Facebook YouTube Biografia Scrivimi

Male non fare, paura non avere

Caro Beppe,

quel che è successo a me, ora sta succedendo a te.
La vicenda del Costa Rica fa comprendere quanto il tuo essere libero, e non servo dei poteri forti, faccia paura.
Su di me, nel corso degli anni, son state raccontate tantissime menzogne. Mi sono state attribuite ben 56 case, una falsità assoluta visto che, addirittura, sono state scambiate per case le particelle catastali dei terreni agricoli di mio padre buonanima o i fienili o il capanno delle galline. Mi sono state dedicate non so quante prime pagine che mi hanno visto protagonista di spy story e di investimenti mirabolanti anche all’estero, proprio come sta accadendo adesso a te.
Insomma, la storia si ripete e, guarda caso, ad essere colpite sono sempre e solo le persone che, con la schiena dritta, scelgono di stare fuori dal sistema. E’ un sistema malato che si avvale di una parte dell’informazione, quella asservita e piegata a gruppi d’interesse che hanno paura di chi non vuole sottomettersi e, pertanto, sfugge al loro controllo.
Purtroppo, caro Beppe, la questione è seria, non scherzarci troppo sopra. È un sistema perverso che si accanisce fino a quando non raggiunge l’obiettivo.
Permettimi allora di darti un consiglio spassionato, visto che io ho già vissuto lo stesso tuo calvario: l’unica soluzione è quella di far valere le proprie ragioni, davanti all’autorità giudiziaria, rivendicando la propria onestà e chiamando i diffamatori a rispondere delle loro falsità e a risarcire i danni. Io l’ho fatto in tante occasioni e continuerò a farlo, senza aver paura.

Ciao e resisti,
Antonio

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/WyTZf8
Immagine

E mo’ basta

Questa mattina ho appreso, leggendo la solita ‘Unità’ e facendo finta di ascoltare il solito TG4, che avrei lasciato al proprio destino l’Italia dei Valori per fondare un nuovo partito, di cui addirittura avrei già pronto il simbolo di colore viola che racchiude semplicemente la parola “Basta”. Ovviamente io non ne so nulla, come non sapevo nulla delle 56 case che di recente mi hanno falsamente attribuito, pur di farmi passare per palazzinaro. Ma una cosa è vera, anzi due: sto diventando davvero “viola” di rabbia per le continue falsità e calunnie che mi vengono riversate addosso. Soprattutto mi viene davvero voglia di urlare una volta per tutte: “E mo’ basta con tutte queste sciocchezze!”. Sono ben conscio che i signori della disinformazione e del killeraggio politico si devono liberare dell’Italia dei Valori prima delle prossime elezioni nazionali. Il motivo è semplice e banale: sanno che non siamo disponibili a squallidi inciuci e compromessi inaccettabili e quindi vorrebbero semplicemente evitare che IdV possa tornare ancora una volta in Parlamento. Addirittura stanno arzigogolando una nuova legge elettorale, cucita a misura solo per evitare che IdV, e solo IdV, possa raggiungere il quorum. La lotta politica mi sta bene, a patto però che essa venga giocata senza colpi proibiti e senza trucchi, tipo quest’ultima boiata informativa secondo cui io starei sciogliendo il partito: “ballon d’essai” lanciato appositamente per indurre i simpatizzanti, dirigenti e quadri operativi del partito a sciogliere le righe e andare tutti a casa. Questa non è lotta politica. E’ premeditato omicidio politico e, cioè, esattamente ciò che avevo denunciato anche giorni addietro in una mia accorata intervista su “Il Fatto quotidiano”, allorché dissi che alcune mirate calunnie stavano facendo morire il partito. L’Italia dei Valori è una formazione politica scomoda alle politiche dell’inciucio, finora portate avanti a destra e a sinistra, e quindi un nostro forte successo elettorale e la conseguente massiccia nostra presenza in Parlamento, nella prossima legislatura, impedirebbero al centrosinistra di fare alleanze con chi ha fatto comunella in tutti questi anni, prima con il Governo Berlusconi e ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/TrKuYK


Antonio Di Pietro | Promuovi anche tu la tua Pagina