Facebook YouTube Biografia Scrivimi
Digressione

Ma ‘ndo annate?

Facebook
Google
Twitter
53
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico
           Short Url:

Sembra che all’interno del Partito democratico sia in corso un’offensiva dei grandi soloni che dicono “Basta con l’Italia dei Valori. Dobbiamo andare senza di loro”. Lo voglio dire in dialetto: Ma ‘ndo annate?”.
Possibile che un grande partito come il Pd non si renda conto che il problema non è andare o non andare con Di Pietro o con chiunque altro. Il problema è cosa vuoi fare per questo Paese e con chi lo puoi fare perché la sua idea dell’Italia di domani è compatibile con la tua, è simile se non uguale.
Il resto sono le somme algebriche che tanto piacciono ai politicanti quanto disgustano i cittadini. Con le somme algebriche non si va da nessuna parte!
Il programma con cui andremo alle elezioni deve essere condiviso almeno dal 51% dei cittadini, che ormai non votano più per partito preso ma mettono le crocetta solo se quello che dici di voler fare li convince.
Per convincere quel 51% di cittadini è necessario che il programma corrisponda anche a quel che vogliono gli elettori dell’Italia dei Valori, che poi, a conti fatti, è quel che vuole la stragrande maggioranza degli elettori del centrosinistra, anche di quelli che non votano per l’IdV, e secondo me anche di una parte  di quelli del centrodestra.
Ma insomma gli dirà pure qualche cosa a questi signori il fatto che il Pdl, che stava al 38% dei consensi, oggi è grasso che cola se arriva al 14% e sta sotto Grillo o che il Pd dal 34% sia arrivato al 24% e lo considera pure un buon risultato mentre l’IdV dal 4% è valutata dai sondaggi intorno all’8%!
Guardate quello che è successo a Napoli, o a Palermo, o a Parma, tutte città dove c’erano grandi coalizioni che non sono servite proprio a niente. Ormai non c’è più coalizione che tenga perché  c’è un popolo che non ne può più e solo all’idea di rivedere un’altra volta le stesse facce persone che già stanno in politica o non va a votare o si mette contro.
In tutto questo sfacelo, in questa catastrofe della politica, noi dell’IdV siamo orgogliosi di poter dire di non aver mai ceduto alla logica della poltrona e di non aver mai svenduto dei nostri princìpi.
E’ con questa realtà, con questi valori e con queste idee  che il Pd e tutto il centrosinistra devono confrontarsi. Perché la possibilità non di arrivare al governo ma di imprimere una vera svolta a questo Paese è tutta lì.

-->