Facebook YouTube Biografia Scrivimi

30.08.2016 -Reggio Calabria, intervista a ‘IL DISPACCIO’

Cari amici,

vi invito a leggere l’intervista che ho rilasciato ieri a Reggio Calabria.

Ecco il link all’articolo ed al video  http://ildispaccio.it/primo-piano/119632-esclusivo-di-pietro-chi-fermo-mani-pulite-lo-dissi-gia-nel-1995-video

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/2bQByvH

Morte Provenzano? Non revocargli il 41 bis è stato un atto di debolezza, non di coraggio

Cari amici, vi invito ad ascoltare  parte dell'intervista che ho rilasciato questa mattina a Radio Cusano Campus  pubblicata su 'Il fatto quotidiano' in merito alla morte di Provenzano

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/29F6jSh

Non è vero che, con la Riforma costituzionale, lo Stato risparmia miliardi di euro….

Quanto fa risparmiare veramente la riforma costituzionale, quel «miliardo» di cui parla dal principio il presidente del Consiglio? Alla domanda aveva già risposto nell'ottobre del 2014 la Ragioneria generale dello stato, fermandosi a 49 milioni di euro. Ieri ha risposto anche la ministra delle riforma Maria Elena Boschi nel question time alla camera. Proprio lei, in veste di ministra per i rapporti con il parlamento, aveva trasmesso il 18 novembre 2014 la nota della ragioneria al presidente della prima commissione della camera. Dunque conosceva la prudenza dei tecnici, prima di travolgerla con la sua risposta all'interrogazione di Sinistra italiana. Gli stipendi risparmiati dei senatori sono l’unico dato certo: nell’ultimo bilancio poco più di 42 milioni. Boschi li conteggia tutti, mentre il capogruppo di Forza Italia Brunetta precisa che non dovrebbe, sarebbe più corretto sottrarre i 14 milioni che rientrano nella casse dello stato sotto forma di Irpef. In ogni caso, alle indennità la ministra aggiunge il totale delle diarie e dei rimborsi spese per i senatori, cioè altri 37 milioni. Tralascia il fatto che, anche dopo la riforma, i cento senatori residui andranno messi in condizione di lavorare. Dovranno venire a Roma, dal momento che sono consiglieri regionali e sindaci, dovrebbero avere una segreteria. Per questo la ragioneria generale aveva fissato i risparmi a 49 milioni, ma la ministra arriva a 80. E non si ferma. Aggiunge altri 70 milioni per «le spese delle commissioni e le riduzioni nei trasferimenti ai gruppi».La cosa curiosa è che il totale di queste spese nell’ultimo bilancio del senato supera di poco i 22 milioni: più che risparmio si tratta di un miracoloso guadagno. Misterioso anche il risparmio sui costi del personale. Il costo più grande, assieme a quello per le pensioni degli ex senatori (che con la riforma crescerà). Ma nessun dipendente, comprensibilmente, sarà licenziato. Neanche Boschi in questo caso ha fatto previsioni, parlando di «progressiva diminuzione nel tempo», chissà. Ha aggiunto però 20 milioni per la cancellazione del Cnel (dovrebbero essere 18 secondo la già citata nota della ragioneria generale) e soprattutto ben 320 milioni dall’abolizione delle province. Ecco allora che, anche prendendo ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/1sx6cSG

Io sostengo e sottoscrivo i quesiti referendari per l’abrogazione dell’Italicum

Cari amici, vi invito a firmare i quesiti referendari per l'abrogazione dell'Italicum. Per maggiori informazioni cliccate questo link:  Per un Parlamento sovrano scelto dagli elettori

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/1NlFmX2

ECCO COSA CAMBIA NELLA NOSTRA COSTITUZIONE CON LA RIFORMA COSTITUZIONALE APPROVATA DAL PARLAMENTO ED ORA SOTTOPOSTA A REFERENDUM COSTITUZIONALE

Stop al bicameralismo perfetto; un Senato con meno poteri legislativi e composto da 95 senatori eletti dai Consigli regionali ma con legittimazione popolare che potrà proporre modifiche alle leggi approvate dalla Camera; nuovo Federalismo, con abolizione delle materie di competenza concorrente tra Stato e Regioni e alcune competenze strategiche riportate in capo allo Stato. Abolizione definitiva delle Province e del Cnel. Sono i pilastri della riforma Costituzionale approvata definitivamente dalla Camera che non tocca i poteri del governo ma modifica e completa quella del Titolo V del marzo del 2001, che ha introdotto il Federalismo. CAMERA Sarà l’unica a votare la fiducia. I deputati restano 630 e verranno eletti a suffragio universale, come oggi. SENATO Continuerà a chiamarsi Senato della Repubblica, ma sarà composto da 95 membri eletti dai Consigli Regionali (21 sindaci e 74 consiglieri-senatori), più 5 nominati dal Capo dello Stato che resteranno in carica per 7 anni. Avrà competenza legislativa piena solo su riforme e leggi costituzionali. Per quanto riguarda le leggi ordinarie, potrà chiedere alla Camera di modificarle, ma Montecitorio non sarà tenuta a dar seguito alla richiesta. Se il Senato chiede alla Camera di modificare una legge che riguarda il rapporto tra Stato e Regioni, l’assemblea di Montecitorio può respingere la richiesta solo a maggioranza assoluta. LEGITTIMAZIONE POPOLARE Saranno i cittadini, al momento di eleggere i Consigli Regionali a indicare quali consiglieri saranno anche senatori. I Consigli, una volta insediati, saranno tenuti a ratificare la scelta. SENATORI-CONSIGLIERI I 95 senatori saranno ripartiti tra le Regioni in base al loro peso demografico. I Consigli Regionali eleggeranno con metodo proporzionale i senatori tra i propri componenti; uno per ciascuna Regione dovrà essere un sindaco. IMMUNITÀ I nuovi senatori godranno delle stesse tutele dei deputati. Non potranno essere arrestati o sottoposti a intercettazione senza l’autorizzazione del Senato. FEDERALISMO Sono riportate in capo allo Stato alcune competenze come energia, infrastrutture strategiche e sistema nazionale di protezione civile. Inoltre, su proposta del governo, la Camera potrà approvare leggi anche nei campi di competenza delle Regioni, «quando lo richieda la tutela dell’unità giuridica o economica della Repubblica, ovvero la tutela dell’interesse nazionale». VOTO IN DATA CERTA i Regolamenti parlamentari dovranno indicare un tempo certo per ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/24vdNPr

APPELLO A VOTARE “NO” AL REFERENDUM SULLA RIFORMA COSTITUZIONALE

Ecco l’appello sottoscritto dai costituzionalisti contrari alla riforma costituzionale approvata dalle Camere e che verrà sottoposta a ottobre al voto referendario. Io ne condivido le motivazioni e quindi voterò “NO” alla riforma. Invito anche te a votare “NO” perché la riforma voluta da Renzi perchè essa costituisce "una potenziale fonte di nuove disfunzioni del sistema istituzionale e nell'appannamento di alcuni dei criteri portanti dell’impianto e dello spirito della Costituzione". Ecco il testo integrale dell’appello: “Di fronte alla prospettiva che la legge costituzionale di riforma della Costituzione sia sottoposta a referendum nel prossimo autunno, i sottoscritti, docenti, studiosi e studiose di diritto costituzionale, ritengono doveroso esprimere alcune valutazioni critiche. Non siamo fra coloro che indicano questa riforma come l’anticamera di uno stravolgimento totale dei principi della nostra Costituzione e di una sorta di nuovo autoritarismo. Siamo però preoccupati che un processo di riforma, pur originato da condivisibili intenti di miglioramento della funzionalità delle nostre istituzioni, si sia tradotto infine, per i contenuti ad esso dati e per le modalità del suo esame e della sua approvazione parlamentare, nonché della sua presentazione al pubblico in vista del voto popolare, in una potenziale fonte di nuove disfunzioni del sistema istituzionale e nell’appannamento di alcuni dei criteri portanti dell’impianto e dello spirito della Costituzione.

  1. Siamo anzitutto preoccupati per il fatto che il testo della riforma – ascritto ad una iniziativa del Governo – si presenti ora come risultato raggiunto da una maggioranza (peraltro variabile e ondeggiante) prevalsa nel voto parlamentare (“abbiamo i numeri”) anziché come frutto di un consenso maturato fra le forze politiche; e che ora addirittura la sua approvazione referendaria sia presentata agli elettori come decisione determinante ai fini della permanenza o meno in carica di un Governo. La Costituzione, e così la sua riforma, sono e debbono essere patrimonio comune il più possibile condiviso, non espressione di un indirizzo di governo e risultato del prevalere contingente di alcune forze politiche su altre. La Costituzione non è una legge qualsiasi, che persegue obiettivi politici contingenti, legittimamente voluti dalla maggioranza del momento, ma esprime le basi comuni della convivenza civile e politica. E’ indubbiamente
... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/1rh7jF9

27.04.2016 – Davigo ha ragione (intervista a Radio Cusano Campus del 27.04.16)

Davigo ha ragione. Ha solo risposto a una provocazione di Renzi. Quando guardi una fotografia che fai? Ti ci riconosci o no? Quella è la fotografia della situazione politica oggi come oggi. Se uno ti da uno schiaffo e tu gli dici “ahi!”, la colpa è tua o di quello che ti ha dato lo schiaffo? Renzi il giorno prima ha detto che da 25 anni i magistrati danno vita a una incredibile barbarie giustizialista. Ma quale barbarie, i magistrati fanno il proprio dovere! I politici che rubano almeno si vergognavano prima, ora invece ti sfottono, ti accusano, dicono che non si devono fare le indagini e che bisogna cambiare la legge”. Davigo ha fatto una fotografia della situazione che è realmente viva oggi. Renzi ha le mani inguaiate con tanti suoi collaboratori. Ci sono tante inchieste in corso che dimostrano che in effetti pulizia non ancora si fa. E sono 400 giorni che in Parlamento si discute della questione della prescrizione. Centinaia di migliaia di processi all’anno vanno in prescrizione. Non si fa in tempo a scoprire il reato che già va in prescrizione. Solo nel nostro paese la prescrizione inizia a decorrere da quando scatta il reato e non da quando si scopre che il reato è stato commesso. Nel 1992 abbiamo scoperto un tumore sociale, che è la corruzione ambientale. Nonostante abbiamo scoperto un tumore sociale ancora oggi accusano noi, i medici, invece di prendersela con la malattia”. A questo punto solo i cittadini-elettori possono cambiare la situazione, a cominciare dal Referendum costituzionale che si terrà nei prossimi mesi. Le riforme della Costituzione volute dal Governo Renzi e varate dall’attuale Parlamento stravolgono il concetto stesso di democrazia popolare. Per questo io andrò a votare e voterò “NO” alla riforma costituzionale.  

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/1rkyOhu


Antonio Di Pietro | Promuovi anche tu la tua Pagina