Facebook YouTube Biografia Scrivimi
Digressione

La legge è uguale per tutti, anche per Marchionne

Facebook
Google
Twitter
52
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico
           Short Url: http://bit.ly/zFKOZC

L’Italia dei Valori appoggia e condivide l’appello fatto questa mattina dal segretario Fiom, Maurizio Landini, e, come già annunciato, ribadisce che il prossimo 9 marzo sarà in piazza a Roma per la manifestazione indetta dai metalmeccanici della Fiom.

La ragione principale della nostra adesione è la volontà di vedere applicati il primo articolo della Costituzione, in cui si stabilisce che la Repubblica italiana è fondata sul lavoro, e l’articolo 39 in cui, invece, si afferma che i sindacati sono liberi e rappresentati proporzionalmente ai propri iscritti.

All’interno della Fiat, invece, la Costituzione è stata completamente stravolta e a godere dei diritti costituzionali è solo chi firma ciò che vuole l’azienda. Lo dimostra il fatto che a Pomigliano gli iscritti alla Fiom non vengono assunti, mentre a Melfi, a tre lavoratori ingiustamente licenziati, si impedisce di rientrare a lavorare nonostante una sentenza della magistratura.

La legge è uguale per tutti, anche per Marchionne il quale, invece di rispondere dei soldi pubblici che sono stati riversati su Fiat, da due anni continua solo a cercare capri espiatori. Marchionne deve spiegare che fine hanno fatto i 20 miliardi di investimenti per l’Italia, promessi ma mai fatti, deve dire quali altri stabilimenti intende chiudere dopo quelli di Termini e della Irisbus e quali sono i nuovi modelli di automobili che intende produrre nel nostro Paese.

E sarebbe anche il momento di premiare, finalmente, la stragrande maggioranza delle imprese italiane, che invece di scappare all’estero, investono in Italia e rispettano i diritti dei lavoratori.

-->