Italia dei Valori Facebook Twitter YouTube Biografia NewsLetter Scrivimi
Video

Alla luce del sole

Facebook
Google
Twitter
65
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico
           Short Url:

Questa mattina sono intervenuto a Sky Caffè per parlare della legge  elettorale. Qui sopra il video.

Dalla porcata di Calderoli e Berlusconi, stiamo passando alla vaccata di questa assurda maggioranza. Si preparano a truffare per l’ennesima volta i cittadini con una legge elettorale fatta apposta per permettergli di decidere e lasciare tutto il potere nelle mani della casta.
Noi dell’Italia dei Valori riteniamo che in uno Paese democratico la decisione sulla legge elettorale si debba prendere in Parlamento, nelle commissioni, non nelle sagrestie dei partiti e nell’interesse dei singoli partiti, che con questa legge vogliono semplicemente tenersi le mani libere per il dopo elezioni.

Con questa legge elettorale si dice al cittadino: “Tu vota per me, vota per il mio programma, però dopo le elezioni quale governo, quale programma e quale coalizione ce lo scegliamo noi alla faccia tua”. Ma perché il cittadino non deve sapere prima di votare qual è il programma, chi sarà il capo del governo e soprattutto quale sarà la coalizione?
Hanno fatto questa scelta perché Pd, Pdl e Terzo polo non sanno se possono vincere le elezioni, e così si vogliono fare la “legge elettorale delle mani libere”. Il giorno dopo il voto, i partiti adotteranno le soluzioni e faranno gli accordi che più gli convengono. E’ il mestiere più vecchio del mondo: quello della prostituzione politica che si vende al miglior offerente.

Come scusa per imporre questa truffa, dicono che lo fanno per restituire agli elettori il potere di decidere chi deve andare in Parlamento, ma la realtà è opposta. Questa proposta serve a togliere agli elettori anche le ultime possibilità di decidere che ancora gli restavano.
Questa finta maggioranza litiga tutti i giorni, però poi si accorda su come garantire la propria sopravvivenza. Altro che Prima Repubblica: qui siamo di fronte a un vero e proprio attentato alla democrazia!


65 Commenti a “Alla luce del sole”

  • avatar

    E allora le chiedo, cosa potreste fare attivamente, non solo a proclami, per impedire questa ‘vaccata’?

  • avatar

    Gian Carlo marzo 27th, 2012 alle 21:19

    Bene, partiamo dalla fine:

    ADC: il che la dice lunga sul mio pensiero riguardo alla vostra onestà.

    GC: Di più, direi: la dice molto lunga.

    A questo punto aggiungo che la dice “moltissimo lunghissima”;
    ma, a differenza tua, che non l’hai per niente fatto, limitandoti a fare un discorso quasi in politichese, evitando di cogliere il senso della critica, ed aggrappandoti a questioni più o meno cavillose, ti spiego anche il perchè:

    hai sfruttato un post di una che ha osannato quanto detto da un giornalista ( chiaramente di parte) per autogratificarsi (a modo suo) di aver detto delle cose giuste; da ignorare il resto della stampa che magari la pensa diversamente; fosse anche la stragrande maggioranza;

    l’hai fatto giusto perchè, a tua volta, hai voluto fare della facile ironia (giusto per non essere cattivi) davanti ad un uditorio preconcettualmente predisposto ad applaudirti;

    ma messo da un terzo (io nella fattispecie) davanti all’alternativa di estendere la tua pseudo ironia ad un evento similare che riguardava le tue preconcette posizioni (era questo il nocciolo del mio post) non hai saputo far altro che aggrapparti ad inutili considerazioni sullo scritto, senza sfiorare minimamente il nucleo del problema posto.

    Tutto ciò mi riporta a ribadire:
    il che la dice “moltissimo lunghissima” sul mio pensiero riguardo alla TUA onestà intellettuale.

    Aggiungendo che, alla luce dei fatti, mi sembra proprio assente, e che intravedo in te il solito “rigiratore di frittate”.
    A buon intenditor……..

    Gian Carlo marzo 27th, 2012 alle 21:19

    Bene, partiamo dalla fine:

    ADC: il che la dice lunga sul mio pensiero riguardo alla vostra onestà.

    GC: Di più, direi: la dice molto lunga.

    A questo punto aggiungo che la dice “moltissimo lunghissima”;
    ma, a differenza tua, che non l’hai per niente fatto, limitandoti a fare un discorso quasi in politichese, evitando di cogliere il senso della critica, ed aggrappandoti a questioni più o meno cavillose, ti spiego anche il perchè:

    hai sfruttato un post di una che ha osannato quanto detto da un giornalista ( chiaramente di parte) per autogratificarsi (a modo suo) di aver detto delle cose giuste; da ignorare il resto della stampa che magari la pensa diversamente; fosse anche la stragrande maggioranza;

    l’hai fatto giusto perchè, a tua volta, hai voluto fare della facile ironia (giusto per non essere cattivi) davanti ad un uditorio preconcettualmente predisposto ad applaudirti;

    ma messo da un terzo (io nella fattispecie) davanti all’alternativa di estendere la tua pseudo ironia ad un evento similare che riguardava le tue preconcette posizioni (era questo il nocciolo del mio post) non hai saputo far altro che aggrapparti ad inutili considerazioni sullo scritto, senza sfiorare minimamente il nucleo del problema posto.

    Tutto ciò mi riporta a ribadire:
    il che la dice “moltissimo lunghissima” sul mio pensiero riguardo alla TUA onestà intellettuale.

    Aggiungendo che, alla luce dei fatti, mi sembra proprio assente, e che intravedo in te il solito “rigiratore di frittate”.
    A buon intenditor……..

    Gian Carlo marzo 27th, 2012 alle 21:19

    Bene, partiamo dalla fine:

    ADC: il che la dice lunga sul mio pensiero riguardo alla vostra onestà.

    GC: Di più, direi: la dice molto lunga.

    A questo punto aggiungo che la dice “moltissimo lunghissima”;

    ma, a differenza tua, che non l’hai per niente fatto, limitandoti a fare un discorso quasi in politichese, evitando di cogliere il senso della critica, ed aggrappandoti a questioni più o meno cavillose, ti spiego anche il perchè:

    hai sfruttato un post di una che ha osannato quanto detto da un giornalista ( chiaramente di parte) per autogratificarsi (a modo suo) di aver detto delle cose giuste; da ignorare il resto della stampa che magari la pensa diversamente; fosse anche la stragrande maggioranza;

    l’hai fatto giusto perchè, a tua volta, hai voluto fare della facile ironia (giusto per non essere cattivi) davanti ad un uditorio preconcettualmente predisposto ad applaudirti;

    ma messo da un terzo (io nella fattispecie) davanti all’alternativa di estendere la tua pseudo ironia ad un evento similare che riguardava le tue preconcette posizioni (era questo il nocciolo del mio post) non hai saputo far altro che aggrapparti ad inutili considerazioni sullo scritto, senza sfiorare minimamente il nucleo del problema posto.

    Tutto ciò mi riporta a ribadire:
    il che la dice “moltissimo lunghissima” sul mio pensiero riguardo alla TUA onestà intellettuale.

    Aggiungendo che, alla luce dei fatti, mi sembra proprio assente, e che intravedo in te il solito “rigiratore di frittate”.
    A buon intenditor……..

  • avatar

    I nuovi guru.
    Ovvero quelli che hanno capito tutto.

    Dopo Celentano ecco affacciarsi alla ribalta i Crozza, i Ragazzi, ecc.

    Premesso però che tra di loro non s’intendono poi tanto: infatti non mi è parso che i Ragazzi abbiano ben interpretato il Crozzapensiero;

    premesso che quand’anche così non fosse, il Crozza resterebbe uno che, come tanti altri, potrebbe più o meno malamente interpretare il pensiero di un altro;

    premesso che il Crozza è tra i miei comici perferiti, tanto che immodestamente talvolta cerco, con scarso successo, di emularlo;

    premesso tutto ciò, ci riprovo:

    Ooooh Ragazzi, non è che mi accendete il cerino per riappiccare l’incendio?
    Mica stiamo qui a fare i pompieri; che l’unico liquido che abbiamo a disposizione è la benzina; e con quello che costa preferiremmo risparmiarla.

  • avatar

    Me ne strafrego della legge elettorale dato che, a priori, non ho intenzione di concedere un voto e un rimborso elettorale a un sedicente “partito politico”, privo di una qualsiasi personalità giuridica, di un qualsiasi statuto democratico, di un qualsiasi controllo funzionale e amministrativo.

  • avatar

    PROGETTO RINASCITA DEMOCRATICA 2.2

    Il sen prof Monti sà che la risoluzione dei problemi italiani comincia dall’Europa.
    Perciò il progetto di legge con cui limita il diritto di sciopero e protegge la libertà d’impresa (la protegge da che cosa?) Supermario ha deciso di presentarlo direttamente al parlamento europeo.
    E siccome tutto ciò che arriva dall’Europa ha il valore dell’oro colato, il parlamento italiano non dovrà fare altro che recepire.
    Lo stesso governo Monti, in fondo, è stato recepito.

  • avatar

    “Bologna, 58enne si dà fuoco davanti all’Agenzia delle Entrate”
    E’ gravissimo, con ustioni “su quasi il 100% del corpo”; dopo il ricovero al Maggiore è stato trasportato a Parma. In alcune lettere scritte per la moglie e la commissione tributaria il motivo del gesto, legato ai debiti. Un passante ha cercato aiuto, sono arrivate due auto della polizia.

    Ha 58 anni ed è gravissimo, con ustioni “quasi sul 100%” del corpo l’uomo che stamane a Bologna ha tentato di uccidersi dandosi fuoco davanti agli uffici dell’Agenzia delle Entrate in via Nanni Costa, zona ospedale Maggiore, prima periferia della città. L’uomo, prima ricoverato al Maggiore, è stato portato a Parma al Centro Hub per la terapia delle grandi ustioni.

    Tutto è accaduto intorno alle 8.20. L’uomo, residente a Ozzano, è diventato in pochi istanti una torcia umana. Coinvolta dalle fiamme anche la sua auto. Un ragazzo ha notato la scena e allargando le braccia ha chiesto aiuto a una pattuglia di vigili urbani che era nei paraggi per un intervento di sicurezza davanti a una scuola: quando i vigili hanno raggiunto l’uomo, questi era aterra, i vestiti completamente bruciati, fiamme ancora attive ai piedi. Poco dopo sono intervenuti anche una volante del commissariato Santa Viola, i vigili del fuoco e il 118.

    L’uomo ha scritto delle lettere, trovate lì in via Nanni Costa: una aperta, una alla moglie e una alla commissione tributaria, nella quale fa riferimento a un ricorso. L’uomo scrive di aver pagato le tasse e di sentirsi ingiustamente trattato dal Fisco. Diversi passaggi fanno riferimento a una condizione economica e finanziaria disastrata.”
    di LUIGI SPEZIA (“Repubblica”)

  • avatar

    Come fregarsene della volontà dei cittadini.

    Se la Legge Elettorale sarà quella che è stata accennata, oltre a non veder ripristinate le preferenze, il popolo perderà anche la possibilità di eleggere la coalizione ed il Governo.
    Senza tentennamenti, si può affermare che questa ipotesi di riforma, è di gran lunga peggiore dell’attuale “porcellum”.

    Detto questo, qualsiasi Legge Elettorale, non potrà mai risolvere i problemi “strutturali” del Paese.

  • avatar

    @ alberto de cristoforo:

    Come diceva il Grande Totò in un ostentato dialetto romanesco: “Che ce voi fa so’ Ragazzi, je piace provocà!”.
    Ciao.

  • avatar

    QUESTO E’ UN PAESE MANICOMIABILE… OLTRE CHE INGIUSTO!

    “Furto di un ovetto, assolto dopo tre anni
    “Spreco di soldi e carriera rovinata”
    Protagonista un diciottenne, scagionato dopo un lungo processo, grazie ai jeans a vita bassa. Ma intanto per quella macchia non ha potuto arruolarsi in Marina

    di GIOVANNI DI MEO

    TARANTO – Tre anni di processo per aver rubato un uovo di cioccolato. E poi l’assoluzione perché il fatto non sussiste. E’ la tragicomica vicenda che ha visto come protagonista uno studente tarantino, accusato di aver rubato l’ovetto Kinder da una bancarella nella località balneare di Montedarena nell’agosto del 2009. Il ragazzo, appena diciottenne, ha dovuto affrontare un processo per essere poi riconosciuto innocente. Un calvario che avrebbe pure compromesso la carriera del giovane in quanto per quest’accusa sarebbe stata respinta la sua richiesta di arruolamento nella Marina militare.

    Era stato lo stesso pubblico ministero a chiedere l’assoluzione, come fatto naturalmente dal difensore dell’imputato: la sentenza è stata emessa ieri dal tribunale di Taranto, mentre a poca distanza si celebrava il processo per l’omicidio di Sarah Scazzi. Un ovetto da un euro e quattro centesimi, quello che a Donato era costato l’accusa di furto, sommata a quella di ingiurie; migliaia di euro, invece, il costo del processo per la giustizia italiana. In una vicenda così, è curiosa anche la motivazione della sentenza: “Il ragazzo indossava un jeans a vita bassa aderente e tale da impedire l’intromissione nella tasca di un uovo di cioccolato”.
    (“Repubblica”)

  • avatar

    Dalla porcata di Calderoli e Berlusconi, stiamo passando alla vaccata di questa assurda maggioranza. Si preparano a truffare per l’ennesima volta i cittadini con una legge elettorale fatta apposta per permettergli di decidere e lasciare tutto il potere nelle mani della casta.

    Questo è il punto… tirare a campare piuttosto che tirare le cuoia.

    Non contenti del mattarellum che in qualche modo li obbligava a prendere parzialmente in considerazione il volere del cittadino e pertanto non potevano sistematicamente occupare la scena parlamentare / politica con i loro scagnozzi, nella sua totalità (cosa loro), la porcata di Calderoli < lega <partito dell’amore e degli onesti, coadiuvati e sottilmente incoraggiati dai burocrati di brezneviana fattispecie, ha fatto sì che hanno potuto mettere i loro luogotenenti in tutti i posti possibili immaginabili, persino avvocati in parlamento non tanto e solo per i propri comodi, ma anche e comunque per vagliare, esaminare ed eventualmente bocciare o promuovere qualsiasi iniziativa o idea proveniente da quel calderone mediocre e asservito che chiamano parlamento.

    Un “discernimento” che solo illusi possono considerate “NON di parte” o imputabile ad un volere “imparziale” di rappresentanza che esprima il volere “democratico” del “popolo sovrano”. Un marciume dove si decidono accordi economici, appalti, affari a livello nazionale e oltre.
    Basta solo pensare al disastro finanziario che hanno causato al paese per capire dove tendevano “le politiche” di una casta oramai inamovibile.

    Per non dire di quanto stia attuando l’attuale “governo”: mentre i suoi rappresentanti “jet settano” per il modo a dire quanto siano stati bravi a mettere i conti in sesto (???), in realtà hanno solo fatto macelleria sociale che un idiota del villaggio qualunque avrebbe potuto mettere in atto.

    Ben guardandosi dal toccare la piaga dello statalismo gigantesco e del nepotismo parassitario e inefficiente che divorano bilanci ed esigono indebitamenti sempre maggiori.

  • avatar

    Pare del tutto evidente che continuare a parlare di sovranità nazionale è inutile e forviante in quanto l’Italia, così come tutti gli altri Paesi che hanno aderito al WTO hanno di fatto consegnato la loro sovranità a poche lobby economiche e finanziarie che, attraverso i governi a loro aderenti regolano all’interno e all’esterno della loro aerea d’influenza la vita sul pianeta. Se ciò corrisponde al vero, allora vuol dire che siamo stati già tutti annessi a nostra insaputa al servizio di questo nuovo; quanto misterioso global-règime che si è impadronito del pianeta senza colpo ferire. A noi rimane solo di eleggere gli intermediari (politici) che più ci rappresentano nelle nostre istanze hai nuovi padroni del mondo, quindi, “occhio” agli intermediari che eleggiamo altrimenti siamo fregati anche di sotto.

  • avatar

    DELL’1% CHE SFRUTTA IL 99% DELLA POPOLAZIONE ANCHE I PARTITI DEL RIMBORSO – COSIDDETTO – ELETTORALE

    Ora i colpi di stato, e le dittature, si fanno in forza di legge.
    Perchè fare atti di forza, se può usare la persuasione?
    Perchè esporsi apertamenten se si può fare in modo occulto?
    Perchè dirlo, se si può farlo e basta?
    Perchè farsi additare a livello internazionale, se si può passare sotto silenzio?
    Perchè affacciarsi ad un balcone come i dittatori, se si può fruire della ripetizione mediatica, che forma il senso comune?
    Ecco a voi la prestigitazione elettorale!

  • avatar

    alberto de cristoforo, 28 marzo 2012, 12:26
    Gian Carlo marzo 27th, 2012 alle 21:19

    ADC: il che la dice lunga sul mio pensiero riguardo alla vostra onestà.

    GC: Di più, direi: la dice molto lunga.

    A questo punto aggiungo che la dice “moltissimo lunghissima”;
    ma, a differenza tua, che non l’hai per niente fatto, limitandoti a fare un discorso quasi in politichese, evitando di cogliere il senso della critica, ed aggrappandoti a questioni più o meno cavillose, ti spiego anche il perchè
    [...]
    A buon intenditor……..

    Non l’ho per niente fatto? Per un buon intenditor che bisogno c’è? Ma evidentemente c’è anche chi buon intenditor non è.

  • avatar

    Smettiamola con le “verità” costruite a tavolino.

    Visto che si vuole (a tutti i costi) affermare che il Governo Monti, ha fatto accrescere la considerazione dell’Italia nel mondo, è bene riflettere meglio su quello che è avvenuto recentemente.

    Se escludiamo alcuni attestati formali (bene, bravo, bis), Mario Monti, in tre situazioni che riguardavano i nostri rapporti internazionali, ha ricevuto tre sonori ceffoni:
    - proprio nel giorno del suo incontro (a New York) con il mondo finanziario americano, l’Italia è stata declassata da Standard & Poor’s;
    - nella vicenda dei due marò, il Governo Indiano ci ha trattato a pesci in faccia;
    - nella vicenda dell’incursione in Nigeria, che provocò la morte di un cittadino italiano, il Governo inglese non ritenne di dover informare le nostre autorità.

    Questi sono stati gli unici episodi, che potevano evidenziare il livello di considerazione del nostro Paese.
    Certo, chi vuole limitare la valutazione sul Governo Monti, solo attraverso gli articoli di qualche giornale straniero (Wall Street Journal “Monti come la Thatcher”), lo può anche fare, ma, pur con le evidenti differenze, sarebbe quasi come se per valutare Berlusconi, uno si affidasse solo alle considerazioni di Emilio Fede.

  • avatar

    I GRUPPI DIRIGENTI DEI PARTITI SI FANNO LE LEGGI PER SE STESSI – AD PERSONAM – NON PER LA DEMOCRAZIA!

    Il popolo è minorenne! Fa dietrologia. Recrimina. Dice ch’è ingiusto. Assiste. Subiscono tutti, uno a uno, singolarmente. Non sanno che sono tutti nella medesima situazione. L’inflazione. Le gabelle. Equitalia. La menzogna dei telegiornali. La politica fatta per proteggere e mantenere al potere i nominati.

    Invece dovrebbe irrompere nella realtà, e chiedere i propri diritti. Chi ancora non soffre, dovrebbe sapere che una volta stabilita tale china, è solo una questione di tempo. Verrà il suo turno. Inevitabilmente. E la cosa più assurda nella vita è dover soffrire in modo gratuito, per il privilegio di qualcuno, ch’è avido di risorse e di potere!

    monti insiste sull’art. 18 cioè nel voler prendere a calci in c…lo i lavoratori, spacciando la cosa come un provvedimento per implementare il mercato del lavoro. Il popolo che farà? Se la beve pure questa?

    L’agire delle corporation (come la fiat), che hanno come imperativo categorico il profitto degli azionisti, a spese delle popolazioni e dei territori, è follia ingiustificabile, eppure è istituzionalizzata, legalizzata, legittimata.

    monti dice che le imprese possono investire ove vogliono. Significa che la delocalizzazione è legittima! Torino vedrà a cosa condurrà quest’atteggiamento, da parte di chi governa!

    La stessa follia del sistema bancario, che mette “all’incasso” la realtà della vita quotidiana, con l’agire malsano della della finanza, è intollerabile quanto purtroppo egemone. Mettere all’incasso significa smantellare qualcosa che ha una sua ragion d’essere pure economica solo per un immediato realizzo, vendendone i pezzi per chi ha la rendita finanziaria. Come se qualcuno si dia da fare per costruire una buona macchina e poi la si vende a pezzi di ricambio usati! Così stanno facendo con il mondo del lavoro, pensandolo intercambiabile, come la moneta, i banchieri – sapienti idioti – al governo!

    “Il popolo è minorenne”?, penso citando una frase del personaggio interpretato da Gian Maria Volontè, in un celebre film del 1970. So che ognuno pensa che non c’entra, con il futuro senza art. 18 che stanno pensando possibile per la società e la democrazia italiana. Che non riguarda lui personalmente.

    Non ci si coalizza dal basso per mandare al diavolo chi gli sta rubando la Vita, il Presente, il Futuro, la salute psicofisica, insomma la gioia di vivere! S’è adagiato, il popolo, il 99% degli sfruttati. Crede davvero che monti risolverà i problemi…

  • avatar

    Mi associo a:

    Paolo B., 28 marzo 2012, 12:19

    E allora le chiedo, cosa potreste fare attivamente, non solo a proclami, per impedire questa ‘vaccata’?

    Forse non basta stare a guardare il Neosalvatore delle Banche, unto da Re Giorgio che, per dare alle sue inconsistenti parole il peso che non hanno, non trova niente di meglio che fare il Giro del Monti e indire conferenze stampa qua e là davanti a giornalisti nostrani di regime portati al seguito come lacchè (a chi altri vuoi che impoorti quello che dice?), affinché col megafono riportino in Patria al popolo bue (cui manca solo il giogo, ma è questione di poco tempo) il suo verbo. Cioè affinché il popolo bue apprenda e consenta, visto che è stato proclamato urbi et orbi, che è proprio lui, il popolo bue, anche se non se n’era ancora accorto, che “vuole” a stragrande maggioranza la riforma del lavoro. Affinché il popolo bue apprenda che il consenso al suo governo è proprio lui, il popolo bue, a darlo.

  • avatar

    Sino ad ora, gli organi d’informazione, e i nominati non ci sentivano, circa equitalia. la Sardegna urla ma le urla non giungono. Ora abbiamo il precedente, del cittadino che stamattina, a Bologna, s’è dato fuoco davanti all’agenzia delle entrate! Prima di compiere il gesto, darsi fuoco, che fanno altrove come estremo gesto contro l’oppressione (ad esempio in Tibet oppresso dagli occupanti cinesi), l’uomo aveva indirizzato una lettere alla commissione tributaria. Che altro bisogna aspettare, per mettere mano alle mostruose e kafkiane procedure del gabelliere italiano?

  • avatar

    Beh, cari amici, di tutto potevamo accusare l’attuale governo, ma non che non fosse “sobrio”.
    Bene!
    Lasciatemi nutrire qualche dubbio per Monti, che, fuori dal suolo patrio, ha dichiarato che la riforma è voluta, fortissimamente voluta dalla maggioranza degli italiani.
    Il sospetto che abbia bevuto qualche litrozzo c’è ed è anche forte.
    Eh sì, perché io, al solito, ho fatto il mio mini-sondaggio per una mini-statistica, per capire se effettivamente esiste questa maggioranza che brama la riforma dell’art.18.
    Ho chiesto sempre al mio portiere, al mio edicolante, al mio idraulico, alla mia donna delle pulizie, nonché alle mie sorelle (sempre 4) se loro desiderano che l’art.18 cambi per rendere i licenziamenti più facili, ed è stato un coro di: NO – NO – NO – NO – NO – NO – NO.
    Certo è che se Monti, per capire cosa vogliono gli italiani, lo chiede a Marchionne, alla Marcegaglia, a Berlusconi, Alfano e Cicchitto, nonché a Casini, genero di Caltagirone, allora effettivamente viene fuori una statistica a favore della riforma al cento per cento.

    @ Alberto Ragazzi

    Ieri sono stata a cena fuori e non ho visto Crozza.
    Ma grazie comunque della segnalazione.

    Angela Vita

  • avatar

    Ma se non produci Valore, cioè se non c’è Sviluppo, che vuoi tassare?

    Ma è così complicato capire come finirà, se continui a tassare, mentre non s’incontrano il lavoratore, le materie prime e una tecnologia innovativa? L’innovazione è la cancellazione delle tutele dell’art.18? Prediamo ai lavoratori per dare alle banche?

    S’incrementa l’occupazione creando il regno del terrore in fabbrica? Licenziando chi chiede siano rispettati i suoi diritti? Il sindacato sa che dopo la fine dell’art. 18 viene anche la sua fine? Visto che non tutelerà più nulla? Visto che sarà equiparabile ad un sindacato padronale? Cosa farà? gestirà i licenziamenti per “ragioni economiche”? (“Ragioni economiche” =il jolly per licenziare, sempre e comunque, chi in fabbrica non subisce e mosca!).

    Dopo il sindacato, con la fine dell’art.18, muore anche il Pd. E’ nella storia dei poteri/consensi che si regalano alla contropoarte, cedendo alle suggestioni di monti e della fornero! Si farà un favore, oggettivamente, invece, un favore elettorale, oggettivo, a Di Pietro e Vendola, che vedranno crescere i consensi, dato che ad ogni azione c’è subito un’azione uguale e contraria! Viene meno il Pd? Allora c’è Di pietro e c’è Vendola!

    Le banche stanno abolendo l’idea stessa di democrazia? Vogliono monetizzare le tutele dei lavoratori per cinesizzare l’Italia?
    Se non si crea occupazione, non c’è produzione, e quindi non c’è consumo. E che cosa tassi, allora? Le case? Appunto! Con l’IMU! Anche chi ha una casa ma non un lavoro? Un incentivo (per quanto indiretto) alla mafia?

    Se qualcuno sarà in difficoltà, nel pagare le tasse, fosse anche 1 su 1000, non sarà forse più tentato dalla corruzione, se non peggio, per risolvere i propri problemi? Guardate alla microcriminalità, la corruzione, l’evasione e la mafia prosperare sempre di più! Credete al Caso? Oppure alle catene di cause ed effetti?

  • avatar

    Questa è l’ennesima occasione per salvare chi ancora dentro il PD ha qualche idea per il paese e fa politica per quello. Per Lei Di Pietro invece dovrebbe essere la conferma di come la sua alleanza con sel e pd sia impossibile. Allearsi con sel per portare avanti statalismo e spesa pubblica ? Forse non ha capito che parte di queste ricette economiche sono fallite decadi fa. La riprova c’è l’ha sotto gli occhi oggi. Ma non tutto è da buttare, i mercati per funzionare vanno regolati e non certo dai banchieri o dalle mafie. Fossi in Lei cercherei quanti all’interno del movimento leghista hanno veramente voglia di mettere ordine a questo paese martoriato visto che federalismo, lotta all’immigrazione, difesa dei lavoratori e delle piccole-medie imprese italiane sono i temi sui quali potete creare un fronte comune….

  • avatar

    chi altro

    “I nuovi guru.
    Ovvero quelli che hanno capito tutto.
    Dopo Celentano ecco affacciarsi alla ribalta i Crozza, i Ragazzi, ecc.”
    alberto de cristoforo marzo 28th, 2012 alle 12:34

    negli eccetera?

    dai, dai che sei stato toccato
    ciao

  • avatar

    :!: La LEGGE ELETTORALE è ancora in DIVENIRE e quindi mi sembra prematuro valutare una bozza suscettibile di variazioni e che sarà più volte rimaneggiata nel corso dei prossimi mesi. Comunque pare che l’italica Trimurti ABC abbia trovato un accordo di massima per fissare alcuni paletti.

    :( TAGLIO dei PARLAMENTARI si dovrebbe scendere da 600 a 500 deputati e da 315 a 250 senatori. Una sforbiciata addirittura superiore al 20% previsto nella prima bozza.Tuttavia, secondo il mio modesto parere, i ”papponi” sugli scranni sono ancora troppi e non suona affatto rassicurante la dichiarazione di Casini: ”La decisione dovrebbe essere questa: al massimo ci potrà essere una norma transitoria…” Ahia ! E che significherà mai ”transitoria”? Che ci sarà un prolungamento per far maturare la pensione a qualche collega ?

    :lol: Prevista l’INDICAZIONE del CANDIDATO PREMIER, e quindi il leader di partito che raccoglie più voti sarà anche il candidato a capo del governo. In questo modo sarà svuotato il senso delle primarie di coalizione; allo studio l’attribuzione di maggiori poteri al Premier e all’Esecutivo.

    :D RESTITUZIONE ai CITTADINI del potere di SCELTA dei parlamentari, in un sistema che ELIMINA la COALIZIONE PREVENTIVA prima delle votazioni. Praticamente si torna alla seconda repubblica, la qualcosa è sempre migliore del ”porcellum”. E’ comprensibile che IDV e LEGA abbiano, in proposito, un travaso di bile: se gli accordi di coalizione verranno fatti DOPO il voto, questi due partiti potrebbero rimanere ai margini perchè ”scomodi”. E’ la fine del bipolarismo.

    :wink: SOGLIA di SBARRAMENTO e DIRITTO di TRIBUNA . Sembra che la soglia di sbarramento si attesterà al 4/5% ma non è detto che possa essere ancora più alta, altrimenti non avrebbero previsto per i partiti minori il diritto di tribuna, cioè un numero per ora imprecisato, di seggi a loro disposizione.

    :idea: RIFLESSIONI – Ripeto, qualsiasi valutazione di questa bozza di legge elettorale è prematura perchè l’iter per arrivare alla sua approvazione non sarà breve. Infatti RICORDIAMOCI che il comunicato congiunto di ABC prevede che la legge elettorale sia incardinata nella riforma della Costituzione….Siccome servono almeno DUE ANNI per approvare una legge di riforma costituzionale, dobbiamo considerare TRE IPOTESI:

    1- Un eventuale prolungamento del Governo Monti oltre la scadenza canonica del 2013 per andare al voto con la nuova Legge elettorale incorporata nella Costituzione.

    2- Votazioni anticipate con il ”Porcellum” in autunno per rottura ”balloons” a causa del sobrio Governo tecnico.

    3- Votazioni con il ”Porcellum” nel 2013 alla scadenza canonica del sobrio Governo tecnico.

    :( Non so perchè ma ho la sensazione che gli Onorevoli ”papponi” di Stato vogliono prendersela comoda e una rafforzata convizione che la bocciatura della proposta referendaria in materia elettorale sia stata pilotata ad hoc.

  • avatar

    :eek: Il premier Monti parla della riforma del lavoro da Tokyo:”Le imprese non assumono perché è difficile licenziare… sarà una riforma soprattutto per i giovani e i disoccupati….E gli italiani la vogliono. Abbiamo un alto consenso”.

    :p Bene, ragazzi… adesso sappiamo da CHI Berlusconi ha imparato a spararle grosse…da massone a massone, che differenza c’è ?

  • avatar

    Onorevole Di Pietro,
    la prego di non parlare più della foto di Vasto.
    Ad Arese l’IDV appoggia un candidato sindaco del PD e io non vado a votare!
    Ormai penso sia chiaro a tutti che non ne possiamo più di questa politica e non bastano più le parola, bisogna fare i fatti, solo quelli contano ormai.

  • avatar

    ppbovio
    marzo 28th, 2012 alle 12:41
    Me ne strafrego della legge elettorale dato che, a priori, non ho intenzione di concedere un voto e un rimborso elettorale a un sedicente “partito politico”, privo di una qualsiasi personalità giuridica, di un qualsiasi statuto democratico, di un qualsiasi controllo funzionale e amministrativo.

    Capisco perfettamente il tuo sfogo che è pienamente da me condiviso.
    Purtroppo la tua eventuale astensione dal voto, così come la mia, ormai da anni conclamata, non servirebbe a niente; ciò in quanto LORO, i soldi li rubano lo stesso a prescindere da quanti di noi non vanno a votare.
    Se anche andassero a votare solo 5 milioni di elettori (magari perchè asserviti o per interesse personale) LORO, TUTTI, ruberebbero (legalmente) come se ci fossero andati i 50 milioni aventi diritto.

    Qual è allora la molla che ci spingerebbe a farlo?

    Non so la tua, ma la mia è senz’altro una forma di resa nei confronti di gente senza scrupoli che non ho possibiltà di combattere vista la scarsa capacità o voglia di belligerare dei miei consimili; per non parlare di quelli che, non capirò mai perchè, sono ancora disposti a farsi prendere per i fondelli da chi si finge loro amico.
    Certo, ci sarebbero quelli del M5S che sembrerebbero diversi; ma, come ho già detto, li aspetto alla prova del fuoco.

    Fintanto che gli italiani non avranno capito che è giunta l’ora, con qualsiasi mezzo, di sbattere fuori TUTTI questi e cercare di sostituirli con gente che non abbia come priorità assoluta quella di arricchirsi a spese della comunità, qualsiasi iniziativa personale è destinata a fare lo stesso rumore di una sola noce dentro un sacco.
    Spero di essere riuscito a spiegarmi e che tante noci decidano di entrare dentro il sacco.

    Quelli che su questo blog scrivono proposte, a volte anche intelligenti, lo fanno solo per narcisismo, o per attirar plauso su di loro e sentirsi gratificati; esattamente come Di Pietro lo fa per attirar consensi (voti-rimborso).
    Sia gli uni che l’altro, sanno benissimo (o almeno dovrebbero saperlo) che nessuna istanza, per quanto equa e giusta possa essere, sarà mai presa in considerazione finchè non si sarà creato un parlamento (unico a decidere) disposto a valutarla (vedi disegno di legge di iniziativa popolare di Grillo “parlamento pulito” appoggiata da 350.000 firme e ancora giacente nei solai del senato).
    E quando mai avverrà ciò se prima non si provvederà , con qualsiasi mezzo, a spazzare via TUTTI questi approfittatori?

    Credo sia superfluo sottolineare che per TUTTI, intendo proprio TUTTI.
    Che altrimenti, non si cava un ragno dal buco.

    PS x lo staff: perchè il mio post delle ore 12:26 è apparso triplicato?
    Mi sembrava di averlo scritto una volta sola.

  • avatar

    @Alberto Ragazzi:

    Salve sig. Ragazzi.
    Lei scrive “in pratica siamo indietro di almeno 100 anni nella storia, però anche senza aver letto le analisi di Marx, visto che siamo nati dopo, si capisce come funziona”. Una bella contraddizione sig. Alberto. Come fa, a sapere come funziona, senza aver letto le analisi di Marx? lei, ne vede al più, gli effetti del sistema, e non le cause, altrimenti, le spiegherebbe le cause.
    Lei vuole soluzioni, proposte? ecco la mia proposta. Si educhi sul funzionamento del modo di produzione capitalistico, del come e perchè si produce la cosidetta ricchezza, e avrà chiaro anche le soluzioni (in seguito), per abbattere, per rovesciare questo sistema che ci sta portando tutti alla rovina, compresi i padroni, che pur di mantenere i loro privilegi, insistono con questa follia che si chiama …libero mercato, ossia capitalismo. Saluti.

    P.S.
    LOTTA DI CLASSE… per incominciare.

    http://diciottobrumaio.blogspot.it/2012/03/lestremismo-del-capitale.html

  • avatar

    Santità
    Cuba la riceve con affetto e rispetto e si sente onorata della sua presenza. Lei qui troverà un popolo solidale e istruito che si è proposto di raggiungere tutta la giustizia e ha fatto grandi sacrifici. Da Martí abbiamo imparato a rendere culto alla dignità piena dell’uomo e da lui abbiamo ereditato la fraterna formula che seguiamo ancora oggi: “con tutti e per il bene di tutti”. Cintio Vitier, insigne intellettuale e cristiano, ha scritto che “il vero volto della Patria … è il volto della giustizia e della libertà” e che “la Nazione non ha altra alternativa: o è indipendente o non è assolutamente Nazione”.

    La potenza più poderosa che ha conosciuto la Storia (Usa), ha tentato di spogliarci, infruttuosamente, del diritto alla libertà, alla pace, alla giustizia. Con virtù patriottica e principi etici il popolo cubano ha opposto tenace resistenza, sapendo che esercitiamo anche un diritto legittimo nel seguire un nostro proprio cammino, difendiamo la nostra cultura e la arricchiamo con l’apporto delle idee più avanzate. Senza ragione, Cuba viene calunniata, ma noi abbiamo fiducia nel fatto che la verità, dalla quale non ci siamo mai discostati, si fa sempre strada.

    Quattordici anni dopo che il Papa Giovanni Paolo II ci ha fatto visita, il blocco economico, politico e mediatico contro Cuba persiste e, addirittura, si è indurito nel campo finanziario. Come si legge nel memorandum nordamericano del 6 aprile 1960, desecretato decenni più tardi, l’obbiettivo continua ad essere (cito): “causare fame, disperazione e la caduta del governo”. Invece, la Nazione ha continuato, invariabilmente, a cambiare tutto quello che deve essere cambiato, secondo le più alte aspirazioni del popolo cubano e con la sua libera partecipazione alle decisioni trascendentali della nostra società, comprese quelle economiche e sociali che in quasi tutto il mondo sono patrimonio di poche èlites politiche e finanziarie…. Abbiamo affrontato molte carenze, ma non siamo mai venuti meno al dovere di dividere con quelli che hanno meno.

    Solo a titolo di esempio di quanto si potrebbe fare se prevalesse la solidarietà, ricordo che negli ultimi dieci anni, con l’aiuto di Cuba sono state formate decine di migliaia di medici di altri paesi, si è restituita o migliorata la vista a 2.2 milioni di persone di basso reddito e si è contribuito ad insegnare a leggere e a scrivere a 5,8 milioni di analfabeti. Posso assicurarla che, con le modeste possibilità di cui disponiamo, la nostra cooperazione internazionale continuerà….

    ( stralcio del discorso di Raoul Castro al Papa in visita a Cuba… da: http://www.cubainforma.it )

  • avatar

    Grandi gli Italioti questa sera c’è la partita, di Champions League: sale la febbre per Milan-Barcellona, per questa settimana e per la prossima sarà tutto sistemato, Niente articolo 18, niente legge elettorale, niente di niente… tutto andrà a gonfie vele, ed il Psiconano continua ad imperare da dietro le quinte del teatrino becero della politica, lo hanno eletto a suggeritore, perche gli attori ABC non si sbaglino nella recitazione.
    Che pena questa Italia di ITALIOTI :!:

  • avatar

    Vorrei sapere chi è lo sce”m”eggiatore dei sindacati, questa commedia sta diventando noiosa, prevedibile, dopo tre mesi si sono accorti delle pensioni o della loro poca credibilità?
    A B C intanto si occupano della nuova legge elettorale, non c’è che dire..sono dei ganzi

  • avatar

    Paolo B. Ha scritto:

    E allora le chiedo, cosa potreste fare attivamente, non solo a proclami, per impedire questa ‘vaccata’?

    Nè Di Pietro nè IDV, credo, potranno impedire che i tre moschettieri al servizio di Re Giorgio e Super-Mario si atteggino a principini titolati a riscrivere le regole su cui dovrà essere fondato il … nuovo regno.
    Più che chiedere che le cose vengano fatte alla luce del sole, cos’altro può pretendere Di Pietro? Tocca semmai a tutti noi cittadini tenere bene aperti gli occhi perchè non ci vengano rifilati altri pacchi (come le “riforme” delle pensioni, del lavoro, dell’art. 18) e tenerci pronti a scendere in piazza per difendere quello che è già chiaramente detto con la raccolta di un milione e duecentomila firme: abolire il porcellum e non azzardarsi a propinarci altre simili porcate di leggi elettorali.

  • avatar

    L’ESODO DALL’EGITTO? NO! DALLA PENSIONE E DAL VIVERE CIVILE!

    BARACOPOLI PER “ESODATI”?
    C’è un fossato sociale, fatto di esclusione, e disoccupazione, fra i i 50 e i 70 anni. Che fine faranno i prossimi anziani, senza pensione, come stabilito dalla grande riforma PENSIONISTICA, dell’occupato fisso PER DEFINIZIONE (in quanto senatore a vita) monti?

    Sarà stata pure una riforma sostenibile per le banche, non di certo per i paria intoccabili prossimi venturi! Questa è follia spacciata per riforma! Avremo baraccopoli per anziani senza reddito?

    Prima i nonni mantenevano i nipoti. Ora chi manterrà i nonni se i nipoti sono precari e disoccupati? Avremo il regno terroristico del sistema delle gabelle e delle banche? Avremo un futuro fatto di corporation dirette dai sergi minchionne di turno, le fondazioni-partito-rimborsati-elettorali-miliardari, le sobrie rapaci multinazionali bancarie, stile borsa nera degli organi?

    L’inferno in terra è lastricato di riforme spacciate per il progresso! Sarà la prossima guerra globale a farci uscire dall’empasse? (I sopravvissuti, almeno, se ve ne saranno?)

  • avatar

    Un nuovo genere “poliziottesco”?
    IL BRACCIO “ESECULTIVO” DEL POTERE
    No! Il gabelliere s.p.a. di Stato!

    Perchè fare un colpo di stato, se hai il braccio “esecutivo” di equitalia, che se non paghi, mette all’asta (in s-vendita), la tua casa?

    Che bisogno c’è di fare come a Cuba, d’arrestare gli oppositori, se la popolazione è tramortita dalle tasse, che sovrabbondano il reddito? Tanto basta l’esecutività di equitalia!

    Se si ha casa, e non un reddito da lavoro, occorrerà pagare comunque l’IMU: qualcuno sa come sarà possibile farlo? (dico, senza vendere la casa o aspettare che equitalia la “espropri”!)

  • avatar

    L´unica cosa furba e democratica sarebbe andare a votare, ORA.
    Purtroppo siamo qui a parlare della rava e della fava e non vogliamo ammettere che e´per nulla.
    Andremo (se) a votare quando e come lo vorranno loro, per il partito che voranno loro, per dare una parvenza di legalita´ad un sistema che di democratico e legale non ha piu´nulla.
    Il futuro sara´molto peggio del presente e io sinceramente non invidio i ventenni di oggi.
    La nostra non e´stata una gioventu´prodigiosa, ma la situazione era MOLTO diversa.
    Per prima cosa c´era lavoro e chi voleva poteva crearsi un futuro.
    Il lavoro e´tutto, significa liberta´, la liberta´di avere una casa tua, di crearti una famiglia, di vivere in modo dignitoso nella societa´.
    Significa poter fare progetti, poter sperare nel futuro.
    Quando leggo i post di quei ragazzi/e che pur avendo studiato, pur essendosi impegnati non trovano lavoro, ma devono vivere dell´elemosina dei genitori (la qual cosa sta diventando anche difficile perche´molti genitori con figli disoccupati si trovano senza lavoro e senza pensione)devono passare i loro anni migliori senza poter creare nulla, senza speranza, mi viene una depressione e una rabbia.
    Poi penso che non c´e´nulla da fare, perche´siamo nelle mani di quattro delinquenti, e allora vorrei spaccare tutto.
    Ma e´veramente possibile che NON POSSIAMO FARE NULLA?

  • avatar

    …O MONTI O ESODATI!
    :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :?: Gli “esodati” sono una pietra miliare nella storia dell’attendibilità, :?:
    :?: credibilità, e possibilità di credere, e aver fiducia nello Stato! :?: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!:

  • avatar

    ALTRO CHE PIANO RIMASCITA DELLA P2: ERANO DILETTANTI, RISPETTO A QUESTI QUI!

    Il piano è perfetto. Da una parte, non eleggi più nessuno, con la porcellum (oppure con la nuova vaccata della “troika della sacrestia”, Pd, Udc e Pdl).

    Dall’altra, i partiti si trasformano in fondazioni-corporation “a statuto speciale”, che per legge (mica col vecchio sistema delle mzzette!), si prendono miliardi dallo Stato, gestiscono potere, risorse, nell’ignavia generale. Lusi e “casa di montecarlo” dixit!

    Mentre il gabelliere di stato espropria, chi la società non dà… familisticamente, un lavoro, e quindi un reddito, come agli altri!

    Nell’hinterland partenopeo poi s’è persino applicata la multa da 20.000 euro al lavoratore, d’ufficio, con provvedimento della questura/prefettura, successivamente cancellata dal giudice! Mentre i datori di lavoro truffaldini, verso cui si scioperava, riapriva col prestanome, dopo la bancarotta! Ma che bella cosa!

    E voi dite che siamo in democrazia?

  • avatar

    dai, dai che sei stato toccato
    ciao

    alberto ragazzi marzo 28th, 2012 alle 15:19

    Forse senza volerlo dici bene, caro il mio Architetto: toccato fui;
    ma non da adesso; accadde da piccolino quando caddi dalla culla e con la capa andai a toccare il duro pavimento.
    Per decenni ho sempre pensato che per me c’era ben poco da fare toccato com’ero; fino a quando nel 96, grazie a Benigni, scoprì il potere taumaturgico di Fede.
    Roberto disse, più o meno, che le mamme di bambini con problemi, depressi e pessimisti per il loro futuro, mettendoli davanti alla tv all’ora del tg4, riuscivano a convincerli che se Fede era diventato direttore di giornale, loro come minimo potevano aspirare a diventare astrofisici.
    Da allora anch’io, mi misi a cercare la mia taumaturgica pietra di paragone, e finalmente, dopo tanto cercare, un paio d’anni fa ho trovato questo blog.
    Deo gratias.

    Ciao omonimo.

  • avatar

    Nunzia De Girolamo aspetta un figlio dal pd Francesco Boccia.

    I Craxi si sono “buttati” uno a dx l’altro a sin.

    Tanto, comunque vada sarà un successo.

    Ma come si fa dico io a credere ancora ai politici?

  • avatar

    …ma chi non trova lavoro e muore di fame che deve fare?

  • avatar

    l’Italia non è con monti

  • avatar
  • avatar

    STRONG>LA FINE DELLA FINE>/STRONG>

    Siamo al deja vu, o alla televisione di vent’anni prima, in b/n, o al cattivo colore, poco definito, quando si racconta di fidel e ratzinger! LA MEMORIA STORICA NON C’E’. iL MILLANTATO CREDITO DI REGIME…. SEMPRE!

    Invecchiamo tutti. Muoiono tuti. Quel che conta, è il tempo che abbiamo, che abbiamo avuto, che ci resta, che non abbiamo più… conta il sistema sanitario locale, le cure, la celerità, la misericordia… che lascia a desiderare!

    Mentre i Minchionne pensano al neo-schiavismo da perpetuare, e alla fornero col suo licenziamento facile, spacciato per riforma del lavoro! Quanto prendono al governo monti per impiccare i lavoratore, all’albero della competitività infinita?

    Il Pd sta per svanire nel nulla… ma ci pensate? Avalla il licenziamento facile? possibile mai? Sono così fessi? Resta solo il buon vecchio Di Pietro a difendere la gente che non ce la fa?

    Sono due vecchi – con tutto il rispetto – fidel e l’85enne papa, che parlano d’un mondo che non c’è più. Nostalgia! L’URSS è stato soppiantato dallo zar Putin, che se la fa con B. Fidel dicono ch’è ricattato dal dolore fisico, e dall’ignoto della morte, e che si voglia convertire. A che? Alla paura? Al dolore che impone illusioni?!?

    La vita è fatta della materia dei sogni.

    Quì – e intendo solo il blog di Di Pietro – recriminano, oppure, s’immaginano più di quello che sono. Invece, conta solo il potere delle idee… Nessuno è qualcuno. Solo le idee hanno vitalità… Dite qualcosa d’intelligente, per favore!

  • avatar

    <LA FINE DELLA FINE

    Siamo al deja vu, o alla televisione di vent’anni prima, in b/n, o al cattivo colore, poco definito, quando si racconta di fidel e ratzinger! LA MEMORIA STORICA NON C’E’. iL MILLANTATO CREDITO DI REGIME…. SEMPRE!

    Invecchiamo tutti. Muoiono tuti. Quel che conta, è il tempo che abbiamo, che abbiamo avuto, che ci resta, che non abbiamo più… conta il sistema sanitario locale, le cure, la celerità, la misericordia… che lascia a desiderare!

    Mentre i Minchionne pensano al neo-schiavismo da perpetuare, e alla fornero col suo licenziamento facile, spacciato per riforma del lavoro! Quanto prendono al governo monti per impiccare i lavoratore, all’albero della competitività infinita?

    Il Pd sta per svanire nel nulla… ma ci pensate? Avalla il licenziamento facile? possibile mai? Sono così fessi? Resta solo il buon vecchio Di Pietro a difendere la gente che non ce la fa?

    Sono due vecchi – con tutto il rispetto – fidel e l’85enne papa, che parlano d’un mondo che non c’è più. Nostalgia! L’URSS è stato soppiantato dallo zar Putin, che se la fa con B. Fidel dicono ch’è ricattato dal dolore fisico, e dall’ignoto della morte, e che si voglia convertire. A che? Alla paura? Al dolore che impone illusioni?!?

    La vita è fatta della materia dei sogni.

    Quì – e intendo solo il blog di Di Pietro – recriminano, oppure, s’immaginano più di quello che sono. Invece, conta solo il potere delle idee… Nessuno è qualcuno. Solo le idee hanno vitalità… Dite qualcosa d’intelligente, per favore!

  • avatar

    Si può essere daccordo, oppure no…. (io no!) ma stupisce, la lucidità, e la volitività di Napolitano, alla sua veneranda età… c’è gente, che già a 50-60 anni, non ha più la salute psicofisica, del Presidente! O, comunque, la sua voglia di vivere…

    Il suo ottimsmo “costituzionale”, nel senso del suo organismo, fuori tempo massimo, per gli altri, per molti, troppi altri, istiga all’ottimismo! Se ce la fa lui, dovremmo farcela anche noi, o no? Questo non può che indurci all’ottimismo!

  • avatar

    ALTRO CHE PIANO RINASCITA DELLA P2: ERANO DILETTANTI, RISPETTO A QUESTI QUI!

    Il piano è perfetto. Da una parte, non eleggi più nessuno, con la porcellum (oppure con la nuova vaccata della “troika della sacrestia”, Pd, Udc e Pdl).

    Dall’altra, i partiti si trasformano in fondazioni-corporation “a statuto speciale”, che per legge (mica col vecchio sistema delle mzzette!), si prendono miliardi dallo Stato, gestiscono potere, risorse, nell’ignavia generale. Lusi e “casa di montecarlo” dixit!

    Mentre il gabelliere di stato espropria, chi la società non dà… familisticamente, un lavoro, e quindi un reddito, come agli altri!

    Nell’hinterland partenopeo poi s’è persino applicata la multa da 20.000 euro al lavoratore, d’ufficio, con provvedimento della questura/prefettura, successivamente cancellata dal giudice! Mentre i datori di lavoro truffaldini, verso cui si scioperava, riapriva col prestanome, dopo la bancarotta! Ma che bella cosa!

    E voi dite che siamo in democrazia?

  • avatar

    @ gennaro esposito: :idea: ”Solo le idee hanno vitalità… Dite qualcosa d’intelligente, per favore!”
    :p ‘Solo le azioni danno risultato..Fate qualcosa d’intelligente, per favore!’

    #

    Ad esempio: ritirare tutto il vostro denaro dal conto corrente – buttare il televisore – boicottare il caro benzina andando a piedi o in bike – partecipare ai comitati di quartiere – fare una visita di solidarietà ai NoTav – coltivare patate e pomodori – riservare qualche ora al mese al volontariato -
    vigilare sulle delibere del comune di residenza…..

  • avatar

    gennaro esposito Ha scritto:

    Dite qualcosa d’intelligente, per favore!

    Intelligente o no, quello che il comune cittadino dice su questo o su altri mezzi di comunicazione di massa è soltanto entropia di stati mentali in perenne agitazione, tendente alla convulsione.

  • avatar

    Non c’entra ma il prof Trento non collabora più con IDV ?

  • avatar

    Dedicato a Fede Umili(o)ato dal rifiuto del deposito dello “sterco del diavolo”nella banca svizzera.

    Indimenticabile il “tema sulla Svizzera”

    -I deliquenti ..mettono lì i soldi-
    La polizia va lì e dice:-Di chi sono questi soldi?
    -Non lo so, sò cazzi miei la banca è chiusa..ah ah ah!
    -Se non fai il contrabbando, lì non ci puoi andare.
    LA SVIZZERA – IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO -PAOLO VILLAGGIO

  • avatar

    “Solo le idee hanno vitalità… Dite qualcosa d’intelligente, per favore!”

    Neppure piu´quelle purtroppo.
    Hanno ammazzato il potere cerebrale di astrazione, riducendolo semplicemente a rispondere agli stimoli sensoriali visivi del televisore o acustici delle parole del Messia e della Iron Lady italiana.

    In Cecoslovacchia al tempo dei carri armati sovietici Jan Palach si e´dato fuoco per protesta, per manifestare un´idea , per denunciare la soppressione lo stato di schiavitu´a cui erano ridotti sotto l´URSS.
    C´e´stato scalpore in tutto il mondo.
    Gli hanno persino dedicato una piazza.
    In Italia ieri (e non e´il solo) un povero tapino si e´dato fuoco, per manifestare lídea che la maggior parte degli italiani e´o sara´ridotta in schiavitu´, che la sua vita non poteva piu continuare, perche´aveva perso la dignita´di essere umano.
    Nel momento in cui un ingegnere, laureato a pieni voti, o un industriale che ha lavorato per anni sono ridotti alla mensa della caritas QUANDO i nostri 945 politici hanno stipendi da nababbi, vivono nel lusso piu´sfrenato, rubano e non finiscono in prigione,mentono e CONGIURANO alle spalle dei cittadini per ottenre un potere dittatoriale, in questo momento cosa fanno gli Italiani? NULLA.
    SUBISCONO E BASTA.
    Un trafiletto in un giornale: un altro pazzo che si ammazza.
    Magari la promessa di aprire centri specializzati per la cura di malattie nervose, per la cura di depressione.
    Centri in cui impiegare l´amico dell´amico come primario, il cugino dell´amico come vice etc…Nuovi posti di potere.
    Le cui spese verranno sostenute con l´addizionale all´irpef o l´addizionale alla benzina o come progettano di fare in USA, la tassa SULLE BICICLETTE…

  • avatar

    Io ho un pagina su Facebook, ma non l´ho mai usato.
    Qualcuno sa come contattare in brevissimo tempo milioni di persone servendosi dei socilamedia?
    Perche´non facciamo una sottoscrizione, con nome,indirizzo e indirizzo email di persone che sarebbero disposte, per protesta, a NON pagare il canone RAI, a NON pagare l´IMU, a NON pagare tutte le tasse che e´possibile NON pagare?
    Se raggiungiamo centinaia di migliaia o anche di piu´QUESTO sarebbe il primo passo, la scintilla che provocherebbe il fuoco su cui ardere il marciume che c´e´in Italia.

  • avatar

    cum grano salis, sine grano scendibut, linoleum, filobus, estestest………. ecco servito a Voi signori il famoso latinorum di marinaio, secondo per grandezza e fama solo alla agli appunti con la riforma costituzionale del grande luzi
    ma avete sentito, dal tg la7, sono pronti arresti per calciatori di serie A. E la squadra più coinvolta è il Bari. La puglia prima con bafino poi con vendola è terra di loschi affari, di corruttela, da emiliano a tedesco, tutto il sistema è marcio. il pd è il paritto di emiliano o il partito di tedesco? cosa abbiamo noi di idv da spartire più con costoro? alle prossime elezioni da soli, cambiamo il gruppo dirigente, non è possibile andare co n leoluca candidato sindaco a palermo. Basta con questi soliti noti, leoluca fu consigliere comunale a palermo nel 1980, e sindaco nel 1985. Ma è semrpe lui, non è un altro. e poi parlaimo di rinnovamento, di far spazio ai giovano. Ma basta, questi semrpe attaccati ad una poltrona, qualunque essa sia. leoluca ancora lui, ma non c’è nessun altro da proporre? bene aver rotto con il pd, male non aver rispettato l’esito delle primarie, questo la dice lunga sull’affidalibilità di idv e della sua classe dirigente. ma ci voleva un altro candidato, non il solito vecchio dinosauro che rifiuta di estinguersi nell’oblio e che sarà su di una poltrona anche quando dovrebbe essere sulla sedia a rotelle.
    BASTA BASTA BASTA

  • avatar

    Onorevole Di Pietro, ci risiamo e ‘sempre la stessa storia, lei fa opposizione al governo Monti ed il Pd si sta aggiustando per il 2013…e non calcola minimamente la forza di IDV…sicuramente ricordera’ che le ho sempre consigliato di lasciar perdere il PD che non e’ altro che il vecchio modo di intendere la politica…se si vuol cambiare qualcosa veramnete in Italia bisogna cambiare il modo di fare politica, come? non allenadosi piu’ con il vecchio , ma pensando a fare politica in modo nuovo , dando spazio al popolo, quindi politica dal basso.
    Ora lei ed il suo partito potreste prendere coraggio e mandare all’ altro paese il PD e tutto cio’ che e ‘ vecchio,e dare spazio al popolo quindi nel 2013 unirvi a tutte quelle associazioni movimenti che vogliono veramnete cambiare questo paese, lo so ci vuole molto coraggio e’ un idea nuova che ad esempio il movimento 5 stelle sta facendo molto faticosamente da
    tempo, e con ottimi rislutati, ora io che la voto da sempre sa benissimo che non le contesto il modo di fare politica di IDV ma l’ insistere con queste alleanze colazioni con partiti vecchi che non fanno e non faranno mai fare un salto di qualita’ all’ Italia…quindi onorevole un po di coraggio molli il vecchio..e vedra’ che il mio voto lo avra’ sempre.. altrimenti mi vedro costretto ad appoggiare il movimento 5 stelle

  • avatar

    Ho letto che l’IdV condividerebbe, e parteciperebbe (?), alla manifestazione indetta dai sindacati per 13-4-12. Tale manifestazioni, oltre ad essere contro la riforma delle pensioni in generale, vorrebbe in particolar evidenziare anche il problema degli esodati. “Esodati” in senso allargato, spero! Ovvero quei lavoratori che, andando altrimenti in pensione alle precedenti condizioni, si ritrovano senza lavoro, e senza ammortizzatori, a dover coprire periodi lunghi e lunghissimi, fino anche a 10, 12 anni!

    Bene: voglio testimoniare che tutta l’adesione e condivisione manifestate e dichiarate dall’IdV, localmente, per quanto mi riguarda, NON TROVANO NESSUNISSIMO RISCONTRO!
    A L’Aquila, ad esempio, ci si accinge ad eleggere nuovamente il sindaco, credo nei primi di maggio. Il candidato IdV, tale Angelo Mancini, degli eventuali esodati aquilani, non ne ha mai parlato, non se n’è mai interessato, non li ha mai incontrati… per cui tutto lascerebbe credere che ne ignori perfino l’esistenza!
    Questo è quanto!

    Per quel che riguarda la buona notizia, quella dell’unità sindacale, questa ritengo, e temo, che sia, come al solito, semplicemente e solo un mero punto di partenza. Infatti, la presenza più inquietante, è quella di Bonanni, non perché “democraticamente” non debba esserci: per carità!
    Non vorrei somigliargli nemmeno un po’!
    Ma perché, piuttosto, oggi da a vedere di entrare nella rivendicazione tenendo alta al vento la bandiera dei diritti degli esodati (sempre intesi in senso allargato), e poi, domani, immagino sia però subito pronto a cercare di piegare gli altri ad accettare qualsiasi proposta di “emme” che il governo dovesse fare!

    Ad esempio, dalla dichiarazioni della Fornero, potrebbe essere che i contributi figurativi, quelli cioè derivanti da CIG-S e mobilità, non vengano considerati validi, come moneta, ai fini del calcolo per una eventuale futura pensione. Questo potrebbe essere un aspetto che a qualcuno non interrsi minimamente, se intendesse difendere prevalentemente gli interessi dei dipendenti del pubblico impiego! Loro, infatti, di CIG-S e mobilità, non ne hanno, da “scalcolare”!

  • avatar

    DITTATURA 2.0

    S’è sempre creduto, che la dittatura, fosse il regime, che vede andare le guardie a casa degli oppositori, per arrestarli. A Cuba che sono arretrati funziona ancora così…

    Ma il vero fine di una dittatura, qual è? La crudeltà, oppure approriarsi, indiscriminatamente,dei beni d’un popolo?
    Restringere le libertà, lo si fa per crudeltà, o come mezzo per continuare a fare quel che si vuole, senza ostacoli?

    Così nel Paese di Machiavelli è stata generata, la prima dittatura che non si sporca le mani. E’ la “dittatura 2.0″. Machiavelli ne sarebbe fiero. gelli se potesse ne richiederebbe i diritti.

    I gruppi dirigenti fattosi partito, si auto-eleggono con la legge elettorale chiamata “porcellum”; e comunque, a fronte delle proteste e del 1.200.000 firme raccolte da Di Pietro, per cancellarla, hanno già una degna sostituta della porcellum, il cui solo fine è perpetuare al potere chi ora già ci sta.

    La dittatura oggi si attua, da una parte facendo si che la classe politica nominalizia, si auto-elegga, e si auto-assolva. Dall’altra, col rimborso cosiddetto elettorale, s’appropria di miliardi di euro statali.

    Queste parole, non le si direbbe, senza il caso Lusi e della “casa di montecarlo”. Nessuno nega il sostegno alla campagna elettorale, ma aver surplus miliardari, eccede la semplice dizione di “rimborso elettorale”!

    Non bastasse quindi il meccanismo autoreferenziale di perpetuazione al potere, con la porcellum (sorta dal cancro del conflitto d’interessi), e l’appropriazione miliardaria del rimborso, c’è il meccanismo di approviggionamento alla fonte, col braccio “esecutivo” di equitalia! La ciliegina sulla torta è infine la quotidiana cortina fumogena mediatica.

    1. Si auto-eleggono;
    2. Si prendono i soldi dallo Stato (virtualmente, senza più bisogno di mazzette…), sia come gruppi politici, che come oarlamentari con gli emolumenti più elevati dell’universomondo (abbiamo anche il record del capo della polizia più pagato del pianeta!);
    3. Si mettono all’asta in s-vendita le case dei morosi delle tasse, desertificando la produzione, durante la crisi indotta dalla finanza, e terrorizzando le famiglie dei lavoratori, che perdono il lavoro;
    4. Il chiacchiericcio mediatico del duopolio televisivo nazionale, crea il senso comune, fondandolo non sul senso critico ma sulla superficialità disinformativa.
    5. Questa situazione, fa si che si possa far parte della UE, senza attirarsi l’accusa d’essere un regime dittatoriale, dato che si assolvono puntualmente, gli obblighi internazionale con “pelle italiana”; il discorso resta all’interno d’una cornice, solo nominalmente, legale e legittima!

    In un simile stato di cose, qualcuno ritiene che occorra pure mandare i carri armati in piazza, per zittire eventuali sommosse? Sul popolo italiano, arriva una tale scarica di mazzolate quotidiane, da ogni dove, che il potere dittatoriale vige ben saldo, innominato, anzi con l’etichetta, ormai solo nominalistica di “Repubblica democratica (fondata sul lavoro)”! Fralello, è la “Dittatura 2.0″!

  • avatar

    Passera, “Italia in piena recessione” piano per le famiglie ogni 2-3 mesi
    “Sappiamo quanto bisogno c’e’ di semplificazioni”, “l’idea e’ di presentare ogni 2-3 mesi un ‘pacchettone’ che tocchi la vita delle famiglie ma, soprattutto delle imprese e in particolare di quelle piccole e medie”.

    UN “PACCHETTONE” OGNI 2 – 3 MESI PER LE FAMIGLIE ITALIANE?….nemmeno più di “pacchetti” si parla, bensì di PACCHI, PACCATE E PACCHETTONI….di TASSE, BALZELLI, TAGLI E DISOCCUPAZIONE, si può facilmente presumere.

    Nuove calate di “barbari” predatori, saccheggiatori e devastatori? Questa volta calati dall’ interland milanese, dalla calabria e dalla gomorra romana: li abbiamo avuti in casa nostra da sempre, annidati e mimetizzati nei partiti, in parlamento, nelle istituzioni e non da meno in cosche massoniche e mafiose.
    Un flagello del dio denaro, della corruzione e dell’egoismo che ancora imperversa nella sua virulenza da un ventennio in qua, imperterrito e senza considerazione alcuna per il prossimo, per le leggi e per la civiltà che li ha cresciuti.

    Una macelleria sociale ed economica condotta ad arte per decenni per il solo beneficio di pochi satrapi cleptomani e goderecci e delle tante mafie locali, sulle quali si basa il potere dei primi.

  • avatar

    @ Patrizia B.:

    Scrivi (e condivido l’idea):
    Perche´non facciamo una sottoscrizione, con nome,indirizzo e indirizzo email di persone che sarebbero disposte, per protesta, a NON pagare il canone RAI, a NON pagare l´IMU, a NON pagare tutte le tasse che e´possibile NON pagare?

    Ma questa cosa la può organizzare un Di Pietro, o qualcuno in gamba almeno… la metà sua, in chiave di protesta politica, e non di “evasione fiscale” (come quando Pannella fumava pubblicamente spinelli!), altrimenti, l’esito è solo l’esecutività di equitalia.

    Se non possiedi nulla, puoi protestare, e non pagare nessuno, compreso lo Stato. Se hai anche solo la casa in cui abiti, la prendono a morsi, anche per 1 solo euro! C’è gente che s’è ritrovata ipotecata la casa per 20 euro!

    Se conosci il gabelliere d’Italia, sai anche che dopo 2-3 anni, fra mora, interesse, aggio, eccetera, puoi partire da 1 euro non pagato e incrementare anche sino a 100 il debito, che si materializza dal cilindro! E non ti sanno dire neanche perchè, ma solo che se non paghi…
    Somma l’incertezza, l’interesse che cresce con la suspense, e vedi… il bolognese, che si dà fuoco come un monaco tibetano, davanti all’agenzia delle entrate…

  • avatar

    LA DITTATURA NON DETTA

    Che si sia in una dittatura di fatto, avallata legalisticamente, da una legittimità, che trova la fonte nella Legge, ma non nella rappresentanza democratica che legifera, lo si vede benissimo, con la questione dei no-tav.

    Un ceto di nominati che non dialoga, ma lascia alla polizia e alla magistratura, l’applicazione di scelte che si scaricano sulla vita nella Val di Susa, cos’è? Chi rappresenta realmente

    Un magistrato che ha una storia di tutto rispetto, nella lotta al terrorismo, oggi si ritrova in prima linea nella lotta ai no-tav, che protestano. La situazione è di difficile gestione, sul piano del logòs. Il magistrato fa bene il suo lavoro. I no-tav fanno quel possono, e quel che credono, in simili frangenti.

    Il confronto è squilibrato. Il magistrato, agisce consultando il codice, e virtualmente è sempre “nel giusto”. La polizia viene comandata e quindi è nel giusto per definizione (salvo episodi dubbi rilanciati in Rete). La gente che protesta, non fa capo a rigide disposizioni gerarchiche, ma segue lo spontaneismo, e quindi, virtualmente tende sempre a “sbagliare” (a mettersi contro-Legge). La questione resta però politica…, nella latitanza della politica!

    L’esito qual è? Che una comunità locale è schiacciata, dall’affarismo di stato, cioè dall’ideologia del PIL. Si fa per fare non perchè serva ad un bisogno. E un magistrato che gode d’una buona storia personale è mandato a far rispettare la Legge, in loco. Ma quale legge? Di chi? La politica è davvero estranea, in scelte che si fanno, avversando la popolazione espropriata?

  • avatar

    maria rosa
    marzo 29th, 2012 alle 02:09
    Dedicato a Fede Umili(o)ato dal rifiuto del deposito dello “sterco del diavolo”nella banca svizzera.
    Indimenticabile il “tema sulla Svizzera”
    -I deliquenti ..mettono lì i soldi-
    La polizia va lì e dice:-Di chi sono questi soldi?
    -Non lo so, sò cazzi miei la banca è chiusa..ah ah ah!
    -Se non fai il contrabbando, lì non ci puoi andare.
    LA SVIZZERA – IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO -PAOLO VILLAGGIO
    °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

    Certo che fa proprio rabbia vedere un grande film, denso di contenuti, con grandi nomi alle spalle e con una miriade di messaggi da far passare, ridotto al rango di antispot contro un’inutilità come fede. Ma ormai ci ho “fatto il callo” a vedere gente, che potrebbe anche ssere intelligente, perdersi nel nulla, per il gusto di una stupida battuta.

  • avatar

    @ gennaro esposito:
    Ma se a “non pagare” sono milioni, equitalia non puo´nulla, il governo cade, siamo in piena rivoluzione!
    Lo capisci cosa significa?
    Significa che i cittadini (milioni) dicono ai quattro gatti che spadroneggiano: NOi non vi paghiamo piu´.
    Noi non vi vogliamo piu´andatevene!
    Forse non ti ricordi quello che successe quando fu introdotta la “tassa sul medico”, una tassa che si doveva pagare per avere il medico della mutua.
    La maggioranza NON la pago´.
    E si affrettarono a toglierla.
    Perche´se non l´avete ancora capito il piu´grosso spauracchio di un politico e´la rivolta fiscale.
    Tutte le rivoluzioni hanno come scintilla l´ennesima tassa ingiusta.
    Partono come protesta contro una tassa, poi la gente capisce la propria forza e VA AVANTI.
    Questo e´il motivo per cui si sono affrettati a togliere la tassa sul medico.
    Avevano paura che la gente iniziasse a NON pagare.

    Guarda, io non so piu´quello che sia giusto o quello che sia sbagliato.
    So che continuare a lamentarsi e a non fare mai nulla, ma comportarsi come pecore da macello, e´esattamente quello di cui si nutre una dittatura, quello che la fa crescere e diventare sempre piu´potente e arrogante.
    Mussolini e´finito grazie alla guerra, ma in Spagna Franco se lo sono goduto fino a che e´morto.
    Perche´un dittatore (o un´olgarchia) piu´rimane in carica piu´diventa potente, con tutti i mezzi, terrore mediatico, terrore finanziario, terrore poliziesco.Diventa sempre piu´difficile liberarsene.
    Ma se uno agisce sul nascere, forse riesce a disfarsene.
    E´adesso che dobbiamo fare qualcosa, fra qualche mese magari sara´troppo tardi.

  • avatar

    @ Patrizia B.:

    Dici cose condivisibili, ma resto dell’avviso che occorra avere una “copertura politica”… altrimenti equitalia prende i colombi uno a uno e li affoga nel lavandino. Anche se i colombi sono milioni.

    Ho assistito ad uno sciopero nell’hinterlan partenopeo, e quindi ho visto che “maoisticamente” 20 scioperanti hanno ricevuto d’ufficio, dalla questura (che legge sarà mai?), 20.000 euro di multa per intralcio alla circolazione, cancellata 2 anni dopo dal giudice di pace. Un esito c’è stato: nessuno ha scioperato più! Del Sud però non gliene frega nulla al Pd che è così tanto dalla parte dei lavoratori…
    Quindi, esistono strumenti legali, che possono fungere da terrorismo psicologico, altrimenti detto deterrente, per chi vuol manifestare. (Figurati dopo la cancellazione dell’art.18!).
    L’azienda verso cui si scioperava è fallita, non ha pagato i contributi, e i lavoratori hanno ricevuto il minimo possibile dall’inps. Lo stesso imprenditore, che aveva intestato i suoi beni a dei familiari, successivamente, ha riaperto a nome di un altro componente della sua famiglia, ed indisturbato, fa esattamente quel che faceva prima. Quando si dice dell’intreccio fra lavoro e malaffare al Sud il riferimento non può che essere alle mafie…

    In altre parole, tu non paghi, però poi partono le notifiche con “valore esecutivo”, e immagino che tu sappia che adesso, se non paghi i debiti, derivanti anche da una semplice contravvenzione stradale, questi crescono a vista, con le multe accessorie, more, aggio, interessi eccetera, entro 18 mesi (a volte anche meno!) l’abitazione del debitore è messa all’asta! Succede anche se non paghi, per ipotesi, l’abbonamento alla rai!

  • avatar

    Monti

    “Ma se non produci Valore, cioè se non c’è Sviluppo, che vuoi tassare?”
    gennaro esposito marzo 28th, 2012 alle 15:06

    tassa e incassa

  • avatar

    domanda

    “Lei vuole soluzioni, proposte? ecco la mia proposta. Si educhi sul funzionamento del modo di produzione capitalistico, del come e perchè si produce la cosidetta ricchezza, e avrà chiaro anche le soluzioni ”
    G G M marzo 28th, 2012 alle 16:32

    e lei nel frattempo cosa fa ?

  • avatar

    Ciao omonimo

    questa è bella davvero

    Ciao omonimo

  • avatar

    Patrizia B. ha ragione.
    Infatti, tempo addietro, avevo lanciato l’idea di ritirare tutti i nostri depositi dalla banche!
    Non importano che siano pochi o nulli: quello che c’è!
    500 euro? 500 euro!
    Ma 500 euro moltiplicato un milione, fa già 500 milioni euro!
    Poi vedi, se qualcuno comincerebbe a tremare!

    Ha ragione anche Gennaro Esposito: ma ad una cosa così, non potrebbe dare il via un come Di Pietro?
    Lo vedi, Gennaro, che, un po’ forse per caso, sei “caduto” nelle stesse mie considerazioni?
    Di Pietro, stringi stringi, ma da che parte sta?
    Lo conosci il meccanismo del poliziotto cattivo e del poliziotto buono, spesso citato, anche ieri su Servizio Pubblico?
    Dovrebbe essere il seguente: prima arriva un poliziotto cattivo, che ti mette paura e soggezione, creando in te una tensione, una sensazione di isolamento, di essere all’angolo, senza via d’uscita… poi il cattivo esce da una ipotetica stanza, e arriva un altro poliziotto… lì come per caso, a cercare delle carte… ti vede, quasi distrattamente e, affabilmente ti fa: “Ma tu, che ci fai qui?”. E tu, con vedi l’ora di piangere sulla spalla di qualcuno, ti evisceri da solo, sul tavolo che hai davanti!
    Chiaro?
    Non si può escludere in assoluto che Di Pietro, invece di essere vera opposizione, sia piuttosto l’estremo presidio per contenere tutte le dissidenze possibili!
    Se tu hai degli operati in—-ti, in fabbrica, e non hai soluzioni per loro, quantomeno non le hai a portata di mano, con un corteo interno, o un corteo per la città, magari una visita dal sindaco, già stemperi la situazione!
    Già gli animi si placano, in attesa di vedere, nella prossima settimana, o nella successiva, cosa avrà prodotto, quella protesta, quella manifestazione!
    Poi si scoprirà che non avrà prodotto assolutamente nulla!
    Ma intanto sarà servita per calmare i bollori al toro insofferente!
    Averci un Di Pietro, che mimi l’opposizione, è cosa molto importante, per contenere proteste che. altrimenti, sfocerebbero in altre reazioni più difficili da controllare.

    Si tratterebbe di un ruolo come un altro, forse, a mio modesto avviso, poco qualificante e gratificante, ma ognuno ha il suo metro, per misurare certe cose.
    Comunque, all’iniziativa, ove il caso, vorrei aderire anch’io.

    Un’altra forma di protesta, da tenere presente come eventuale possibile modello, è quella di servirsi da un solo gestore di qualcosa.
    Prendiamo, ad esempio, la benzina.
    Si scelgono, a caso, due o tre marche, possibilmente, ma non è un vincolo, quelle che, genericamente, vendono la benzina al prezzo più basso, e ci si servirà solo da questi.
    Gli altri gestori, che faranno?
    Chiuderanno?
    Sono dolori!
    Perché il governo, lo Stato, non credo possa fare un decreto che ci obblighi a servirci, a rotazione, da tutti i gestori possibili!
    Si potrebbe così poi trattare una diminuzione delle accise sulla benzina.

    ———

    Ma lo sa Monti, che lo spread è risalito a 340 punti?
    Come mai, quando scendeva, le TV di regime, ci facevano la telecronaca più che quotidiana, ed ora che sta salendo, è diventata una notizia che quasi te la devi andare a cerare?

  • avatar

    Tutto fa scuola!

    Gli esodati, come tonni alla mattanza, spinti nella camera della morte.

    Perché la Fornero, Camusso, Angeletti, Bonanni, Bersani, Damiano, Bindi e soci, han messo, nell’ordine, prima la riforma delle pensioni, la riforma del lavoro, e poi la mattanza degli esodati?
    Perché viene prima il dovere, e poi il piacere!

Scrivi un commento

:D :) :o :eek: :( :lol: :wink: :arrow: :idea: :?: :!: :evil: :p

-->