Facebook YouTube Biografia Scrivimi
Immagine

Superporcellum: alla faccia della democrazia

Facebook
Google
Twitter
100
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico
           Short Url:

Ho già detto e lo ripeto che cambiare il porcellum prima delle prossime elezioni è un dovere a cui questo Parlamento non può venire meno. Ma ho anche detto, e ripeto anche questo, che la nuova legge elettorale deve essere migliore e non peggiore della porcata di Calderoli, sennò si finisce dalla padella nella brace.
Invece sembra che si stia apparecchiando proprio una superporcata del genere, cioè una legge fatta apposta per evitare che dalle urne esca fuori un risultato chiaro: una coalizione maggioritaria che va a governare e una minoritaria che va a fare l’opposizione. Così si usa di solito, tranne che nelle dittature. Ma ai signori della casta sembra troppo facile, troppo limpido  e soprattutto troppo democratico
Tra premi di maggioranza ai singoli partiti, ritorno al proporzionale, soglie di sbarramento e marchingegni studiati per lasciare alle segreterie il potere di scegliersi in un modo o nell’altro i parlamentari, la legge sulla quale i furbetti della maggioranza stanno lavorando ha due soli obiettivi: mettere ai margini le forze politiche scomode come l’Italia dei Valori e creare ad arte una situazione che renda inevitabile continuare con il governo Monti e con la assurda maggioranza che lo sostiene.
Da un lato una legge studiata per favorire la prosecuzione di questa grande coalizione da burletta, dall’altro una pressione fortissima da parte della Ue e delle agenzie di rating per imporre la conferma di Mario Monti. Questo è il pacchetto che vogliono far passare, zitti zitti, alla faccia della democrazia e del diritto dei cittadini a scegliere da chi vogliono essere governati e per fare che cosa.
Non tutti nel Pd sono d’accordo con questa superporcata, come dimostra l’intervista di Rosi Bindi che chiede di puntare sulle coalizioni invece che sui partiti. Ma che il suo partito navighi invece in direzione opposta è il segreto di Pulcinella.
Serve una forte mobilitazione civile e democratica per fermare questo progetto. Altrimenti ai cittadini italiani, volenti o nolenti, toccherà per altri cinque anni un governo che pensa, come ha ripetuto anche oggi fregandosene della Costituzione la badessa Fornero, che il posto di lavoro non sia un diritto, e purtroppo non solo lo dice ma lo dimostra con i fatti.  In  nove mesi questo governo ha già  provocato danni immensi. C’è da tremare pensando a quanti altri ne farà. Soprattutto se riuscirà il disegno del superporcellum che consentirà di confermarlo per cinque anni, aggirando gli elettori e riducendo quanto più possibile  gli spazi dell’opposizione.
A quel punto l’Italia sarà ancora una democrazia di nome, ma non più di fatto.

-->