Facebook Twitter YouTube Biografia NewsLetter Scrivimi

Il Parlamento approvi subito la legge sulla rappresentanza nei luoghi di lavoro

 Il Parlamento approvi subito la legge sulla rappresentanza nei luoghi di lavoro

Due giorni fa è arrivata una buona notizia, ignorata o tenuta sotto traccia dai grandi giornali. Una decisione della Consulta che riporta tutti i soggetti, sindacati e imprese, nell’ambito della Costituzione repubblicana. E’ stata una sentenza storica, che ha spazzato via l’articolo 19 dello Statuto dei lavoratori, che dava la possibilità di esercitare il diritto di fare sindacato nei luoghi di lavoro solo a chi sottoscriveva i contratti. Una modifica che era stata fatta nel 2010 e che i metalmeccanici Cgil non firmarono.
Ora c’è solo una cosa che il Parlamento deve fare: attivarsi per approvare una legge sulla rappresentanza, visto il vuoto normativo che si viene a creare. Il testo c’è già ed è stato presentato nella scorsa legislatura dall’Italia dei Valori. La nostra proposta prevedeva non solo il diritto di rappresentanza per tutti i sindacati liberi e autonomi ma, soprattutto, quello dei lavoratori nell’approvare o meno, tramite un voto, gli accordi firmati dai sindacalisti.
Comunque è bene riavvolgere il nastro di questa storia: tutto parte dalla stagione berlusconiana degli accordi separati e della divisione delle organizzazioni sindacali che ha zittito i lavoratori. La Fiat di Marchionne, sostenuta dall’allora ministro Sacconi, provò a demolire prima gli accordi aziendali, liberamente sottoscritti, poi le leggi in materia di libertà sindacale e, infine, addirittura la Costituzione, approvando il famigerato articolo 8 sulla contrattazione che distrugge, con le deroghe, il valore universale dei contratti nazionali liberamente pattuiti. Ricordiamo che la Fiat, pur di ottenere questo risultato politico, uscì da Confindustria.
L’Italia dei Valori, sin dall’inizio, si è schierata a favore dell’applicazione della Costituzione, dentro e fuori le aziende, e non è mai intervenuta sulla libertà delle parti, impresa e sindacato. Ed ha denunciato, sin da subito, il pericolo di un eventuale spostamento dell’asse strategico dell’azienda negli Stati Uniti, con la conseguente chiusura di interi stabilimenti italiani. Cosa che è puntualmente avvenuta, voluta dagli azionisti Fiat, per l’Irisbus, per Termini Imerese e per la Cnh di Imola.
Abbiamo sempre denunciato, fuori e dentro il Parlamento, che lo scontro voluto, cercato e perseguito con la Fiom servisse solo ad individuare un capro espiatorio, al fine di agire indisturbati nell’abbandono del settore auto in Italia e per concentrare soldi e risorse che indirettamente arrivavano anche dalle finanze pubbliche. La prova è nel pagamento, con soldi pubblici, dal 2008, di circa il 50% di tutti gli stipendi dei lavoratori Fiat posti in cassa integrazione.
Adesso, dopo la pronuncia della Corte, il Parlamento vari subito la legge per colmare questo vuoto e per ripristinare un sacrosanto diritto.

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/11mnnrd

Quei 120 miliardi di evasione vadano al lavoro

C’è una crisi economica che va affrontata al più presto. La classe media è destinata a sparire, la nostra gioventù emigra e il Paese ogni giorno che passa diventa più povero. Senza investimenti e senza lavoro il motore non si riaccende, i consumi non ripartono. E quel miliardo che il governo intende assegnare all’occupazione non è certo sufficiente a bloccare l’emorragia in corso. L’esecutivo dice: “la coperta è corta, non sappiamo dove reperire le risorse”, ma questa coperta ha delle parti nascoste, volutamente nascoste, e di cui l’esecutivo non intende avvalersi. E mi riferisco all’economia illegale che è lo zoccolo duro del nostro sistema. Basterebbe attingere da questa grande cassa del malaffare per rilanciare la crescita. Il mio non è un esercizio di retorica, è la realtà dei fatti. Perché l’evasione non viene contrastata adeguatamente? Si è consapevoli che chi ha evaso, ha rubato soldi alla collettività? Le nostre cronache sono piene di scandali che coinvolgono dirigenti e volti noti che evadono o che detengono all’estero i loro patrimoni. E non parliamo di cifre irrisorie, ma di miliardi, secondo la Corte dei Conti siamo intorno ai 120 miliardi annui, quindi 119 miliardi in più rispetto ai fondi assegnati dal Governo Letta al lavoro, se la matematica non è un’opinione. Ciò che ripugna di più è che tra questi evasori vi siano coloro che all’estero spesso rappresentano l’Italia: stilisti, imprenditori che si sono avvalsi di fondi pubblici, dirigenti di Stato e politici della prima e della seconda ora. In un Paese normale, civile e democratico, un governo degno di questo nome avrebbe subito punito chi agisce nell’illegalità, recuperato i fondi che giacciono in Svizzera, come hanno fatto altri partner  europei,  e premiato gli onesti. Purtroppo in Italia non funziona così, anzi, certi personaggi discutibili sono diventate icone della nostra società, esempi da seguire. Insomma in questo ventennio berlusconiano, c’è stata anche una trasformazione  culturale che ha compromesso il nostro Paese e che ha legittimato l’ingiusto operato dei nostri politici. Adesso, ed è bene ricordarlo,  il governo Letta ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/10N6IwL

Emergenza lavoro? No, loro pensano a salvare Berlusconi

L’Italia continua ad essere prigioniera delle logiche criminali che paralizzano i Palazzi del potere. C’è un’emergenza che si chiama occupazione e andrebbe affrontata senza proferire parola. Ma l’attuale Parlamento, figlio di una scellerata legge anticostituzionale che ha tolto la sovranità ai cittadini, persevera nella politica del vendere fumo. Sentiamo solo vuoti annunci, come dice oggi anche il leader della Cgil, ma non vediamo fatti. I nostri giovani sono costretti ad emigrare, le famiglie sono gli unici ammortizzatori sociali, il diritto allo studio è ormai riservato ai ricchi, le imprese chiudono mentre la corruzione e l’evasione continuano a proliferare. Insomma questo Governo sta perpetuando un copione già visto con i precedenti, portando in Parlamento provvedimenti che sono solo scatole vuote non adeguate a rilanciare l’economia. Si sa che un Paese che non punta sul lavoro e sugli investimenti è destinato a morire, sopravvivrà solo l’oligarchia che ha creato ad hoc il sistema. Davanti a tutto questo mi chiedo: dove è finita l’opposizione? Dove sono quegli atti di contrasto e propositivi che un’opposizione parlamentare seria dovrebbe presentare per rimettere al centro dell’agenda le priorità delle priorità, ossia il lavoro e il rilancio dell’economia? Oggi il Parlamento è impegnato nel voto di fiducia sul cosiddetto decreto emergenze, ma è un provvedimento bluff. Ve lo do io il bilancio dei primi 50 giorni del Governo Pd – Pdl e dei primi 90 delle Camere: il nulla.  Solo spot, vuoti annunci in sedi internazionali e i titoli dei giornali, non a caso, utilizzano sempre verbi al futuro: faremo, rilanceremo, proporremo. Del resto è un balletto di chiacchiere a cui siamo abituati da 20 anni a questa parte. Ma dimenticavo un’ultima perla: da notizie stampa si apprende che a seguito della sentenza su Berlusconi sarebbe in arrivo una norma che dovrebbe intervenire sugli articoli 28 e 29 del codice penale, quelli che disciplinano l’interdizione dai pubblici uffici, proprio la pena accessoria a cui è stato condannato il Cavaliere nel processo Mediaset. Con due sole parole i soliti noti intendono alzare ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/11RxDTb

Il decreto “Fare” censura il lavoro

Tra il dire e il fare questo governo continua solo a vivacchiare. Nel decreto sbandierato ai quattro venti dall’esecutivo Letta non c’è una sola misura volta a creare occupazione, in quanto sono state approvate norme inefficaci sul piano dell’economia reale.  La scelta liberista del Pd, che ha abbandonato qualsiasi contenuto riformista sull’altare dell’inciucio con il Pdl, è confermata dal gradimento del Cavaliere che ha chiesto di andare avanti con le larghe intese. Alla destra fa comodo questo Pd che rinuncia a tutelare i più deboli e a difendere il lavoro. La sinistra è caduta nell’abbraccio mortale di Berlusconi, cancellando dalla sua agenda la priorità della tutela dell’occupazione, una giusta politica sulle pensioni e l’incremento degli ammortizzatori sociali. In Italia la disoccupazione aumenta di giorno in giorno e sta per esplodere una bomba sociale, ma non si fa quasi nulla per porre un freno a quest’emergenza. Il governo Pd-Pdl è sempre più bloccato da veti incrociati e l’unica cosa su cui sono tutti d’accordo è di non toccare Silvio Berlusconi, quindi niente legge sul conflitto d’interessi, niente norma su ineleggibilità del Cavaliere. Il nostro Paese è gravemente malato e avrebbe bisogno di una cura da cavallo, invece l’esecutivo ci propina l’aspirina con il decreto del fare. La realtà è che non si può e non si vuole fare nulla perché si continuano a difendere gli interessi dei banchieri, delle lobby finanziarie e si lasciano le classi sociali più deboli al loro destino. In questo Letta sta dimostrando di saperci fare.

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/10pQIRl
Immagine

Non bastavano gli esodati

Non bastavano gli esodati, lasciati senza lavoro e senza pensione da un governo cinico e cialtrone. Tra poco a quell'esercito disperato rischiano di aggiungersi altri 500mila lavoratori. Tanti sono, in Italia, i cassintegrati, una cifra enorme che ha sfondato ogni tetto. La copertura economica ci dovrebbe essere fino a giugno, poi sarà un salto nel buio della miseria e della fame. I ministri del governo Monti, che sono ancora in carica alla faccia della Costituzione, assicurano che il problema sarà certamente risolto in tempo. Tenendo conto di quante volte lo hanno detto degli esodati e di come sono andate le cose fino ad oggi su quel fronte, c'è da toccare ferro. A questo disastro non ci siamo arrivati per malasorte, come fa credere il coretto dell'informazione addomesticata. L'Italia non è vittima di un uragano o di un terremoto, e neppure solo della crisi. E' vittima di politiche sbagliate, perseguite con stupida e cieca ostinazione, anche quando era già chiarissimo dove quelle politiche andavano a parare. La prova di quanto fosse possibile capire che correvamo a rotta di collo verso l'abisso sta in tutte le denunce, le dichiarazioni e in tutti gli atti parlamentari firmati, nell'arco di anni, dall'Italia dei Valori. Andatevele a rivedere, su questo blog o sul sito dell'IdV, e dite voi se le cose non sono andate precisamene come dicevamo noi e come era sin troppo facile prevedere. Sono state politiche sbagliate a provocare la crisi. Sono state politiche ancora più sbagliate a impedire di superarla, come sta riuscendo a fare il presidente Obama, e anzi a renderla molto più grave. Che senso ha, allora, cercare di fare un governo con chi quelle politiche le ha volute e le vorrebbe ancora? A cosa serve un governo se i partiti non hanno la capacità, l'onestà e il coraggio di ammettere di avere sin qui sbagliato e di indicare con precisione quale nuova strada vogliono percorrere? Gli italiani si fiderebbero dei partiti se questi si decidessero ad affrontare a viso aperto questi nodi. Capirebbero che chi pretende di governarli ha capito di cosa deve occuparsi, ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/157Tlbg

Italia 2013: 5 milioni di disoccupati

La fotografia scattata dall’Istat sullo stato dell’occupazione in Italia ci mette davanti a uno scenario drammatico. Nel 2012 il nostro Paese conta oltre 5 milioni di persone tra disoccupati e inattivi. E’ una catastrofe sociale ed economica a cui il governo Berlusconi prima e quello Monti poi non hanno saputo dare risposte adeguate, arrivando addirittura a peggiorare la situazione con le ‘controriforme’ messe in campo. E’ stato facile far pagare il conto della crisi sempre agli stessi: lavoratori dipendenti, artigiani, piccole e medie imprese, imprenditori onesti, pensionati e giovani precari. Insomma, lo stato sociale è stato smantellato, colpo dopo colpo, e la spina dorsale dell’economia italiana è stata ridotta allo stremo, mortificata da politiche miopi e, spesso, disastrose. Politiche che, in questi anni, noi dell’Italia dei Valori, in perfetta solitudine, abbiamo contrastato fuori e dentro il Parlamento. Oggi, insistiamo ribadendo la necessità di adottare alcune fondamentali misure per il rilancio della nostra economia. E’ indispensabile allentare i vincoli finanziari e di bilancio imposti dall’Europa, a partire dal Fiscal Compact, senza rinunciare al rigore e alle riforme strutturali. Proponiamo che le spese fatte per le infrastrutture non vengano conteggiate ai fini della valutazione del deficit dello Stato per poter così coniugare il rigore con le esigenze dello sviluppo. E’ necessario, inoltre, che lo Stato renda esigibili circa 90 miliardi di debito verso le imprese. Il vero dramma dell’Italia è che, oggi, anche aziende che dispongono di commesse finiscono spesso per fallire visto che non vengono pagate. Occorre, infine, defiscalizzare gli oneri sia per le imprese che assumono a tempo indeterminato sia per quelle che investono per modernizzare, a tutti i livelli, la produzione senza delocalizzare. E’ del Paese reale che deve occuparsi la politica ed è ai cittadini che deve delle risposte concrete e immediate. I giochi di Palazzo, ai quali stiamo assistendo ormai da settimane, non fanno altro che aumentare il distacco e la sfiducia degli elettori nei confronti della politica, esasperando una situazione già delicatissima. Solo mettendo in moto un cambiamento radicale sarà possibile ridare dignità alle Istituzioni e voltare pagina, evitando così che il nostro Paese sprofondi nel baratro.

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/14dY2kA

L’unica cosa che conta

Stamattina tre persone si sono uccise a Civitanova Marche, due coniugi di 63 e 68 anni e il fratello della donna, settantenne.  I due coniugi erano poveri, non ce la facevano più ad andare avanti. Hanno preferito farla finita piuttosto che continuare a vivere senza soldi e senza lavoro, spogliati di tutto. Il terzo suicida era il fratello della donna. Non ha retto al dolore e quando ha saputo del doppio suicidio dei suoi congiunti si è buttato in mare. Si dirà che sono vittime della crisi, ma non è vero. Sono vittime delle leggi sbagliate con cui la crisi è stata resa più feroce dal governo Monti e dalla ministra Fornero. Lui era un esodato, uno di quelli lasciati senza lavoro e senza reddito da quel governo cinico, uno di quei 350mila lavoratori truffati e ingannati dallo Stato, che li aveva convinti a lasciare il lavoro promettendo di accompagnarli sino alla pensione e poi li ha lasciati nudi in mezzo a una strada, senza dignità. Lei era una pensionata, una di quelle a cui lo Stato chiede di sopravvivere con una pensione che è al di sotto del minimo indispensabile e poi, per salvare le banche, gliela dimezza con le tasse. Non è solo sconcertante, è scandaloso ed è barbaro che la politica sprechi il suo tempo a discutere con chi ci si può alleare e con chi no, o quale astrusa formula possa permettere di far nascere un governo purchessia, senza che nessuno parli più della realtà. Le alleanze di governo si dovrebbero basare su cosa si vuole fare, non sulle formule alchemiche. Se si tornerà alle elezioni, in campagna elettorale si dovrebbe illustrare per cosa si chiedono i voti, non sbandierare slogan vuoti e sorrisi da caimano in tv a tutte le ore. Se nascerà, un governo serio avrà il dovere di mettere al primo posto nella sua agenda la cancellazione delle leggi assurde con cui prima il governo Berlusconi, poi quello Monti hanno ridotto alla disperazione un popolo, prima fra tutte la riforma delle pensioni della Fornero e in particolare la tragedia degli esodati. Non si può andare avanti con ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/10EpiRB
Immagine

L’Italia si laurea in “Disoccupazione”

In Italia la laurea è il miglior viatico per la disoccupazione. I laureati che cercano inutilmente un lavoro sono più di 300mila. Tra questi, ben 200mila hanno meno di 35 anni. Sono quei giovani che, secondo la Fornero, avrebbero trovato un impiego molto più facilmente grazie alle sue riforme e che, invece, in un anno e mezzo hanno superato ogni record negativo. La disoccupazione giovanile, tra laureati e non, ha raggiunto il 34%. Questo disastro, che nel giro di un decennio raderà al suolo l’economia del nostro Paese, non è figlio di nessuno. Infatti, è una conseguenza diretta delle politiche del governo Berlusconi e conservate, quando non peggiorate, da quello Monti. Nessuno Stato europeo ha effettuato tanti tagli all’istruzione, alla formazione e alla ricerca quanto in Italia. L’Europa, che di certo non è di manica larga, ha sentito il bisogno di ammonirci e di dire forte e chiaro che così non va, perché su questa china perderemo presto ogni possibilità di competere e ci ritroveremo con un livello di disoccupazione giovanile ancora più alto. Non mi fa piacere dover dire che, quanto denunciato oggi da Bruxelles, l’Italia dei Valori l’ha ripetuto mille volte nelle Aule del Parlamento, senza che nessuno ci ascoltasse. Sarebbe necessario che le forze politiche, invece di giocare a scacchi, chiedessero consenso solo su cose concrete: sull’obbligo di rilanciare immediatamente l’istruzione e la formazione pubbliche, sulla necessità di abrogare le leggi come quella di Berlusconi contro il contratto nazionale del lavoro o come quella di Monti che cancella l’art.18 dello Statuto dei lavoratori. Non per ideologia, ma perché queste norme hanno fatto solo danni. Altrettanto urgente è mettere subito in opera politiche non austere e recessive per ridare fiato all’economia e uscire dalla recessione. Chi vuol governare deve chiedere la fiducia al Parlamento su tali temi, e non su questo o quel nome tirato fuori dal cilindro come un coniglio. Se non la ottiene deve tornare al voto e chiederla direttamente ai cittadini. E’ questo il solo cambiamento reale, nel merito e nel metodo.

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/X7ACtV


Antonio Di Pietro | Promuovi anche tu la tua Pagina