Facebook YouTube Biografia Scrivimi
Video

Bologna, dai lavoratori il primo si ai referendum

Facebook
Google
Twitter
57
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico
           Short Url: http://bit.ly/SUqdsI

Stamattina a Bologna è iniziata di fatto la campagna per i 2 referendum sul lavoro promossi da noi dell’Italia dei Valori e da un ampio fronte composto da partiti, associazioni, intellettuali, singoli e volenterosi cittadini. Sono stati gli stessi lavoratori a mettere al centro della loro mobilitazione il tema dei referendum.
Siamo andati a Bologna per portare la nostra attiva e operosa solidarietà ai 290 lavoratori della BredaMenarinibus, messi in cassa integrazione senza che a Roma sia stato neppure aperto un confronto per affrontare il loro caso. Invece quel tavolo non solo deve essere convocato subito, ma deve anche servire a qualcosa. Per ora di tavoli di crisi ce ne sono 150, ma il ministro Passera resta sordo a tutte le istanze dei lavoratori, degli imprenditori, dei cittadini, dei territori.

Siamo andati a Bologna anche per dire al ministro che la Menarinbus non deve chiudere e può non chiudere se il governo si deciderà a fare la sua parte. Si tratta dell’ultima azienda rimasta in Italia che costruisce autobus dopo la chiusura di Irisbus. Se il governo metterà a punto un Piano nazionale trasporti, sul modello di quello che c’è in Francia, tale cioè da coinvolgere sia i trasporti su rotaie che su ruote, restituirà alla Menarinibus un ruolo industriale importante. Ciò servirà non solo a salvare quasi 300 posti di lavoro, ma anche a rilanciare un settore centrale del sistema industriale italiano.
I lavoratori bolognesi hanno spontaneamente messo all’odg i referendum. Non poteva che essere così, in realtà, perché tra la difesa dei diritti dei lavoratori, quella dei posti di lavoro e il rilancio dello sviluppo non c’è differenza. Si tratta di un’unica e omogenea battaglia: non a caso questo governo con le sue politiche sbagliate la sta perdendo su tutti i fronti.

Firmare per il ripristino dell’art.18 o per la cancellazione di quell’art.8 che annienta il contratto nazionale vuol dunque dire anche fare qualcosa di importantissimo per l’occupazione e per la ripresa economica.

(video realizzato da Italia dei Valori Emilia Romagna)

-->