Facebook YouTube Biografia Scrivimi
Digressione

Omertà

Questo governo, che sta in piedi solo perché Berlusconi glielo permette, si prepara a fare quel che Berlusconi non era mai riuscito a fare: una legge contro le intercettazioni. Imbavaglierà la stampa, toglierà alla magistratura l’arma principale per combattere la corruzione, terrà i cittadini all’oscuro sulle malefatte dei politici. Così saranno tutti contenti: occhio non vede, cuore non duole. Più felici e grati di tutti saranno i corrotti e i mafiosi. Non avranno più niente da temere.
Questo scempio si potrà compiere grazie a una pressoché totale complicità da parte della politica e dei mezzi d’informazione. I leader e le testate che giustamente insorgevano quando il governo di Berlusconi minacciava il blitz, oggi che ad annunciarlo è Monti guardano dall’altra parte. Questo comportamento ha un nome preciso: si chiama omertà.
Che fosse o meno nelle sue intenzioni, la spinta per questo arrembaggio finale contro la magistratura e contro la libertà di informazione l’ha data il Presidente della Repubblica con la sua decisione di sollevare il conflitto di attribuzione contro i magistrati che indagano su una delle pagine più torbide e oscure nella storia dei rapporti inconfessabili tra lo Stato e la mafia.
Ieri su Repubblica, uno dei giornali che per le critiche mosse a Napolitano ha trattato noi dell’Italia dei Valori (e me Antonio Di Pietro personalmente), come irresponsabili ed eversori, è uscito un lucidissimo articolo firmato dal costituzionalista Gustavo Zagrebelsky che spiega nei dettagli come e perchè quell’iniziativa del capo dello Stato sia stata sbagliatissima da tutti i punti di vista, e abbia delegittimato i magistrati impegnati in una delicatissima inchiesta. Sono, come si può facilmente verificare, gli stessi argomenti che avevo adoperato io. Sono contento, quindi, di non passare più per teppista e provocatore.
Ma non basta riconoscere che il Colle ha sbagliato, ora che la frittata è stata fatta.
Bisogna impedire che il governo parta da quell’errore, come ha fatto ieri Monti nella sua inqualificabile intervista, per portare ai corrotti lo scalpo delle intercettazioni. Per questo io chiedo solennemente a tutti i partiti e a tutte le testate che avevano preso posizione contro le leggi bavaglio di non inchinarsi al ricatto di Monti e di avere il coraggio e la dignità di dire no anche a questo governo come lo dicevano a quello di Berlusconi.
Carta canta. Non ci vuole niente a rintracciare le loro argomentazioni contro le leggi bavaglio e a ripubblicare i loro infiammati articoli. Se oggi vogliono “voltare gabbana” dovranno almeno spiegare ai loro elettori e ai loro lettori che cosa è cambiato oltre al nome dell’inquilino di palazzo Chigi.

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/OIDcSk
Video

Il vuoto legislativo e le intercettazioni di Napolitano

Questa mattina in aula sono intervenuto sul tema delle intercettazioni indirette del capo dello Stato: che fare? Le quattro istituzioni che si sono espresse sul tema hanno raggiunto quattro posizioni diverse. Signor presidente, chiedo che l'ufficio di presidenza e il Parlamento tutto mettano mano a una materia delicata e importante che credo debba essere risolta perché il difetto di interpretazione posto finora e le diverse indicazioni date dalle varie autorità dello Stato rendono difficile la comprensione e molto pericolosa la mancanza di una soluzione. La questione è delicata, riguarda le cosiddette intercettazioni indirette, cioè quando, sottoposta legittimamente a intercettazione una persona che può essere intercettata, questa persona a sua volta si trova a parlare con una persona che per legge non può essere intercettata. Mi riferisco per esempio al capo dello Stato che per definizione, giustamente, non può subire alcuna intercettazione. Però può capitare che persone legittimamente intercettate si trovino a parlare anche con persone non intercettate come il capo dello Stato. Che fare e che utilizzo poter fare di queste telefonate? La Costituzione prevede quattro organi costituzionali di primissimo livello: il Parlamento, il governo, la magistratura e soprattutto il presidente della Repubblica. Nel tempo, tutte e quattro queste istituzioni si sono espresse al riguardo. Purtroppo, in quattro modi diversi. Il Parlamento (cito testualmente dalla seduta numero 147 del 7 marzo 1997 del Senato) a suo tempo ha rilevato che "la disciplina in materia è frammentaria e lacunosa, e merita per più versi un intervento normativo e chiarificatore che potrebbe essere inserito nella disciplina proposta nel ddl presentato nel novembre 1996 ". Quindi secondo il Parlamento dovrebbe essere fatta una selezione preventiva a cura del pm e del giudice prima del deposito per valutare se quella telefonata può essere utilizzata. Il governo non più di due settimane fa si è testualmente espresso, col ministro Severino, dicendo che "in questo caso le telefonate anche se indirette devono essere segretate”. Cioè non vanno distrutte ma segretate. La magistratura, da ultima quella di Palermo, ha invece fatto rilevare che secondo la legislazione attuale le telefonate intercettate devono essere messe a disposizione di tutte le parti, accusa e difesa, affinché nell'esercizio ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/O0ZA4F


Antonio Di Pietro | Promuovi anche tu la tua Pagina