Facebook YouTube Biografia Scrivimi

Berlusconi si rassegni, è uguale agli altri cittadini

Il fatto che il Pdl minacci di bloccare il lavoro parlamentare, di aizzare le piazze contro una sentenza emessa dai giudici, vuol dire che stiamo abbandonando lo Stato di diritto e stiamo andando verso una pericolosa deriva autoritaria, verso un Paese non più governato e governabile.  Mi domando e domando ai partner politici di questa congrega di approfittatori fino a che punto intendano essere colpevolmente silenziosi, indifferenti, con i loro comportamenti da Ponzio Pilato, rispetto a tutto ciò che accade. Una cosa è avere una maggioranza per governare il Paese, altra è, invece, mantenere una maggioranza per garantire l’impunità a persone che la magistratura ha già riconosciuto essere criminali. Riavvolgiamo il nastro per far comprendere l’assurdità di quest’atteggiamento schizofrenico del Pdl.
(altro…)

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url:

La Consulta dice NO al ricorso di Berlusconi il processo Mediaset va avanti.

Tutti i nodi vengono al pettine. E’ ora che Berlusconi lasci che la magistratura faccia il proprio dovere. La smetta con le sue eccezioni procedurali da azzeccagarbugli che, da anni, sta portando avanti sempre e solo per non arrivare ad una sentenza di merito che valuti i suoi comportamenti. Fino ad oggi è riuscito a farla franca in quanto ha piegato le istituzioni al proprio volere ed ha fatto ricorso a mezzucci, ovvero a leggi ad personam, come la riduzione dei tempi della prescrizione o la depenalizzazione del falso in bilancio. Berlusconi la smetta di scappare e affronti le proprie responsabilità

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url:

Informazione di regime

Ma che fa l'Agcom, dorme? Si è dimenticata che in Italia esiste una legge? Che ci sta a fare se sa solo difendere Golia, cioè i partiti grossi che occupano le tv dalla mattina alla sera, e picchiare Davide, cioè i partiti più piccoli e più scomodi come l'Italia dei Valori, che vengono fatti scomparire alla faccia delle regole, della legge e, soprattutto, della democrazia? Da giorni e giorni se, a qualsiasi ora, un italiano accende la televisione si ritrova di fronte Berlusconi che parla e straparla, racconta balle, attacca le leggi che lui stesso ha votato e un governo a cui ha dato la fiducia più di 50 volte. Berlusconi è uno di quelli convinti che le bugie, se le ripeti moltissime volte, verranno scambiate per verità. Per riuscirci usa le sue tv, in pieno conflitto d’interessi, e usa anche quelle pubbliche, tanto nessuno gli dice niente. Se quell'italiano resta davanti al video, subito dopo gli passa davanti Monti con le sue due facce: quella del presidente del Consiglio, al di sopra delle parti, e quella del capo di una parte. Il Monti presidente del Consiglio racconta le panzane che fanno comodo al Monti candidato. Dice che adesso in Italia si sta meglio, che la crisi è quasi finita, che lui ha salvato il Paese. E siccome le dice con la veste del presidente del Consiglio e non con quella del candidato, nessuno lo può sbugiardare e chiedere conto delle balle che racconta. Nell'informazione italiana vige una legge sola: quella del più forte, del più ammanicato e di quello che ha più clienti che gli scondizolano dietro. Noi dell'Italia dei Valori siamo un partito scomodo e non abbiamo strumenti di pressione, perché, a suo tempo, siamo stati gli unici a essere coerenti e a rifiutare le poltrone lottizzate in Rai che ci venivano offerte.  Dunque non esistiamo più, mentre come forza presente in Parlamento, avremmo diritto esattamente allo stesso spazio che hanno quei partiti che ormai te le li ritrovi davanti sul video anche mentre dormi. Per questo presenteremo un esposto nel quale chiederemo formalmente ... Leggi tutto ...

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url:


Antonio Di Pietro | Promuovi anche tu la tua Pagina