Facebook YouTube Biografia Scrivimi
Digressione

A Vasto, per il cambiamento utile

Due giorni fa, con un cinismo che fa il paio con quello dei politici di professione, Mario Monti ha mentito addossando allo Statuto dei lavoratori, cioè ai diritti dei lavoratori, la colpa della recessione, della disoccupazione e della mancata ripartenza economica dell’Italia.

Con quella provocazione Monti voleva coprire le responsabilità del suo governo, ma anche quelle delle caste che con la loro miopia, con la difesa strenua solo dei loro profitti e l’incapacità di progettare il futuro hanno creato le condizioni per questa crisi. Per rappresentare politicamente gli interessi di quelle caste privilegiate i partiti politici fanno a gara. Nessuno o quasi, invece, rappresenta, nei fatti e non a parole, l’altra Italia.

E mi riferisco quell’Italia onesta e operosa che vuole voltare pagina. L’Italia della società civile, dei lavoratori e degli imprenditori onesti, l’Italia dei disoccupati, dei cassintegrati, dei giovani universitari, degli studenti, dei precari, degli esodati, dei pensionati, dei docenti, del personale sanitario, delle aziende sane che si rimboccano le maniche e creano lavoro. Noi siamo con quest’Italia. La settimana prossima da Vasto cercheremo di far partire un nuovo percorso. Il traguardo è ambizioso: ricostruire una comunità solidale, legalitaria e progressista per il nostro Paese.

Per un’Italia che sappia rimettere al centro i diritti e lo sviluppo e per un’Europa che sia realmente dei popoli e non dei potentati economici. Nella tre giorni ci confronteremo sui temi che saranno al centro della nostra agenda: lavoro, pari opportunità, rinnovamento della classe dirigente e della politica, giustizia, Europa, cultura, legalità. Lo faremo cercando di coinvolgere tutti i cittadini, sia quelli presenti ai dibattiti che quelli che seguiranno i lavori in rete tramite Twitter, Facebook e il sito della festa di Vasto.

Perché siamo ben consci che solo attraverso la partecipazione e il contributo di tutti sia possibile costruire un cambiamento utile. Lanceremo la nostra sfida per il futuro, una sfida che non passa per leggi elettorali truffaldine e alchimie politicanti, ma per fatti concreti e proposte trasparenti. Indicheremo le nostre priorità e il programma di governo, a partire dai quesiti referendari sul lavoro e contro i privilegi della Casta.

L’Italia dei Valori percorrerà fino in fondo la strada del cambiamento. Non lo farà da sola ma con il popolo, con i lavoratori che difendono i propri diritti, con le aziende che vogliono ripartire e creare posti di lavoro, con i cittadini onesti che non ne possono più di essere depredati dai corrotti, dalle caste, dai ladri e dagli evasori, con le donne e gli uomini che aspettano solo un’occasione per dire basta e costruire la nuova Italia. Saranno loro la vera foto di Vasto.

Facebook
Google
Twitter
Vedi articolo
Stampa Articolo Stampa Articolo Invia ad un amico Invia ad un amico

Short Url: http://bit.ly/PlvhYb


Antonio Di Pietro | Promuovi anche tu la tua Pagina