Facebook YouTube Biografia Scrivimi
Immagine

Non bastavano gli esodati

Facebook
Google
Twitter
155
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico
           Short Url: http://bit.ly/157Tlbg

Non bastavano gli esodati, lasciati senza lavoro e senza pensione da un governo cinico e cialtrone. Tra poco a quell’esercito disperato rischiano di aggiungersi altri 500mila lavoratori. Tanti sono, in Italia, i cassintegrati, una cifra enorme che ha sfondato ogni tetto. La copertura economica ci dovrebbe essere fino a giugno, poi sarà un salto nel buio della miseria e della fame. I ministri del governo Monti, che sono ancora in carica alla faccia della Costituzione, assicurano che il problema sarà certamente risolto in tempo. Tenendo conto di quante volte lo hanno detto degli esodati e di come sono andate le cose fino ad oggi su quel fronte, c’è da toccare ferro.
A questo disastro non ci siamo arrivati per malasorte, come fa credere il coretto dell’informazione addomesticata. L’Italia non è vittima di un uragano o di un terremoto, e neppure solo della crisi. E’ vittima di politiche sbagliate, perseguite con stupida e cieca ostinazione, anche quando era già chiarissimo dove quelle politiche andavano a parare. La prova di quanto fosse possibile capire che correvamo a rotta di collo verso l’abisso sta in tutte le denunce, le dichiarazioni e in tutti gli atti parlamentari firmati, nell’arco di anni, dall’Italia dei Valori. Andatevele a rivedere, su questo blog o sul sito dell’IdV, e dite voi se le cose non sono andate precisamene come dicevamo noi e come era sin troppo facile prevedere.
Sono state politiche sbagliate a provocare la crisi. Sono state politiche ancora più sbagliate a impedire di superarla, come sta riuscendo a fare il presidente Obama, e anzi a renderla molto più grave.
Che senso ha, allora, cercare di fare un governo con chi quelle politiche le ha volute e le vorrebbe ancora? A cosa serve un governo se i partiti non hanno la capacità, l’onestà e il coraggio di ammettere di avere sin qui sbagliato e di indicare con precisione quale nuova strada vogliono percorrere?
Gli italiani si fiderebbero dei partiti se questi si decidessero ad affrontare a viso aperto questi nodi. Capirebbero che chi pretende di governarli ha capito di cosa deve occuparsi, con quale urgenza ma anche con quanta chiarezza, rinunciando ai soliti comportamenti da Ponzio Pilato. Invece vedono solo sfide sui nomi e sulle poltrone o tentativi di inciucio sotto banco. Come fanno a fidarsi?
Ma solo chi non ha capito come funziona il mondo non sa che senza la fiducia dei cittadini non si esce né dalle crisi economiche, né da quelle politiche né da quelle istituzionali. E noi siamo immersi fino al collo in tutti e tre questi tipi di crisi.

-->