- Antonio Di Pietro - http://www.antoniodipietro.it -

Noi a favore di magistratura, lavoratori e per l’occupazione, la salute, la legalità e la giustizia

  Oggi l’Italia dei Valori è a Taranto, per manifestare a fianco dei cittadini, dei lavoratori, delle associazioni e dei comitati civici in difesa del lavoro, della salute e della legalità. La sola idea di mettere uno di questi elementi in conflitto con gli altri dovrebbe suonare come una bestemmia per qualsiasi persona ragionevole e onesta. Che siano addirittura i partiti della maggioranza e il governo a farlo è una delle cose più incivili e indecenti che si siano mai viste.

Stamattina due ministri della Repubblica sono corsi a Taranto, ma non per difendere i cittadini da una fabbrica che li avvelena e li uccide, che viola impunemente la legge, che corrompe e inganna per continuare a inquinare. No, corrono lì per fare muro contro una magistratura coraggiosa che ha fatto quel che avrebbe dovuto fare lo Stato già da molto tempo. Corrono lì per offrire ai Riva l’ennesima scappatoia. Una cosa simile non si era mai vista. Mi chiedo come tutte le forze politiche, ad esclusione della nostra, possano prestarsi senza vergogna a un tale scempio.

I nostri parlamentari avrebbero voluto interloquire con quei ministri e con le forze politiche da loro convocate, ma non sono stati invitati. Visto che non siamo d’accordo con il loro tentativo di addossare alla magistratura le colpe dei Riva preferiscono non averci tra i piedi, e ce lo hanno detto apertamente. Comunque i nostri parlamentari hanno chiesto al ministro Clini di far sapere a noi e al Paese quante siano realmente le vittime dei veleni, quanti i casi di cancro nei quartieri intorno alla fabbrica e in tutta la città. Taranto e l’Ilva non sono casi isolati ed eccezionali. Sono il cuore e la metafora dell’Italia dopo vent’anni di Berlusconi e Monti, di caste, privilegi e corruzione. Le intercettazioni rese note ieri fanno il paio con quelle delle carogne che brindavano dopo il terremoto dell’Aquila: non sono meno ciniche né meno criminose.
La corruzione che ha permesso ai Riva di violare la legge e avvelenare un’intera città alla luce del sole è la stessa che schiaccia ovunque, a nord come a sud, la nostra economia e tiene lontani gli investitori esteri. Altro che art.18! Personaggi come i Riva riescono a sopravvivere e a fare tanti danni grazie alle prebende che hanno distribuito, a destra e a sinistra, a tutte le forze politiche.

Un governo che si genuflette, delegittima la magistratura e invece di costringere gli avvelenatori a riparare al danno si mette a mediare con loro non è migliore di quelli che vent’anni fa trattavano con la mafia. Un’Italia così non non può risollevarsi né andare da nessuna parte. Impedire che a Taranto trionfino ancora una volta l’illegalità, il malaffare e la logica del profitto non significa solo salvare quella città ma tutto il Paese.

Ci sono tutte le possibilità di tenere aperta l’Ilva, difendere la siderurgia italiana e salvare Taranto dall’avvelenamento. E’ già stato fatto in Germania, dove gli impianti non sono stati chiusi ma messi in sicurezza. L’Ilva è la più grande acciaieria d’Europa. Ora deve diventare anche la più sicura.

Per questo noi, ancora una volta, manifestiamo a favore della magistratura e dei lavoratori, per l’occupazione e per la salute, per la legalità e per la giustizia. Queste cose o ci sono tutte e tutte insieme, o non ce n’è nessuna.