Facebook YouTube Biografia Scrivimi

Il diritto di sapere come stanno le cose

Facebook
Google
Twitter
63
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico
           Short Url: http://bit.ly/12hJWwf

Ci spiace dissentire, ancora una volta, dal monito del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, secondo cui la stampa e l’informazione, con riferimento a quel che è accaduto e sta accadendo intorno alla vicenda del Monte dei Paschi di Siena, non dovrebbero riportare tutto ciò di cui vengono a conoscenza perché siamo a ridosso delle elezioni e questo potrebbe incidere sull’esito delle stesse. Ritengo che tutto ciò si possa tradurre in una censura vera e propria in quanto si lede un diritto costituzionale del cittadino elettore, il quale, prima di andare a votare, ha tutto il diritto di sapere come stanno le cose, quali sono state le collusioni tra politica e affari dentro un sistema bancario non trasparente e, soprattutto, all’interno di un sistema di controlli non efficiente, se non addirittura connivente. In questo senso, ci auguriamo che nessuno ostacoli la libertà d’informazione, sancita dalla Costituzione.

Chiediamo al Presidente della Repubblica, quale garante della nostra Carta, di fare in modo che vengano garantiti i diritti dei cittadini, tra cui quello di essere informati su chi voteranno prima delle elezioni

-->