Facebook YouTube Biografia Scrivimi

Carta canta, Passera non può non sapere

Il ministro Passera non può non sapere, sia per le numerose interrogazioni, presentate alla Camera e al Senato da IdV, sia perché abbiamo consegnato personalmente a lui un dossier contenente anche tutti i risvolti della vicenda Finmeccanica.

Molto prima che fossero note le inchieste e che Finmeccanica conquistasse i titoli delle prime pagine di tutti i giornali, con diverse interrogazioni l’Idv aveva già sollevato la questione alla Camera. Abbiamo denunciato la vergognosa spartizione dei partiti che ha portato Giuseppe Orsi, un uomo della Lega, ai vertici della multinazionale, non per le sue capacità manageriali, ma solo per l’appartenenza politica.

Mentre al Senato, con un’altra interrogazione, il capogruppo IdV, Felice Belisario, ha segnalato le vicende poco chiare sulla vendita di elicotteri in India, che vedevano implicato Orsi. Carta canta, è tutto scritto nelle nostre interrogazioni e il ministro dello Sviluppo economico non può dire di non essere stato avvertito.

L’unica soluzione era ed è l’azzeramento immediato dei vertici, nominati solo per fare un favore ai partiti.

——————————————

Ecco le prove della nostra attività

Interrogazione Camera 22 settembre 2011

Interrogazione Camera 29 settembre 2011

Interrogazione Camera 3 ottobre 2011 /1

Interrogazione Camera 3 ottobre 2011/2

Interrogazione Camera 3 ottobre 2011/3

Interrogazione Camera 13 ottobre 2011

Mozione Camera 2 novembre 2011

Interrogazione Camera 29 novembre 2011

Interrogazione Camera 30 novembre 2011

Interrogazione del Sen. Belisario 22 marzo 2012

Il 22 novembre scorso avevamo anche tenuto una conferenza stampa per denunciare il tutto, ecco il video:

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: https://bit.ly/JsfGC0
Digressione

C’è del marcio in Italia

Giovedì mattina, alle ore 10, l'Italia dei Valori depositerà in Cassazione il quesito per il referendum che chiede di abolire i rimborsi elettorali ai partiti, cioè il finanziamento pubblico mascherato con cui le forze politiche hanno aggirato l'esito del referendum del 1993. Abolire i rimborsi elettorali non serve solo a ripristinare la sovranità popolare tradita e a evitare che si continuino a buttare soldi, per ingrassare la cricca in un momento così difficile. E' anche il solo modo per aggredire alla fonte l'origine della corruzione che sta distruggendo il nostro Paese. Sono questi i settori da colpire, non l’articolo 18 e i diritti dei lavoratori. I giornali sono tornati a essere bollettini di guerra e trasversalmente vengono tirati in ballo tutti partiti. C’è del marcio in Danimarca? No, in Italia. Ogni santo giorno, infatti, viene fuori qualche nuovo episodio di corruzione, qualche legame ignobile tra la politica e il sottobosco degli affari. Le metastasi sono ovunque e le indagini devono per forza essere a tutto campo: dall'ex tesoriere della Margherita Lusi al presidente del consiglio regionale lombardo, il leghista Davide Boni, fino al vicepresidente dello stesso consiglio Filippo Penati, piddino. L’ultimo caso è di oggi con il tesoriere della Lega, Francesco Belsito, è indagato per ipotesi di reato molto gravi.Non si tratta di due, tre o mille mariuoli. E' un sistema, come Tangentopoli, ma ancora più esteso e diffuso. L'origine del morbo è lo strapotere dei partiti che hanno occupato lo Stato, non per servire i cittadini, ma per servirsi dei cittadini. Il finanziamento pubblico è la fonte che permette ai partiti di continuare a essere organizzazioni finalizzate a proteggere e sviluppare se stesse invece che strutture al servizio dei cittadini e della cosa pubblica. Per questo, e non per antipolitica, come dice chi non sa più come difendere un sistema indifendibile, noi dell'Italia dei Valori vogliamo abolirlo. E siamo sicuri che la stragrande maggioranza dei cittadini sarà al nostro fianco anche in questa nuova battaglia referendaria.

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: https://bit.ly/HGOYWz


Antonio Di Pietro | Promuovi anche tu la tua Pagina