi auguravo che questo non accadesse. Mi chiedo cosa ne pensa ora il nostro Presidente Napolitano, se è sempre fiducioso nell’attività che svolgno Draghi e Monti. Per caso non si è forse pentito. Perchè non dice niente al riguardo ??

  • avatar

    ppbovio, 1° marzo 1012, 13:41

    Compiva 16 anni
    quel giorno la mia mamma
    le strofe di taverna,
    le canto’ a ninna nanna
    e stringendomi al petto che sapeva,
    sapeva di mare
    giocava a fare la donna
    con il bimbo da fasciare.

    giocava alla Madonna
    col bimbo da fasciare.

    Questo è il verso originale, che la censura pretese venisse cambiato, pensa l’esclusione da Sanremo. Mi sembra giusto riportarlo oggi che Lucio ci ha lasciato. Così risultano chiari il titolo della canzone e i versi finali, anch’essi censurati:

    E ancora adesso
    mentre bestemmio
    e bevo vino
    per la i ladri e le puttane sono
    Gesù bambino.

  • avatar

    sono un imprenditore artigiano che deve confrontarsi ogni giorno con tutte quelle problematiche che ormai ci affliggono da alcuni anni, a partire dalla questione dell’accesso al credito a quello sempre più grave della mancanza del lavoro.Quando,poi, si apprendono notizie come quella del finanziamento delle banche daparte della banca centrale europea,viene da chiedersi che cosa stiamo facendo,dove vogliamo andare!Le aziende, specialmente le piccole,spina dorsale del nostro paese,stanno soffrendo senza che il governo intervenga a favore di giuste politiche per lo sviluppo.
    Si potrebbe per esempio travasare parte di quelle risorse sul mondo delle imprese ,dei giovani, delle famiglie ;le banche potrebbero,per esempio,utilizzarei finanziamenti per intervenire e allentare il patto di stabilità con operazioni concordate con i comuni.E’ ora di finirla con il mondo della finanza che ingoia famelicamente le risorse che potrebbero essere utilizzate in modo più profiquo e giusto per tutti icittadini ,per una dignitosa giustizia sociale.
    alberto devoti

  • avatar

    l’economia come tutte le altre scienze segue delle leggi che sono universali a differenza di quelle degli economisti che invece sono truffe.
    esempio, se vivo nel paese di utopia e riesco a essere perfettamente autosufficiente sono in un stato perfetto, ma se mi necessitano dei prodotti ho bisogno di prenderli da vicino paese di neverland. per fare cio devo produrre anche per quel paese ei prodotti che lui non ha per poter pareggiare con quelli che mi necessitano (bilancia commerciale). adesso succede che il fornaio decide di andare nel un paese piu povero non per produrre per la popolazione locale, ma per il mio paese riducendo cosi i costi. in questo modo però si produce a utopia meno di quello che consuma impoverendo lentamente il paese (bilancia negativa). questa è l’economia reale, il resto sono solo truffe da economisti, la differenza con i truffatori classici è che loro sono laureati e non riconosci la truffa finche non hai il cetriolo nel …….. inside job

  • avatar

    On. Le Di Pietro,
    vi sono molte strutture dello Stato abbandonate.
    Chiese abbandonate.
    Vi sono anche persone che non sanno dove andare e non hanno reddito.
    In Italia sono sorti alcuni villaggi eco solidali autosufficienti dove una persona ritrova la vita.
    Il suo Partito sarebbe d’accordo a sostenere questa iniziativa in modo da poter utilizzare queste strutture abbandonate utilizzandole come luoghi solidali ?
    Potrebbe essere un modo per risolvere drammatiche situazioni sociali e ridare un sorriso a tanta gente.
    La Chiesa potrebbe fare altrettanto.
    Forse si creerebbe uno stile di vita più confacente, solidale, autosufficiente e meno condizionato dalle banche.
    Cosa ne pensa?

  • avatar

    Condiivido pienamente caro On. Di Pietro ciò che dici e ciò che fai. Attento ai giochini di ABC di prolungare IL LORO MATRIMONIO CONTRO NATURA ALLA FACCIA DELLA DEMOCRAZIA E DEL POPOLO. NON LO VOGLIONO SOVRANO!!!! CAMBIASSERO LA COSTITUZIONE E METTESSERO CHE SONO LORO I PADRONI DELL’ITALIA. NON VOGLIONO DARE SPAZIO AI PARTITI SCOMODI LO ABBIAMO CAPITO, MA NON GLIELO PERMETTIAMO. Stiamo proprio fuori da ogni regola. GLI ORGANI DI TUTELA DELLA DEMOCRAZIA PRENDONO SOLO LO STIPENDIO? Ah! per LA QUESTIONE i NO-TAV, tutti dicono che SI DEVE D’AUTORITA’FARE LA GALLERIA, ma SONO PAZZI? CHI SE NE FREGA DELL’EUROPA E DEI POTERI FORTI! Se ci sono queste lotte siano TUTTI GLI ITALIANI A DECIDERE con un REFERENDUM. Conclusione se comanda l’Europa mandiamo a casa tutti i ns FIGURANTI POLITICI o passacarte super pagati per ROVINARE L’ITALIA.

  • avatar

    Vince M Ha scritto:

    Stamattina la Bce ha concesso alle banche europee un prestito di circa 520 miliardi di euro a tasso agevolatissimo dell’1%. E’ il secondo prestito di questi tipo nel giro di due mesi. Quello precedente, del 21 dicembre 2011, era stato di 489 miliardi di euro. Di questo malloppo quasi un quarto era andato alle banche italiane: 116 miliardi in tre anni.
    Questi soldi sono stati prestati dalla Bce perché le banche italiane dovevano a loro volta prestarli alle aziende in difficoltà, ai giovani imprenditori che hanno una buona idea ma gli mancano i fondi per realizzarla, a chi vuole mettere su famiglia e ha bisogno di un mutuo. Dovevano servire al Paese e alla sua crescita, non ai finanzieri e alle loro speculazioni.
    Invece è andata al contrario. I banchieri hanno intascato il prestito multimiliardario e poi, invece di riaprirli, hanno chiuso ancora di più i cordoni della borsa. Con quei miliardi si sono comprati i buoni del tesoro con un tasso d’interesse molto più alto di quello che devono pagare loro alla Bce. Hanno speculato alla grande e si sono riempiti le tasche a spese dello Stato, lasciando nella disperazione tutte quelle imprese e quelle famiglie che avevano bisogno di un prestito anche piccolo.

    CHE SIA GIUNTA L’ORA DI FARE UNA RIVOLUZIONE?????

  • avatar

    è giunta l’ora di fare una rivoluzione,
    ho visto cielo canale 26 ieri sera Santoro e la velle si Susa, ci rendiamo conto che siamo sotto regime autoritario mascherato da democrazia.

  • avatar

    e ora di una rivoluzione non nè veniamo più fuori se non si scatena una rivolta popolare,
    sono come hitler quando da dentro il bunker mandava ordini, a un esercito che non c’èra, vi ricordate il film gli ultimi giorni di hitler lo rivisto pochi giorni addietro per televisione.
    siamo allo stesso livello,
    questi sono peggio di Schettino: , ; . l’italia affonda, Và Buoo….

  • avatar

    On.le Di Pietro e tutti che leggono
    Vi invito ad informarvi cosa sta’ accadendo in Monte Dei Paschi (contratto per i dipendenti e probabile candidatura al vertice del Dr. Alessandro Profumo ex Unicredit)
    Vi invito ad informarVi cosa sta’ accadendo sul rinnovo del contratto dei bancari scaduto da parecchio tempo.

  • avatar

    Sui giornali italiani non si parla dei tanti risparmiatori che hanno perso i loro risparmi con il caso Grecia, gli unici che hanno davvero perso visto che le banche si rifanno con i soldi della BCE

Scrivi un commento

:D :) :o :eek: :( :lol: :wink: :arrow: :idea: :?: :!: :evil: :p

-->