Facebook YouTube Biografia Scrivimi
Digressione

MPS non deve finire a tarallucci e vino

Facebook
Google
Twitter
11
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico
           Short Url:

Il pozzo nero del Monte dei Paschi di Siena è appena stato scoperchiato. Siamo ancora all’inizio e  se l’inchiesta andrà fino in fondo verrà fuori di tutto, perché in questa faccenda c’è di tutto. Ci sono i malfattori che hanno giocato sulla pelle e con i soldi dei correntisti. Ci sono i politici complici, che hanno tenuto bordone per convenienza e tornaconto.  Poi ci sono i Ponzio Pilato che dovevano vigilare e non lo hanno fatto per non disturbare gli amici e  i compagni di merende finanzieri o politici.

Ieri il presidente di Mps Profumo ha giustificato i controlli all’acqua di rose  dicendo che per controllare bisogna che i controllati presentino i documenti veri. Insomma, i controllori si basano solo su quello che gli dicono i controllati e se quelli mentono cosa ci possono fare? Certo che così la vita per i truffatori è facile!

Bankitalia non poteva controllare perché Mps non diceva la verità e loro non potevano indagare per capire se li stavano prendendo in giro o no. Il governo Monti non sapeva niente anche perché quando qualcuno li avvertiva, come abbiamo fatto più volte noi dell’Italia dei Valori, si tappava le orecchie per non sentire.

Non solo il governo non ha fatto niente dopo le nostre denunce, ma si è messo a correre per dare a Mps i miliardi di prestito che chiedeva. Adesso, come al solito, prendono in giro i cittadini, dicendo su quel prestito hanno messo un tasso d’interesse esoso, addirittura del 9%. Quel che non dicono è che i 3,9 miliardi di prestito sono stati incassati in moneta sonante, guarda caso la stessa cifra pagata dai cittadini con la prima rata dell’Imu. Sul piano delle inchieste e della responsabilità penali, sarà la magistratura a dire l‘ultima parola e io mi auguro che qualche pm stia già lavorando, chiuso nella sua stanza e senza guardare in faccia a nessuno. Ma sul piano politico sta ai cittadini mandare un messaggio chiaro dando forza a chi vuole cambiare strada e fare una Rivoluzione Civile. E dopo le elezioni stara à noi, in Parlamento, assicurare che questa faccenda non finisca a tarallucci e vino come in tanti vorrebbero.

-->